banner
Cardano SPO: ADA Australia (ADAOZ)
Cardano SPO: ADA Australia (ADAOZ)
Altcoin

Cardano SPO: ADA Australia (ADAOZ)

By Patryk Karter - 3 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

L’ospite di questa settimana nella Colonna Cardano SPO è ADA Australia [ADAOZ], uno stake pool dal cosiddetto “Down Under”. Uno degli operatori è anche il conduttore del canale YouTube e del podcast chiamato “Learn Cardano“.

L’ospite della scorsa settimana era uno stake pool made-in-Italy, dal bellissimo Alto Adige. Al momento stanno fornendo incentivi extra in ADA in aggiunta alle regolari ricompense dallo staking.

Questa iniziativa è un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda Cardano e ogni settimana o due inviteremo uno Stake Pool Operator (SPO) a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento direttamente dall’interno della Cardano community.

Considerando che molti dei nostri lettori sono nuovi nello spazio crypto, avremo un mix di domande semplici e tecniche.

Ciao, è un piacere averti qui. Presentati, da dove vieni e qual è il tuo background?

Vivo nella soleggiata Gold Coast, Queensland, Australia. Se avete mai guardato i programmi televisivi australiani in cui illustrano le lunghe spiagge di sabbia bianca, lo stile di vita dei surfisti e il rilassato modo di vivere all’aperto, questo è quanto. La vostra percezione di ciò che potrebbe essere l’Australia è dove vivo io.

Il mio background è nel web design e nello sviluppo. Possiedo una società di sviluppo web specializzata nello sviluppo di nicchia di WordPress, dove progettiamo e costruiamo siti web rivolti al cliente che si integrano con API di terze parti. Li uniamo per creare soluzioni per i nostri clienti. 

Come hai scoperto Cardano e cosa ti ha ispirato a diventare uno Stake Pool Operator (SPO)?

Ho scoperto Cardano nel 2017 quando un amico mi ha presentato il white paper. Cardano aveva un prezzo di 3 centesimi per ADA. Non ci ho fatto molto caso e il white paper era troppo da leggere. Tuttavia, decisi di comprare una quota e guardai il prezzo salire in alto nel periodo della bull run e crollare all’inizio del 2018. Dopo di che, ho essenzialmente perso tutto l’interesse per le criptovalute. Al tempo non avevo idea della tecnologia o della missione di Cardano.

Alla fine del 2020, dopo aver sentito che lo staking era possibile, ho iniziato a delegare quello che avevo a un pool. Ho pensato di fare un tentativo e vedere che tipo di ricompense avrei ottenuto. Controllavo il mio portafoglio per osservare quali guadagni ottenevo, ed è stato a quel punto che ho iniziato a chiedermi come funzionasse il tutto.

Ho iniziato ad immergermi nelle operazioni degli stake pool, nei video di Charles, e a capire cosa fosse Cardano e il suo potenziale. A questo punto ho venduto tutti i miei beni digitali per Cardano. 

Come conduttore del podcast Learn Cardano, sei in prima linea nella diffusione delle conoscenze relative a Cardano, come ti trovi in questa impresa?

Questo podcast è molto divertente. Avevo un altro podcast chiamato The Joomla Beat Podcast che ho gestito per tre anni. Sono riuscito a costruire una grande comunità intorno ad esso, ma ho dovuto chiuderlo. Il podcast Learn Cardano è stato un ottimo modo per me di condividere ciò che imparo, costruire relazioni con altri nella comunità ed educare le persone che entrano nel settore.

Ho scoperto che molto del materiale relativo alle criptovalute si rivolge a persone esperte con un background tecnico e precedente di criptovalute, e non c’era nulla di adatto ai principianti in questo spazio. Learn Cardano è stata la mia risposta a questo, e spero che aiuti l’adozione di massa di Cardano e delle criptovalute.

Con oltre 2800 stake pool e altri che si aggiungono ogni giorno, c’è realisticamente un posto per tutti loro?

La rete al momento ha un parametro k impostato a 500. Il parametro indica quanti pool sono richiesti sulla rete. 500 è ben al di sotto dei ~2800 pool attualmente attivi.

La concorrenza è dura in questo momento per qualsiasi stake pool che sta appena iniziando. Se non avete una quantità elevata di ADA che potete usare come pegno o delegare al vostro pool, sarete già indietro.

Se non avete un’influenza significativa sui social media, sarete in competizione con chi ce l’ha.

Se avete le competenze tecniche per configurare un pool ma non avete le competenze di marketing per far crescere il pool, farete fatica.

Se non avete un punto di differenza unico che vi faccia distinguere dagli altri, farete fatica.

C’è speranza per ogni pool che sta iniziando. Se potete unirvi ad altri proprietari di pool o a team per creare un pool dinamico che spunta tutte le caselle, potete farcela a superare un anno di attività e andare avanti.

Potete unirvi a iniziative come First 2 Lifetime Block (F2LB) o varie alleanze di pool dove si formano comunità per condividere conoscenze e risorse.

Può darsi che questo parametro e il numero di transazioni aumentino nel tempo con l’introduzione degli smart contract su Cardano, ma non è qualcosa su cui conto come stake pool operator.

Infine, la Cardano Foundation e Input-Output Global possono procurare una delegazione seed per aiutare la crescita dei piccoli pool.

Realisticamente però, molti dei pool non ce la faranno a superare il loro primo anno di attività e chiuderanno con altri che prenderanno il loro posto. La gestione e il marketing di uno stake pool è un lavoro impegnativo e a tempo pieno. Se pensate di iniziarne uno, tenete a mente tutto questo.

Grazie per il tuo tempo. Vuoi aggiungere qualcosa? Dove possono trovarti le persone?

Ci sono molti posti dove potete contattare me o il team: Twitter, Facebook, YouTube, Spotify, Sito web

Grazie per avermi invitato a scrivere sul nostro stake pool. È un piacere connettersi e interagire con altri membri della community.

Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista degli SPO sono propri e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o IOHK.

Patryk Karter
Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.