banner
I 10.000 bitcoin del “pizza day” spesi in viaggi
I 10.000 bitcoin del “pizza day” spesi in viaggi
Bitcoin

I 10.000 bitcoin del “pizza day” spesi in viaggi

By Eleonora Spagnolo - 25 Mag 2021

Chevron down

Il primo acquisto in Bitcoin fu la famosa pizza pagata 10.000 BTC da Laszlo Hanyecz.

Era il 22 maggio 2010, quei 10.000 bitcoin valevano 30 dollari e oggi invece ne varrebbero circa 400 milioni.

Ma questo Jeremy Sturdivant non poteva saperlo e infatti “spese” i suoi bitcoin a stretto giro in viaggi.

Jeremy Sturdivant è colui da cui Laszlo Hanyecz comprò le due pizze destinate ad entrare nella storia di Bitcoin.

La sua storia è stata ripresa dal Sun. Tutto nacque da un annuncio su Bitcoin Talk in cui Laszlo Hanyecz offriva 10.000 bitcoin per due pizze.

Sturdivant rispose a quell’annuncio, recapitò le pizze, prese quei 10.000 BTC e poi li spese per coprire le spese di viaggio negli Stati Uniti con la sua fidanzata.

Ha dichiarato successivamente al Telegraph:

“Se lo avessi trattato come un investimento, li avrei tenuti un po’ di più”.

Allora la sola preoccupazione di Sturdivant fu come consegnare le pizze dalla California, dove si trovava lui, alla Florida, dove erano destinate. Alla fine le ordinò e le fece recapitare e in cambio ebbe quei famosi 10.000 BTC che gli sarebbero valsi una fortuna. Con lo stesso ammontare di monete, ora potrebbe comprare beni immobiliari a non finire.

Su di sé ha aggiunto:

“Anche se non posso rivendicare alcuna responsabilità per il successo di Bitcoin, sono orgoglioso di aver giocato una parte in qualcosa che è passato da un interessante progetto concettuale a un fenomeno globale così rapidamente”.

10.000 Bitcoin per la pizza: “Non me ne pento”

Neppure Laszlo Hanyecz è dispiaciuto di aver dissipato 10.000 bitcoin per un paio di pizze:

“Non me ne pento. Penso che sia fantastico aver fatto parte della prima storia di Bitcoin in quel modo”.

Laszlo Hanyecz infatti è stato uno dei pionieri di Bitcoin, lo minava, lo aveva estratto e semplicemente stava scambiando i suoi bitcoin per avere una cena “gratis”.

Quell’acquisto ha fatto la storia, e sebbene lui se ne prenda i meriti, a Cointelegraph ha lasciato intendere che qualcosa del genere doveva comunque accadere:

“Mi piacerebbe pensare che quello che ho fatto abbia aiutato. Ma penso che se non fossi stato io, sarebbe arrivato qualcun altro. E forse non sarebbe stata la pizza”.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.