banner
Ethereum: meno ETH sui wallet e i miner fanno salire il prezzo
Ethereum: meno ETH sui wallet e i miner fanno salire il prezzo
Ethereum

Ethereum: meno ETH sui wallet e i miner fanno salire il prezzo

By Marco Cavicchioli - 28 Dic 2020

Chevron down

Gli ETH appartenenti ai miner sono ai minimi da due anni, così come quelli sugli exchange, ed il prezzo di Ethereum sale.

Lo rivela Santiment su Twitter che spiega come ieri, nonostante fosse domenica con volumi di scambio ridotti, il prezzo di ETH sia riuscito a sfondare il muro dei 700$. 

Era da maggio 2018 che il prezzo di Ethereum stava sotto questa soglia, pertanto la crescita di ieri potrebbe risultare un passaggio storico per ETH. 

Il massimo storico è ancora lontano, perché il 13 gennaio sempre del 2018 arrivò a sfiorare i 1.500$, ma basti pensare che ad inizio novembre era ancora sotto i 400$ per capire che si tratta di un trend che per certi versi sta seguendo quello di bitcoin. 

Anzi, ad inizio anno ETH valeva 130$, pertanto in dodici mesi è cresciuto del 440%.

Limitandosi proprio a quello che è successo in questi ultimi due mesi, Santiment fa notare che due metriche stanno facendo registrare i picchi minimi da diversi mesi a questa parte. 

Innanzitutto la percentuale complessiva di ETH che risultano depositati sugli exchange. 

Addirittura fino a luglio questa superava il 25%, significando che più di un quarto di tutti i token ETH esistenti erano conservati su exchange. 

Visto che i token conservati sugli exchange servono soprattutto per essere venduti, questo significava che molti erano pronti a venderli. 

Tuttavia a partire dalla seconda metà di agosto questa percentuale ha iniziato a scendere rapidamente, fino a raggiungere il 23% ad inizio novembre. 

Ora questa percentuale è ulteriormente scesa, fino a toccare i valori minimi degli ultimi 18 mesi. 

Ethereum dei miner ai minimi

Un’altra metrica ha toccato i picchi minimi, ovvero quella degli ETH in possesso dei miner. 

Fino a metà luglio erano 1,17 milioni, su un totale di circa 114 milioni di token ETH esistenti al mondo, ma proprio dalla seconda metà di luglio hanno iniziato a calare rapidamente, scendendo ad 1,04 a fine novembre. In seguito sono scesi ancora, toccando il valore più basso degli ultimi due anni. 

Il fatto è che i miner tendono a vendere ETH per finanziare la costosa attività di mining, pertanto una riduzione di questa metrica riduce anche di fatto la pressione di vendita sui mercati. 

Pertanto sembra proprio che l’offerta di ETH sui mercati crypto si sia ridotta negli ultimi mesi, ed in particolare negli ultimi giorni, tanto da consentire una rapida risalita del prezzo fino a sfondare la quota psicologica dei 700$.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.