banner
SushiSwap lancia una piattaforma per NFT
SushiSwap lancia una piattaforma per NFT
NFT

SushiSwap lancia una piattaforma per NFT

By Marco Cavicchioli - 3 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

SushiSwap si lancia nella creazione di una piattaforma per NFT.  È online il sito di Shoyu

Annunciata a luglio sul forum ufficiale di Sushi, si tratta di una piattaforma per lo scambio di NFT che “si concentra sulle esigenze di artisti e creatori per spingere il settore in avanti”.

Sushiswap, una piattaforma innovativa per chi vuole investire in NFT

Il sito shoyunft.com in realtà mostra solo una pagina di “Coming soon”, ma il team è già attivo su Twitter e Telegram. 

La nuova piattaforma sembra che fornirà servizi simili a marketplace per NFT già esistenti come OpenSea o SuperRare.

Inizialmente la roadmap del progetto prevedeva il rilascio di una “versione zero” ad agosto, seguita dalla prima vera versione a novembre ed una seconda più completa a gennaio 2022. 

Quella pubblicata ieri però è solamente una pagina di benvenuto che serve per mandare online il sito, ancora privo di funzionalità. 

Sushiswap sta per lanciare la sua piattaforma NFT

Nella roadmap iniziale il frontend della versione zero avrebbe dovuto già integrare NFT Tagging, Royalties Distribution, Immersive Gallery Mode, 3D Metaverse e Walkthrough, ma sul sito web non c’è ancora traccia di tutto ciò. Gli smart contract invece sono già stati pubblicati

Nelle versioni future invece verranno aggiunti anche Search Mode e Discoverability, statistiche, una chat, una galleria avanzata e strumenti social. 

Il caso del Meme “Dogecoin”

Nel frattempo è stato messo all’asta su SushiSwap un NFT frazionato di Doge che ha raggiunto una valutazione complessiva di 225 milioni di dollari. 

Si tratta dell’immagine originale del meme di Dogecoin. Il suo proprietario l’ha divisa in quote tokenizzate, mettendo poi una parte di queste all’asta utilizzando SushiSwap

Il proprietario dell’immagine è la piattaforma decentralizzata PleasrDAO, ed ha tokenizzato l’NFT utilizzando Fractional.art. In questo modo ha creato addirittura 16.969.696,969 quote dell’NFT, mettendone il 20% all’asta sotto forma di token ERC-20 chiamati $DOG

L’asta si è tenuta sulla piattaforma di vendita di token di SushiSwap, MISO, ed ha raccolto 11.942 WETH da 1.796 acquirenti, corrispondenti a circa 45 milioni di dollari, facendo lievitare la valutazione complessiva dell’NFT a 225 milioni. 

PleasrDAO ha acquistato l’NFT originale per 1.696,9 ETH, ovvero circa $ 4 milioni, guadagnando molto con questa asta.  Inoltre il 25% dei token $DOG è stato assegnato a programmi della community per l’ulteriore sviluppo di $DOG. 

Diventare proprietari di un’opera condivisa

La piattaforma utilizzata per la tokenizzazione, Fractional.art, di recente ha raccolto 7,9 milioni di dollari durante la sua campagna iniziale di finanziamento, ed è sempre più utilizzata in particolare per consentire a chi non può permettersi l’acquisto di un singolo NFT di grande valore di acquisirne perlomeno una parte. 

Sono già molti gli NFT venduti a prezzi molto elevati, e potrebbe essere difficile, per questo motivo, trovare singoli compratori disposti a spendere cifre astronomiche. I loro proprietari potrebbero utilizzare piattaforme come Fractional.art per tokenizzarli in modo da suddividerne la proprietà in una grande quantità di token, ognuno dei quali simboleggia una piccola quota di proprietà e può essere venduto ad un prezzo nettamente inferiore. 

Ad esempio ogni singolo token $DOG attualmente su MISO ha un prezzo di soli 0,0000035186 WETH, che corrispondono ovviamente a 0,0000035186 WETH, ovvero solo 0,013 dollari USA. Va però detto che corrisponde ad una quota di circa un diciassettemilionesimo di proprietà dell’NFT originale. Tutto ciò ha permesso a quasi 1.800 acquirenti di entrare in possesso di piccole quote di proprietà di un asset digitale la cui valutazione complessiva è superiore ai 200 milioni di dollari. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.