banner
Binance fa più volumi di PayPal
Binance fa più volumi di PayPal
Criptovalute

Binance fa più volumi di PayPal

By Alfredo de Candia - 16 Nov 2020

Chevron down

Iniziano ad emergere i primi dati riguardanti i volumi che PayPal offre con il suo servizio di crypto agli utenti americani e si è scoperto che non sono così impressionanti come ci si aspetterebbe, visto che l’exchange Binance li supera di gran lunga.

Come dimostra il grafico di Paxos, infatti, i volumi su PayPal sono più che tiepidi. 

PayPal sfrutta il servizio di Paxos per gestire le transazioni e, dal precedente grafico, possiamo vedere come i volumi siano passati da circa 5 milioni di dollari ad oltre 25 milioni di dollari negli ultimi mesi, dimostrazione che diversi utenti stanno utilizzando la piattaforma per comprare crypto. 

Sono numeri interessanti, ma che non bastano ad impensierire i big del settore come Coinbase o la stessa Binance, come ha ricordato lo stesso CEO di Binance, Changpeng Zhao. 

Infatti solo Binance si attesta a poco meno di 10 miliardi di dollari, mentre Huobi ha volumi di poco meno di 7 miliardi di dollari e al terzo posto troviamo Coinbase Pro con quasi 400 milioni di dollari, numeri che di certo non possono competere con quanto fatto da PayPal in queste settimane.

Perché i volumi di Binance sono maggiori di Paypal

Sicuramente questo è solo l’inizio per la piattaforma centralizzata e non va dimenticato che per il momento il servizio è aperto solo a territori americani, e non a tutto il mondo.

Questo significa che manca anche l’Europa, con tutti i suoi paesi, il che potrebbe dare una spinta per avere molti più ai volumi generati sulla piattaforma. 

Inoltre ricordiamo che sono solo 4 attualmente le crypto supportate da PayPal: Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH), Bitcoin Cash (BCH) e Litecoin (LTC), quindi i numeri di PayPal sono dovuti anche al fatto che taglia fuori gli utenti che magari vorrebbero utilizzare anche altre crypto. 

Tra l’altro, su PayPal non sono nemmeno disponibili delle stablecoin, strumenti molto utilizzati soprattutto nella finanza decentralizzata (DeFi) e solo per esempio l’aggiunta di Tether (USDT) potrebbe spingere ulteriormente i volumi, visto che si tratta della stablecoin con i maggiori volumi.

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.