Svizzera: TerraBitcoin parla di NFT e annuncia TerraNFT AG
Svizzera: TerraBitcoin parla di NFT e annuncia TerraNFT AG
Blockchain

Svizzera: TerraBitcoin parla di NFT e annuncia TerraNFT AG

By Stefania Stimolo - 3 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Sabato 26 giugno 2021, a Novazzano (Svizzera) durante l’evento “Motorcycle, bikes, art & more”, Paolo Barrai, fondatore di TerraBitcoin, ha tenuto la sua conferenza introducendo gli NFT o Non-Fungible Token e non solo. 

In collaborazione con Vent Moto e altri sponsor come Bullani & Partners e Capifid Bullani, la nota associazione TerraBitcoin ha riunito il suo club per gli aggiornamenti, mettendo in evidenza il settore degli NFT. 

E così, dopo un’introduzione tecnica da parte del notaio Daniele Minussi di Arsnotaria, su argomenti come token, blockchain e smart contract, Barrai ha poi preso parola e iniziato la sua conferenza. 

In riferimento alla situazione attuale, Barrai collega il concetto di “de-globalizzazione” alla riduzione degli spostamenti fisici che stiamo vivendo. Nel futuro sarà sempre più difficile spostarsi fra continenti, una conseguenza, secondo lui, della pandemia, dell’attesa della campagna vaccinale, ma anche di altre campagne come quella green che favorendo mezzi di trasporto sostenibili punta, in qualche modo, a rallentare gli spostamenti tradizionali. 

Nello specifico settore della finanza, poi, Barrai associa la deglobalizzazione alla nuova necessità attuale, che vede l’intervento della politica governativa per gestire le politiche monetarie delle banche centrali e fiscali dei governi, sempre più inflazionistiche ed indebitate.

“In un mondo de-globalizzato spostarsi è più difficile, si facilitano supply chains domestiche più care e non più globalizzate. L’inflazione è voluta per bruciare un debito mostruoso e la valuta fiat perde valore a favore di altri assets che potranno essere usati, come le crypto.”  

In questo senso, durante la pandemia, gli asset digitali (come le crypto) sono stati apprezzati molto di più del fiat ma anche di altri asset del mercato tradizionale. Non solo, il grande coinvolgimento verso il mondo crypto ha visto crescere molto velocemente anche altri micro-settori come quello della Finanza Decentralizzata o DeFi e quello degli NFT, diventati famosi nel settore dell’arte. 

Infatti, Barrai definisce Bitcoin e Ethereum e la Blockchain come infrastrutture che, se non utilizzate, sono destinate a morire. Ecco perché continuando ad ampliare i campi applicativi delle crypto (anche grazie alla tokenomic, DeFi e NFT), l’infrastruttura Bitcoin e Ethereum continua ad espandersi e ad essere riconosciuta come riserva di valore a livello globale. 

Barrai e TerraBitcoin: “gli NFT per barattare” 

I Non-Fungible Token son diventati famosi già nel 2017 con i CryptoKitties e oggi, nel campo dell’arte, con opere come il celebre  Everydays: The First 5000 days, un collage digitale di 5000 immagini, venduto a ben 42,329 ETH e cioè 69.3 milioni di dollari, al momento dell’acquisto.  

Oltre ad essere token collezionabili, Barrai sottolinea la loro espansione in sempre più campi applicativi coinvolgendo l’arte, musica, gaming, il lusso e tanto altro. 

Ma l’invito rivolto ai partecipanti all’evento presso il Monte Morello di Novazzano è stato quello di far notare che anche le moto e biciclette (esposte durante l’evento) come le case ma anche cavalli e vino (in riferimento al vigneto di Albaino di Novazzano), possono diventare NFT. 

A tal proposito, Barrai poi afferma: 

“Gli NFT per barattare!”

E infatti, secondo lui, possedere un NFT che rappresenta un vino (o parte di esso) da poter interscambiare con un altro NFT che rappresenta un altro sottostante, non è altro che una nuova versione del “baratto digitale”. 

TerraBitcoin e la presentazione di TerraNFT AG: la prima azienda fintech tutta crypto

Per terminare la conferenza, il contrarian rispetto il sistema Barrai, introduce ai suoi ospiti TerraNFT AG, la sua nuova azienda fintech con sede a Zugo. 

La particolarità di TerraNFT AG è quella di essere la prima azienda ad essere completamente crypto, senza un conto capitale bancario. 

E infatti, grazie alle possibilità fiscali e legali offerte dalla crypto valley della Svizzera, Barrai ha specificato che tutte le spese sostenute come quelle notarili, i salari ai dipendenti, le tasse e quant’altro sono in crypto. 

Nello specifico, anche il deposito di capitale è stato eseguito in Usd Coin (USDC) e Tether (USDT), eliminando la burocrazia tradizionale e riuscendo a creare l’azienda che opera nel mercato secondario, in un secondo. 

La mission di TerraNFT AG sarà quella di investire nel mondo degli NFT e  di usare le Liquidity Pool per rendere facilmente negoziabili beni che per definizione sono poco liquidi. Gli NFT sono strumento di finanziamento, strumento di marketing e strumento social, per scoprire e investire in nuovi mercati. 

TerraNFT AG ha inoltre emesso un derivato delle sue azioni tokenizzate WTNFT che è scambiabile sul mercato decentralizzato di Uniswap V3.

In questo senso, Barrai conclude:

“La mission di TerraNFT è rendere liquido quello che liquido non è”.

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.