banner
Palantir accetta pagamenti in bitcoin
Palantir accetta pagamenti in bitcoin
Bitcoin

Palantir accetta pagamenti in bitcoin

By Marco Cavicchioli - 12 Mag 2021

Chevron down

Palantir ha deciso di accettare pagamenti in bitcoin, ed è pronta ad investire in BTC. 

Lo riferisce CNBC citando la presentazione del report del primo trimestre dell’anno. 

Durante la discussione sugli utili, la società ha dichiarato di star seriamente considerando la possibilità di aggiungere bitcoin al proprio bilancio, e che accetta bitcoin come forma di pagamento

Palantir Technologies è una società di software di Denver, USA, fondata nel 2003 da Peter Thiel, Nathan Gettings, Joe Lonsdale, Stephen Cohen e Alex Karp. Peter Thiel è stato anche uno dei co-fondatori di PayPal. 

L’azienda ha più di 2.500 dipendenti, e fattura più di 1 miliardi di dollari. 

Nel primo trimestre del 2021 ha incrementato i ricavi del 49% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente, tanto che il prezzo delle sue azioni è salito del 9% dopo la presentazione dei risultati del trimestre.

Palantir è stata quotata in borsa lo scorso settembre, con una capitalizzazione di mercato iniziale di 16,5 miliardi di dollari, ora saliti a 30,44 miliardi.

Perché Palantir dovrebbe investire in Bitcoin

La società ha costruito la sua attività in gran parte su accordi governativi per l’utilizzo del suo software di analisi dei dati, tanto che le entrate del governo hanno raggiunto i 208 milioni di dollari, mentre i ricavi commerciali hanno raggiunto i 133 milioni di dollari.

Per il secondo trimestre del 2021 prevede di portare a 360 milioni di dollari le entrate, rispetto ai 344,3 milioni precedentemente previsti. Per l’intero anno invece prevede un flusso di cassa superiore a 150 milioni di dollari. 

Alla luce di ciò ha perfettamente senso che stiano considerando anche la possibilità di convertire parte di questa liquidità in bitcoin, come hanno già fatto altre aziende americane con grossa liquidità. 

Nel frattempo il prezzo di BTC lateralizza ormai da quasi un mese. A tal proposito il CTO di Bitfinex, Paolo Ardoino, dice:

“Mentre la frenesia intorno a Dogecoin potrebbe diminuire, i mercati delle criptovalute rimangono esuberanti. Gli osservatori di Bitcoin saranno senza dubbio interessati. Il re delle criptovalute irradia verde oggi in quanto rappresenta un faro per nuove possibilità. Nel frattempo, Ethereum ha raggiunto un altro massimo storico, mano a mano che i casi d’uso nella vita reale continuano a realizzarsi. In particolare, i partecipanti allo spazio della finanza decentralizzata (DeFi) hanno registrato guadagni impressionanti, dimostrando che l’esplosione di interesse per i protocolli lo scorso anno era tutt’altro che una moda passeggera”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.