banner
Bitcoin, Nasdaq: “zero chance che le crypto sostituiscano il dollaro US”
Bitcoin, Nasdaq: “zero chance che le crypto sostituiscano il dollaro US”
Bitcoin

Bitcoin, Nasdaq: “zero chance che le crypto sostituiscano il dollaro US”

By Amelia Tomasicchio - 12 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Poche ore fa, sul blog del Nasdaq, è stato pubblicato un articolo che parla di Bitcoin e criptovalute per spiegarne pro e contro ad un pubblico che ancora non è avvezzo alla materia.

L’articolo, il cui titolo recita “Bitcoin e Crypto: frode o il futuro?”, risponde a tre domande, ovvero:

  • Bitcoin è uno schema Ponzi?  
  • Bitcoin minaccia il dollaro americano?  
  • Qual è l’aspetto più interessante di Bitcoin per chi specula?  

Il Nasdaq ha ormai da tempo listato fondi basati su Bitcoin, non ultimo il 3iQ inserito nel Nasdaq di Dubai. Questo ovviamente fa capire come il team dietro all’indice azionario della borsa valori sia ottimista verso Bitcoin e di sicuro non lo ritiene uno schema Ponzi.

Anzi, l’autore dell’articolo suggerisce che la blockchain abbia molte applicazioni e che la Proof of Work, ovvero il metodo di consenso su cui si basa la tecnologia dietro Bitcoin, è ciò che rende sicuro BTC e quindi, nonostante i detrattori, è ovviamente da escludere che si tratti di una truffa ben organizzata.

Interessante però è soprattutto la risposta alla seconda domanda, quando l’autore dell’articolo spiega che ci siano “virtualmente zero chance che le crypto sostituiscano il dollaro US”.

Anzi, l’articolo suggerisce come Bitcoin:

 “sia più propriamente visto come una competizione (o un’aggiunta) contro l’oro. In effetti, controintuitivamente, consideriamo Bitcoin come un supporto del dollaro USA.”

Bitcoin e oro secondo il Nasdaq

Definito come “l’oro digitale”, di certo non è questa la prima volta che qualcuno paragona Bitcoin all’oro. Ma di recente, un’analisi di James Gard pubblicata su Morningstar, ha sostenuto che i due asset potrebbero convivere in qualche modo l’uno accanto all’altro ancora per un po’ di tempo, coesistendo all’interno del sistema finanziario del futuro.

La regolamentazione di Bitcoin

Un altro punto interessante dell’articolo pubblicato sul Nasdaq è anche quello relativo alla regolamentazione, spiegando che una regolamentazione appropriata potrebbe facilitare l’adozione di massa delle criptovalute:

“La regolamentazione potrebbe significare accettazione. Aprire la strada all’adozione istituzionale. Una cattiva regolamentazione è un rischio, ma una regolamentazione adeguata potrebbe facilitare l’adozione di massa”.

Infine il report continua mostrando come Bitcoin sia un asset non correlato alla borsa o alle equity hedge.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro su Blockchain Marketing edito Maggioli.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.