banner
2gether risarcirà le vittime dell’hack
2gether risarcirà le vittime dell’hack
Blockchain

2gether risarcirà le vittime dell’hack

By Marco Cavicchioli - 21 Set 2020

Chevron down

2gether ha annunciato che risarcirà le vittime dell’hack subìto tra fine luglio ed inizio agosto. 

Infatti a causa di quell’hack 2gether perse il 27% dei fondi gestiti, pari ad 1,1 milioni di euro, ed ora fa sapere che intende risarcire gli utenti vittime di questo furto.  

Attualmente la società spagnola ha avviato un round di finanziamento con l’obiettivo di raccogliere 1,5 milioni di euro con i quali vorrebbero acquistare sul mercato Bitcoin ed Ethereum in modo da restituire agli utenti tutti, o la maggiore parte, dei fondi in BTC e ETH rubati, a patto che il loro valore si mantenga in linea a quello del giorno dell’attacco.

A fine luglio un BTC valeva circa 11.000 $, mentre un ETH valeva circa 330$. Ora BTC vale circa 10.800$, mentre ETH 365$. 

Di questi 1,5 milioni di euro 300.000 verranno messi dai tre soci fondatori, ovvero Luis Estrada, Salvador Casquero e Ramon Ferraz, perchè dicono di riporre assoluta fiducia nel futuro di 2gether

La società dichiara anche che le trattative con gli investitori sono già avviate, e stanno procedendo bene, con numerose manifestazioni d’interesse da parte dei ticket medi, compresi tra 20.000 e 50.000 €, e negoziazioni con diversi investitori disposti a coprire gran parte del round di finanziamento.

Allo stesso tempo stanno lavorando ad un crowdfunding per dar modo a chiunque di partecipare al round di finanziamento.

2gether hack, il risarcimento

Inoltre la società ha annunciato che all’interno dell’app verrà implementata una nuova funzionalità che permetterà di convertire, in toto o in parte, i fondi persi in capitale aziendale o in token 2GT. 

Il processo dovrebbe essere intuitivo, e si completerà direttamente in-app. 

Chi opterà per i token 2GT li riceverà direttamente all’interno dell’app, e potrà utilizzarli per il programma Founder Plus, la cui versione avanzata verrà lanciata tra due settimane.

Invece di chi sceglierà il capitale aziendale se ne occuperà il team di Fellow Funders, con l’aiuto degli avvocati di 2gether. 

Una volta chiusa questa vicenda la società afferma di non voler smettere di progredire. 

Dichiarano: 

“Il team è più motivato che mai a dimostrare che un simile attacco informatico non è abbastanza per mettere in ginocchio un progetto come 2gether. Nelle prossime due settimane, oltre al processo di compensazione delle perdite, lanceremo il nostro nuovo modello di prezzo per i crypto recall, che ridurrà i costi per tutti, nonché i nuovi livelli Founder Plus, con grandi vantaggi per gli utenti”. 

Il token 2GT verrà lanciato entro la fine del 2020, sebbene per ora non vi siano ulteriori dettagli a riguardo. 

Nel frattempo 2gether sta continuando a lavorare a stretto contatto con la Guardia Civil e la Polizia Nazionale Spagnola per il recupero dei fondi rubati, ma non si tratta affatto di un compito semplice. 

La società si dice fiduciosa di poter rintracciare i criminali e recuperare i fondi, ma ovviamente non può dare alcuna garanzia a riguardo. Per questo motivo ha deciso di intraprendere le due soluzioni di cui sopra, in modo da poter risarcire i fondi anche se quelli rubati non venissero mai recuperati. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.