Bitcoin: i nuovi livelli fanno partire le prese di beneficio
Bitcoin: i nuovi livelli fanno partire le prese di beneficio
Trading

Bitcoin: i nuovi livelli fanno partire le prese di beneficio

By Federico Izzi - 29 Set 2020

Chevron down

Dopo un inizio settimana pimpante, che ieri ha visto 2/3 delle principali crypto in territorio positivo e Bitcoin vicino ai livelli degli 11.000 dollari, la giornata è proseguita sgonfiando l’euforia iniziale

Dopo aver raggiunto i massimi dell’ultima settimana sono prevalse le prese di profitto di breve periodo e la giornata si è chiusa in negativo, la prima dopo 4 giorni al rialzo.

La giornata ha registrato prese di beneficio senza particolari tensioni. I volumi hanno registrato una contrazione scendendo sotto i 110 miliardi di dollari totali. 

Bitcoin si mantiene sulla media degli ultimi giorni, mentre scendono gli scambi su Ethereum che pur mantenendo i pezzi al minimo dell’ultimo mese, con un controvalore sotto il miliardo di dollari per il quarto giorno consecutivo, serie che non registrava da metà luglio.

coin360 20200929
Fonte: COIN360.com

Mercato crypto: OMG la migliore di giornata

La giornata di oggi vede la prevalenza di segni negativi per il 70% delle crypto. Tra le prime 15 solamente tre sono in verde, Binance Coin (BNB) oltre l’8% e Polkadot (DOT), +6%. Si fa notare anche oggi in controtendenza Ripple (XRP), poco sopra la parità, +0,5%. Un rialzo che prova a recuperare i 25 centesimi anche se Ripple rimane ancora ingabbiata tra i 22 e i 25 centesimi, l’andamento che la caratterizza da inizio settembre.

La migliore di giornata è OMG Network (OMG) che vola oltre il 22%, tornando ai livelli di inizio settembre, 4,50 dollari. Segue a distanza Quant (QNT), +12%. 

Fa molto bene anche Decentraland (MANA) , progetto di finanza decentralizzata +8%, stesso rialzo di Aragon (ANT).

La capitalizzazione totale si mantiene sopra i 345 miliardi di dollari. La dominance del Bitcoin arretra sotto il 58% dopo aver sfiorato il 59% la scorsa settimana. 

La dominance di Ethereum si mantiene sopra i livelli più bassi degli ultimi due mesi, poco sopra l’11,5%. Il leggero rialzo di Ripple non smuove la dominance che rimane impantanata al 3,2%, livelli che registra dalla metà di settembre.

BTC 20200929
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC): i livelli testano gli 11mila dollari

La spinta di ieri riporta le quotazioni a testare gli 11.000 dollari, livelli che hanno visto le prese di beneficio nel breve periodo, respingendo le quotazioni in area 10.600 dollari. L’area 10.200-10-500 dollari è il livello di supporto da difendere nel medio periodo. 

In caso di rottura al ribasso si aprirebbero spazi per andare a testare i 9.800-9.900 dollari, livelli che hanno visto l’aumento della forza a protezione degli operatori in opzioni.

Al rialzo è necessario spingersi oltre gli 11.300 dollari, livello dove sono posizionate le più forti ricoperture da parte degli operatori in opzioni che vedono in questa resistenza il primo vero livello cruciale da abbattere per attirare la forza rialzista e di conseguenza gli acquisti.

ETH 20200929 (1)
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Anche Ethereum reagisce ad un passo dai 370 dollari dove prevalgono le ricoperture. ETH mantiene molto bene la soglia dei 355 dollari, area spartiacque che vede dopo l’affondo di inizio mese un livello battagliero tra domande e offerta. 

Un eventuale ritorno a 320 dollari, livelli testati mercoledì scorso, coincidono in queste ore con la trendline dinamica ribassista che accompagna il rialzo di Ethereum dai minimi di metà marzo e che passa dai minimi di metà luglio. 

È questo il livello che darà in caso di rottura al ribasso una indicazione di svolta del trend da rialzista a ribassista. SI tratta di un livello al momento distante di oltre il 10% delle attuali quotazioni, perciò c’è ancora spazio di manovra e di allarme nei prossimi giorni. 

Ethereum deve consolidare i 355 dollari per aggredire i massimi relativi di metà settembre a 390 dollari, primo vero livello di resistenza protetto dagli operatori in derivati in opzioni che vedono in 390 e 415 dollari i livelli da abbattere per invertire il trend ribassista di breve periodo. 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.