Sen. Cynthia Lummis: voglio educare i miei colleghi su Bitcoin
Sen. Cynthia Lummis: voglio educare i miei colleghi su Bitcoin
Bitcoin

Sen. Cynthia Lummis: voglio educare i miei colleghi su Bitcoin

By Eleonora Spagnolo - 5 Mar 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

C’è molto da fare per Cynthia Lummis per promuovere Bitcoin negli Stati Uniti. Lo ha detto in un’intervista a Coindesk, dove ha parlato del suo primo interesse per BTC, dell’enormità del debito USA, delle elezioni di Joe Biden

Nell’intervista di un quarto d’ora, la senatrice eletta nel Wyoming ha raccontato di essere spaventata dal debito degli Stati Uniti e anche per questo ha iniziato ad interessarsi a Bitcoin. Nel 2009, quando ebbe la sua prima esperienza nel congresso sotto l’era Obama, il debito USA ammontava a 10 trilioni. Attualmente è di 30 trilioni e ciò che è peggio, dice, è che nessuno si sta ponendo il problema di ripagare questo debito, che anzi continua a crescere sulla scia degli stimoli finanziari emessi per far fronte all’emergenza economica causata dal Coronavirus. 

Quando ha preso atto di questa montagna di dollari da restituire, ha iniziato ad interessarsi a Bitcoin, come riserva di valore. Bitcoin, dice Cynthia Lummis, ha le caratteristiche dell’oro pur  non essendo un bene fisico, ma è facile da tracciare. Tuttavia, ammette, molti dei suoi colleghi ne sanno poco di Bitcoin. Per questo dice che il suo scopo è quello di educarli. 

C’è una sorta di pregiudizio per cui Bitcoin e le criptovalute sono state viste come qualcosa che non interessa, qualcosa da relegare in un ambito criminale. Lei invece fa intendere di non essere affatto d’accordo con questa visione, anzi, gli Stati Uniti dovrebbero fare di più in tema di valute digitali, e che su questo ambito la Cina è molto più avanti.

Infatti, la Cina sta sperimentando lo yuan digitale mentre gli Stati Uniti al momento starebbero studiando il progetto di un dollaro digitale insieme al MIT di Boston. 

La valuta digitale cinese, spiega la senatrice del Wyoming, non è una minaccia al dollaro USA, ma il dollaro statunitense è al momento la moneta utilizzata come riserva mondiale e gli USA dovrebbero fare di tutto per non perdere questo primato. Nelle sue parole, anche Bitcoin può contribuire a questo. 

Cynthia Lummis e le opportunità per Bitcoin

Bisognerà lavorare sulla regolamentazione, che è quello che ha fatto nell’ultima parte del mandato la precedente amministrazione, e che sta facendo lei come attuale amministrazione insieme a diversi colleghi. 

A proposito di attuale amministrazione, Cynthia Lummis è repubblicana, e si è distinta per essere stata tra i pochi senatori che ha votato contro la vittoria di Joe Biden. Interrogata sul punto, ha dichiarato a Coindesk che per lei Joe Biden è il legittimo presidente, ma aveva espresso dubbi sulle modalità di voto in Pennsylvania, cosa che l’aveva portata a votare contro. 

È con il presidente democratico e la sua segretaria del tesoro Janet Yellen che bisognerà lavorare per favorire la diffusione di Bitcoin e non ostacolarla.

 Passi in questo senso se ne vedono anche nel settore pubblico e non solo in quello privato. Per esempio, spiega, il sindaco di Miami sta lavorando affinché Bitcoin diventi un asset all’interno dei fondi pensioni, i lavoratori lo accettino come mezzo di pagamento (almeno parziale) per i loro stipendi, e sia accettato anche come mezzo di pagamento in generale, mentre al momento è considerato più una riserva di valore. 

Ma bisogna lavorare molto, conclude, affinché siano scacciate le ombre. 

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.