Bitdefender Threat Report 2020: in aumento i ransomware
Bitdefender Threat Report 2020: in aumento i ransomware
Sicurezza

Bitdefender Threat Report 2020: in aumento i ransomware

By Marco Cavicchioli - 9 Set 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Bitdefender ha pubblicato il suo Mid-Year Threat Landscape Report 2020 riguardante i primi sei mesi dell’anno, in cui vengono prese in esame la crescita dei malware e le nuove tendenze.

Il dato più significativo che emerge da questo report è l’incremento di ben sette volte delle segnalazioni relative ai ransomware rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. 

L’ipotesi è che gli hacker abbiano intensificato le loro campagne d’attacco sfruttando da un lato la pandemia, e dall’altro la diffusione dello smart working. 

È aumentato anche il numero delle segnalazioni relative ai coin miner, ma solamente del 20,32%, mentre le segnalazioni relative agli exploit sono aumentate del 405,79%. 

Durante i primi tre mesi dell’anno gli hacker si sono concentrati in particolare proprio sul ransomware e su altre minacce tradizionali, mentre a partire da aprile hanno iniziato a crescere le campagne legate ai Trojan bancari, con un incremento di sette volte rispetto ai primi sei mesi del 2019. 

Una caratteristica peculiare di questa prima metà del 2020 è che praticamente tutti i criminali informatici hanno sfruttato l’emergenza globale causata dalla pandemia da Coronavirus, generando un picco di truffe, phishing e malware che ha coinvolto tutte le piattaforme. 

Addirittura, secondo la telemetria di Bitdefender, a maggio e giugno il 60% di tutte le email inviate e ricevute è risultata essere di tipo fraudolento. 

In altre parole i criminali informatici hanno colto l’opportunità di sfruttare le problematiche causate dall’emergenza coronavirus, concentrandosi di più sulla pianificazione di nuove campagne rivolte a regioni e paesi specifici, piuttosto che alla creazione di nuovi malware più sofisticati.

Bitdefender Threat Report, come agiscono gli hacker

In particolare proprio a partire da marzo, in concomitanza con l’esplosione della pandemia, gli hacker hanno iniziato ad indirizzare le loro campagne sulle regioni di volta in volta più colpite dall’emergenza sanitaria, adattando le loro strategie ed i loro messaggi ai paesi man mano maggiormente colpiti dalla diffusione del virus.

Il report non dà tuttavia informazioni riguardo l’efficacia di questi attacchi, o i profitti generati dai medesimi, perché si limita a misurarne il numero delle segnalazione mese per mese, paese per paese. 

Tuttavia all’incremento del numero delle segnalazioni corrisponde un incremento del numero degli attacchi, ed è presumibile che questo implichi anche un incremento generalizzato dei profitti generati in particolare proprio con gli attacchi ransomware.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.