Yearn Finance: in arrivo una causa ed un fork
Yearn Finance: in arrivo una causa ed un fork
Defi

Yearn Finance: in arrivo una causa ed un fork

By Marco Cavicchioli - 12 Ott 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Sono stati annunciati una causa contro il fondatore di Yearn Finance, Andre Cronje, ed un fork di YFI. 

Infatti un non meglio identificato gruppo di persone, chiamato EMN Investigation, sta raccogliendo dei fondi per finanziare una causa contro Andre Cronje, Kirby e Banteg per lo scandalo EMN (Eminence). 

Infatti a causa di quell’hack furono rubati fondi per circa 15 milioni di dollari, ed alcune vittime ritengono Cronje responsabile. 

EMN Investigation promette che il 100% dei fondi raccolti sarà utilizzato per finanziarie la causa, e promette anche che alla fine di questa campagna di crowdfunding, il 9 novembre 2020, verranno effettuati uno snapshot ed un fork, grazie ai quali il 50% della supply del nuovo token sarà distribuito a chi avrà donato fondi per finanziare la causa, mentre l’altro 50% verrà distribuito alle vittime dello scandalo EMN. 

Un fork per Yearn Finance

A proposito del fork dichiarano: 

“Creeremo un nuovo ecosistema DeFi, ma senza i cattivi attori”. 

EMN Investigation spiega anche l’accaduto, dicendo che fu proprio Andre Cronje a pubblicizzare il lancio a sorpresa di Eminence Finance, ed a implementare i relativi smart contract sulla blockchain di Ethereum. Anche il responsabile della comunicazione di Yearn Finance, Kirby, ha promosso questi smart contract dando istruzioni su come coniare ed acquistare, mentre lo sviluppatore di Yearn Finance, Banteg, vendeva i token acquistati dal contratto a Uniswap, fino a quando i contratti non sono stati violati.

Inoltre sottolineano come Cronje abbia continuato a twittare mentre la liquidità iniziava a fluire in questi contratti, e che, dopo aver prosciugato tutti i 15 milioni di dollari bloccati nei contratti grazie ad un exploit sui flash loan, l’hacker ha poi restituito 8 milioni di dollari a Cronje. 

In teoria Eminence Finance avrebbe dovuto essere un test, ma EMN Investigation afferma: 

“Se EMN era un test, allora il token doveva avere valore zero.

Eppure Andre ha osservato versare 15 milioni di dollari senza dire nulla.

Ma ha continuato a sostenere il progetto ritweettando.

Perché non ha almeno avvertito il team di Yearn Finance che stavano acquistando e vendendo un token di test senza valore?

Se gli sviluppatori di qualsiasi altro team iniziassero a proporre e vendere un token di test, sarebbero accusati di frode e l’intero team perderebbe legittimità.

Nella migliore delle ipotesi, questo è stato un lancio virale andato a male, nel peggiore dei casi è stato un rugpull”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.