“;}
?>

Kraken: “La regolamentazione aiuterà l’adozione di massa delle crypto”
Kraken: “La regolamentazione aiuterà l’adozione di massa delle crypto”
Interviste

Kraken: “La regolamentazione aiuterà l’adozione di massa delle crypto”

By Amelia Tomasicchio - 3 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Cryptonomist ha intervistato il team alle spalle dell’exchange Kraken per parlare della regolamentazione delle criptovalute, del trend degli NFT e del futuro della piattaforma.

Cosa ne pensi dell’attuale mercato ribassista? È un momento che passerà presto o dovremmo aspettare un paio d’anni come nel 2017? 

Risulta sempre più difficile prevedere i cicli di mercato nello spazio delle criptovalute. Si tratta di un settore globale con una vasta gamma di partecipanti che continua a crescere e diversificarsi ogni anno che passa. I settori NFT e DeFi, entrambi del valore di molti miliardi di dollari a sé stanti, si sono sviluppati come sotto-settori dell’industria distinguibili solo nel 2020. 

Possiamo aspettarci che questa divergenza acceleri ulteriormente man mano che i tassi di adozione continuano a crescere, e i possessori di token diventano più istruiti e capiscono meglio gli asset che stanno acquistando. Per l’investitore abituale, questo potrebbe significare che iniziamo ad allontanarci dai cicli binari toro/orso, e verso una dinamica di mercato più complessa, con alcuni sotto-settori dell’industria che crescono a tassi diversi. 

Cosa ne pensi degli NFT? Kraken si sta muovendo anche su questo fronte? Siamo in una bolla? È già finita? 

Gli NFT sono il mezzo con cui i creatori di contenuti possono, nell’era di internet, essere pagati adeguatamente per il loro lavoro. Fino a poco tempo fa era quasi impossibile per i creatori far valere i diritti sul loro lavoro online, dato che può essere copiato innumerevoli volte non appena viene caricato. 

Con gli NFT, i creatori di contenuti possono liberamente pubblicizzare il loro lavoro online e vendere il loro lavoro alla loro comunità direttamente, piuttosto che attraverso diversi strati di intermediari che comportano costi. Per semplificare, un NFT è un tipo di tecnologia di licenza che permette a un creatore di contenuti di esercitare i suoi diritti di proprietà online. Gli NFT forniscono agli artisti e ai musicisti un flusso di reddito sostenibile, e allo stesso tempo permettono a chiunque abbia accesso a internet di vedere e godere del loro lavoro a proprio piacimento. Infatti, la diffusione del proprio contenuto su Internet può effettivamente migliorare il profilo di un artista, che a sua volta può portare a valutazioni più elevate. 

In qualità di operatore di spicco in questo spazio, Kraken ha già quotato il token FLOW, e fornisce un supporto di staking on-chain per i clienti in alcune giurisdizioni selezionate. Facendo un passo indietro, possiamo vedere che l’NFT Spring che abbiamo visto all’inizio di quest’anno potrebbe essere la prima divulgazione mainstream dell’asset tokenization: l’idea che qualsiasi bene, sia tangibile che intangibile, può essere rappresentato sotto forma di un token crittografico che può essere facilmente scambiato su un ledger distribuito, allo stesso modo di una criptovaluta. 

Man mano che la tokenizzazione degli asset decolla sul serio, anche altre classi di asset, come i mercati immobiliari e azionari, potrebbero subire notevoli sconvolgimenti. 

In generale, quali sono le nuove cose su cui Kraken sta lavorando? 

Kraken vuole essere un fornitore unico di servizi legati alle criptovalute. Oltre al trading di criptovalute, Kraken fornisce anche onramps fiat in sette valute globali, accesso mobile sia per gli investitori professionali che per quelli comuni, così come servizi sicuri di staking on-chain, una piattaforma di aste Parachain, e anche la prima crypto-banca al mondo, che presto aprirà le sue porte ai clienti statunitensi. 

La missione principale di Kraken è quella di fornire ai nostri oltre 7 milioni di clienti in tutto il mondo una delle offerte più complete nello spazio crypto. Siamo costantemente alla ricerca di nuove opportunità per assicurarci che i clienti continuino a ricevere la migliore gamma possibile di servizi legati alle criptovalute. 

La regolamentazione aiuterà l’industria a raggiungere l’adozione di massa o sarà un ostacolo?

Dipende da come definiamo “adozione di massa“. Si stima che ci siano già 100 milioni di persone in tutto il mondo che hanno acquistato o tenuto qualche forma di asset digitale – tra cui un americano su dieci e circa l’8% degli italiani – quindi siamo già in una fase in cui le criptovalute hanno raggiunto un certo livello di accettazione mainstream. In effetti, se fosse un paese, la comunità globale crypto sarebbe in realtà la tredicesima o quattordicesima nazione più popolata del mondo. Comunque sì, la regolamentazione aiuterà certamente a facilitare un’ulteriore adozione di massa, in particolare a livello istituzionale. 

Negli ultimi 12 mesi, abbiamo visto un interesse e un’attività istituzionale senza precedenti nella classe degli asset digitali, sia a Kraken, che in tutto il settore più in generale. I gestori di fondi non stanno automaticamente scontando le criptovalute nello stesso modo in cui avrebbero potuto farlo nel 2017, ma c’è ancora una certa esitazione nel buttarsi in una classe di asset con un quadro legislativo poco coesivo o una guida normativa. Questo sta cambiando ed è promettente vedere i funzionari di tutto il mondo affrontare seriamente le definizioni legali per le crypto, così come il modo migliore per regolamentarle come asset class. 

Per esempio, la proposta della Commissione europea, annunciata per la prima volta lo scorso settembre, di creare un unico regime di asset digitali in tutta l’Unione europea potrebbe essere un passo significativo verso la riduzione dell’attrito normativo tra gli stati membri. 

Una maggiore certezza normativa porterà probabilmente a una proliferazione di prodotti finanziari crypto – come gli ETF – che consentono agli investitori di ottenere un’esposizione al settore degli asset digitali attraverso uno strumento tradizionale. Infatti, molti di questi prodotti hanno già iniziato a negoziare in Europa, Canada e Brasile, e molti altri probabilmente arriveranno sul mercato quando ci sarà maggiore chiarezza da parte dei regolatori globali.

 

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e Business Developer di Huobi per il mercato italiano.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.