banner
Criptovalute in perdita: prevalgono le prese di beneficio
Criptovalute in perdita: prevalgono le prese di beneficio
Trading

Criptovalute in perdita: prevalgono le prese di beneficio

By Federico Izzi - 3 Nov 2020

Chevron down

È una giornata di sofferenza per l’intero settore delle criptovalute che oggi vede la quasi totalità in perdita. 

Delle prime 100 solo una manciata galleggiano sopra la parità, tutto il resto evidenzia ribassi anche a doppia cifra

Fonte: COIN360.com
Fonte: COIN360.com

Va in controtendenza Bitcoin che sulle 24 ore guadagna 1,5%.

Dopo i rialzi della scorsa settimana, culminati con i top del weekend, continuano a farsi sentire le prese di beneficio, con una netta prevalenza di vendite che stanno respingendo i prezzi ai test dei livelli di medio periodo.

Criptovalute in perdita: sale la dominance di Bitcoin

Questo si osserva anche su Bitcoin, che tra le prime 30 è l’unica che su base settimanale continua ad avere un saldo positivo, mettendo in evidenza come il periodo sia soggetto agli alti e bassi della regina dell crypto. 

Lo si riscontra anche nella dominance. In periodi dove prevalgono le vendite e gli operatori cercano stabilità nel capitale, Bitcoin emerge come crypto di riferimento e questo lo sta portando nelle ultime ore a salire ulteriormente nella sua dominance, che si spinge oltre il 64% di quota di mercato, il livello più alto che non registrava dalla prima decade di luglio scorso. 

Ciò si ripercuote nella dominance di Ethereum che scende poco sotto il 12,2%, mentre Ripple crolla al 2,7%, livelli più bassi degli ultimi tre anni. 

Anche la capitalizzazione totale scende nuovamente sotto i 390 miliardi di dollari, livello più basso dalla metà di ottobre.

La giornata vede tra le prime 100 solo una manciata di crypto sopra la parità. Tra tutte svetta The Midas Touch Gold (TMTG) che è l’unica in netta controtendenza e vola con un guadagno dell’11%.

Tra le poche in salita anche Augur (REP) che guadagna poco più dell’1%, dovuto al token che nelle ultime ore è utilizzato per scommesse che vengono fatte sulle elezioni statunitensi, su una piattaforma apposita. 

Tra le big la peggiore di giornata è Chainlink (LINK) che perde l’11%.

DeFiPulse 20201103

DeFi in affanno

A differenza di ieri, oggi è evidente l’emorragia dei token della DeFi. Tra le peggiori emerge un forte calo a doppia cifra per i token del sistema della finanza decentralizzata. La peggiore di giornata è Reserve Rights (RSR) che scende di circa il 20%, seguita da Aave, Sushi Swap (SUSHI), Ocean Protocol (OCEAN), Synthetix Network (SNX), Compound (COMP), in perdita di oltre il 15%. 

Il TVL scende nuovamente sotto la soglia degli 11 miliardi di dollari. Uniswap, Maker e WBTC restano i primi tre progetti utilizzati. 

BTC 20201103
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC) in perdita

Nonostante la discesa iniziata dopo aver fallito il superamento dei 14.000 dollari nel weekend e l’arretramento che ieri ha visto i prezzi scivolare verso i 13.200 dollari, primo livello di supporto di breve, Bitcoin prova a reagire portandosi a 13.500 dollari.

Ciò è dovuto alle ricoperture delle posizioni ribassiste di breve che non ad un vero e proprio ritorno dei ribassisti. 

Gli acquisti si mantengono ai livelli dei giorni scorsi, sopra 1,5 miliardi di dollari, ma, al contrario della scorsa settimana, arrivano in un momento di debolezza con prevalenza di vendite e ricoperture. Per Bitcoin è necessario ritrovare una base di appoggio da dove impostare un nuovo rialzo.

È necessario attendere la costruzione di una base di consolidamento, al momento individuata in area 13.000-13.200 dollari. Sono questi i livelli da confermare nelle prossime ore e giorni per non assistere ad un affondo che non avendo lasciato chiari supporti durante la salita delle ultime due settimane trova spazio per eventuali pericolose discese fino ad area 12.200. 

Per questo è necessario attendere la costruzione di una valida base da dove ripartire.

ETH 20201103
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum già faticava nei giorni scorsi a tenere il passo rialzista del Bitcoin. La mancanza di forza di BTC si riflette sulla debolezza che già accusava ETH nell’ultima settimana. 

Ethereum ieri dopo aver fallito la tenuta del supporto dei 390 dollari, ora diventato nuovamente resistenza, vede un allungo in area 370 dollari, livello più basso degli ultimi 15 giorni. 

Una ulteriore discesa porta di conseguenza al test della trendline dinamica rialzista che passa in queste ore poco sopra i 365-360 dollari, livello da difendere con i denti in caso di un ulteriore allungo verso il basso per non assistere ad un pericolosa aggressione da parte della speculazione con la rottura della trendline che sostiene i prezzi da marzo scorso, da oltre 7 mesi.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.