banner
Ethereum 2.0 in ritardo: i rischi sul prezzo di ETH
Ethereum 2.0 in ritardo: i rischi sul prezzo di ETH
Ethereum

Ethereum 2.0 in ritardo: i rischi sul prezzo di ETH

By Marco Cavicchioli - 22 Nov 2020

Chevron down

Si sta facendo strada l’ipotesi di un calo del prezzo di ETH nel caso in cui non si riuscisse a lanciare la prima fase di Ethereum 2.0 a breve. 

Infatti, pur non essendoci una rigida deadline da rispettare per il lancio, questo dovrebbe avvenire a partire dal primo dicembre 2020. 

Insomma, mancano pochi giorni, ma non tutto sembra pronto. 

A livello tecnico in realtà il codice per il lancio della fase zero sembra già terminato, e pronto per essere lanciato, ma sono ancora troppo pochi gli ETH depositati. 

Fino ad oggi sul deposit contract di Ethereum 2.0 risultano essere stati depositati oltre 126.000 ETH, ma in totale ne servono 524.288. 

Visto che il lancio del deposit contract risale al 4 novembre, da allora sono stati depositati in media circa 7.900 ETH, e di questo passo ci vorrebbero ancora 50 giorni per raggiungere la soglia minima. 

Quindi se il ritmo con cui vengono depositati gli ETH rimanesse lo stesso, non si potrebbe lanciare la fase zero di Ethereum 2.0 prima del 9 gennaio 2021. 

Tuttavia, a ridosso del primo dicembre il ritmo con cui aumentano gli ETH sul deposit contract potrebbe accelerare, ed il lancio potrebbe avvenire prima del 9 gennaio.

Ad oggi sembrerebbe però poco probabile che in soli dieci giorni venissero depositati 398.000 ETH, con una media di quasi 40.000 ETH al giorno, pertanto è possibile che il lancio della fase zero non avverrà il primo dicembre. 

Fino ad oggi il singolo giorno con più depositi è stato il 5 novembre, ovvero il giorno successivo al lancio del deposit contract, con circa 21.000 ETH, ben distanti dai 40.000 di media necessari affinché il lancio possa avvenire il primo dicembre. 

Ethereum 2.0 può condizionare il prezzo di ETH

A questo punto è lecito chiedersi se questo rallentamento potrebbe incidere sul prezzo di ETH, nonostante sia in forte crescita

Dato per improbabile che il lancio possa essere effettuato il primo dicembre 2020, è possibile immaginare due scenari verosimili, più due teorici. 

Il primo è che il lancio si riesca a fare in dicembre, grazie ad un’accelerata dei depositi a ridosso del primo dicembre. Se da un lato il mancato lancio al primo dicembre difficilmente potrebbe avere ripercussioni negative sui prezzi (altrimenti le avrebbe già avute), dall’altro anche un lancio rimandato di pochi giorni difficilmente ne avrebbe. 

Infatti, non bisogna dimenticare che questi sono tutti dati pubblici, che consentono agli investitori di fare previsioni. 

Il secondo scenario verosimile è che invece il lancio slitti a gennaio, o al massimo a fine dicembre. Vista la poderosa crescita del prezzo di ETH delle ultime settimane, non sembra che questa ipotesi, assolutamente realistica, stia spaventando gli investitori. 

Pertanto potrebbe anche avere un impatto sul prezzo, ma è difficile immaginare che possa essere rilevante. 

A questi due scenari realistici bisogna aggiungerne altri due teorici. 

Il primo è che il lancio slitti a febbraio, o addirittura più avanti. In questo momento questa, pur essendo un’ipotesi possibile, non pare affatto molto probabile, ma se dovesse effettivamente avverarsi allora potrebbe avere effetti negativi sul prezzo di ETH. 

L’attesa per Ethereum 2.0 è notevole, e partire con un passo falso di sicuro avrebbe degli strascichi. 

L’ultimo scenario, possibile ma improbabile, è che non si riesca a raggiungere la soglia dei 524.288 ETH, se non tra molto tempo. Questa ipotesi avrebbe molto probabilmente conseguenze serie sul valore di ETH, ma in questo momento non sembra plausibile. 

Pertanto è molto probabile che vi saranno dei rallentamenti nel lancio della fase 0 di Ethereum 2.0, ma sembra poco probabile che possano avere effetti significativi sul prezzo, a patto che il rallentamento sia limitato. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.