banner
Bitcoin in perdita ad un passo dai 53.000 dollari
Bitcoin in perdita ad un passo dai 53.000 dollari
Trading

Bitcoin in perdita ad un passo dai 53.000 dollari

By Federico Izzi - 16 Mar 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Dopo i forti ribassi di ieri continua a prevalere la debolezza con Bitcoin ancora in perdita, mentre molte delle altcoin tentano il rimbalzo. 

coin 20210316
Fonte: COIN360.com

Le big si muovono sotto la parità tranne Ripple (XRP) che sale di oltre l’8% tornando sopra i 50 centesimi per la prima volta dal 23 febbraio. I migliori rialzi di giornata spettano a Ravencoin (RVN) e Terra (LUNA) entrambe in salita di oltre il 25%. In terza posizione, l’ultimo gradino del podio è di Icon (ICX) che si riporta vicino ai 2 dollari mettendo a segno un rialzo del 15%.

La giornata di ieri ha registrato un calo di volumi in generale ma non per Bitcoin che ieri per la prima volta scambia sui principali exchange oltre 16 miliardi di dollari. È il controvalore più alto da oltre 4 settimane. 

Nonostante la debolezza delle ultime 48 ore il market cap totale si mantiene sopra i 1.700 miliardi di dollari con Bitcoin che torna a cedere parte del terreno conquistato in questi giorni scendendo nuovamente sotto il 61% di dominance. Ethereum riesce a frenare parte della discesa risalendo sopra il 12% di quota di mercato. 

DeFiPulse 20210316

La DeFi recupera i 43,5 miliardi di dollari. Ciò è dovuto al ritorno degli utenti che scelgono di bloccare token sui progetti di finanza decentralizzata. per la prima volta da novembre il numero di ETH immobilizzati supera i 9 milioni di pezzi. Anche il Bitcoin con più timidezza risale con oltre 34.000 BTC tokenizzati.

BTC 20210316
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC), una perdita del 15% dai record

Il ribasso che nelle ultime ore vede il prezzo del Bitcoin tornare ad un passo dai 53.000 dollari, segna una perdita di circa il 15% dal record assoluto di domenica scorsa, ma non scalfisce il trend rialzista iniziato dai minimi di fine gennaio. 

Nonostante la volatilità tornata ad incrementarsi negli ultimi giorni non emergono segnali preoccupanti. Infatti solamente un allungo sotto i 50.000 dollari darebbe il primo segnale ribassista di medio periodo.

ETH 20210316
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum invece riesce a contrastare meglio la spinta ribassista fermando la discesa a circa il 10% dai top di sabato 13 marzo. Anche per Ethereum il trend di lungo periodo rimane impostato al rialzo. A differenza del Bitcoin, la struttura rialzista di Ethereum risulta essere meglio impostata in ottica di lungo periodo, nonostante il recente rialzo non è riuscito a far segnare nuovi massimi. 

Per i prezzi di Ethereum un primo segnale di debolezza arriverebbe solamente con ribassi sotto i 1.600 dollari.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.