Santiment: cosa sta succedendo alla DeFi e a Solana
Santiment: cosa sta succedendo alla DeFi e a Solana
Defi

Santiment: cosa sta succedendo alla DeFi e a Solana

By Vincenzo Cacioppoli - 24 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Quando il 7 settembre scorso El Salvador ha dato l’annuncio che Bitcoin avrebbe avuto corso legale nel Paese, sui mercati delle criptovalute si è verificato un pesante crollo, per certi versi inaspettato, ma che molti analisti hanno giustificato con il classico motto della finanze “buy on rumors sell on news”, secondo cui i mercati salirebbero in occasione di indiscrezioni per poi vendere una volta che la notizia è uscita. 

I cali nel mercato della DeFi

La discesa è continuata con cali a due cifre per molte criptovalute, a cominciare proprio da Bitcoin ed Ethereum, anche se il crollo è stato forse maggiore su quasi tutti i titoli della cosiddetta DeFi (finanza decentralizzata ) con in testa i principali progetti come Uniswap, Enjin Compound, AAve e Maker i cui prezzi sono scesi del 20/30% negli ultimi giorni. 

Dal crollo del 7 settembre il mercato delle cripto è in calo di circa il 15% e anche i volumi giornalieri sono scesi di più del 50%, passando dai 418 miliardi di dollari circa agli attuali 190 miliardi. 

La capitalizzazione della DeFi è invece scesa dell’8% circa dai 135 miliardi di dollari di inizio settembre, ovvero del 13,2% e i volumi giornalieri della transazioni sono scesi a 14 miliardi di dollari dai circa 30 miliardi di agosto.

Aave Link, Enjin ed Uniswap, i colossi del mercato DeFi, guidano il ribasso del mercato con cali generalizzati del 15/20%. Per fare un semplice esempio, il 7 settembre Uniswap ha perso in un solo il 15% mentre tra il 20 e il 21 settembre ha lasciato sul terreno oltre il 20% del suo valore.

Nello stesso periodo LINK il 7 ha perso oltre il 18%, mentre il 20 e il 21 ha perso oltre il 22%. Simili performance sono state registrate da Enjin AAve e Maker.

Mercato DeFi in arrivo il grande ribasso o semplice correzione?

Il mercato della DeFi è ancora molto piccolo rispetto a quello spot, considerando che attualmente tutto il mercato registra la partecipazione di circa 3 milioni di utenti, contro gli oltre 300 milioni presenti sul mercato spot. 

Con questi numeri è facile capire come la speculazione possa essere ancora maggiore rispetto ad un mercato molto più grande come quello delle criptovalute tradizionali.

Occorre aggiungere che la finanza decentralizzata viene da un lungo periodo di grandi rialzi, determinati da un crescente interesse di operatori ed investitori su questa nuova forma di finanza.

Sulle quotazioni possono aver sicuramente influito l’indagine che la Sec ha aperto sul più grande exchange di DeFi, Uniswap ad inizio settembre.  

Solana Defi
DeFi

Cosa succederà sul mercato DeFi

Matthew Roszak, fondatore e CEO di Bloq, una startup blockchain che offre consulenza ad istituti finanziari sul mondo crypto, è sicuro che il settore DeFi vedrà sicuramente una crescita di 10 volte per diventare un’industria da 800 miliardi di dollari.

Il problema ora è capire come evolverà il mercato nel breve termine e capire se questa è una semplice correzione momentanea e quindi una opportunità di acquisto, oppure se il forte ribasso continuerà. Di sicuro anche le grandi banche stanno mostrando grande interesse verso il mondo Defi, a Luglio Goldman Sachs ha presentato alla Sec il prospetto per un nuovo etf sulla finanza decentralizzata. 

Mark Cuban il miliardario imprenditore americano , proprietario della squadra Nba dei Dallas Mavericks, è convinto che il mercato defi è destinato ad esplodere nei prossimi anni, erodendo fette di mercato importanti alle banche tradizionali. 

“Il vantaggio fondamentale della DeFi è che semplifica il prestito per scopi personali”, ha twittato Cuban giovedì in risposta a un dibattito sulla DeFi.

“È una seccatura prendere in prestito denaro da una banca”, ha detto. “E consente anche a chiunque disponga di fondi di essere un prestatore”.

Solana, una crescita esplosiva delle sue quotazioni

Dai cali generalizzati di questi giorni però un titolo riesce ancora a crescere, risultando come la top cripto del mercato in questi primi nove mesi del 2021. Si tratta di Solana. Dai 28 dollari giugno è arrivato a superare i 200 dollari il 9 settembre, per poi scendere agli attuali 145 dollari. Il guadagno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso è del 3200%.

Solana è una rete blockchain che riesce a processare 50.000 transazioni al secondo e così si è candidata a diventare un’alternativa a Ethereum.

Il suo successo si spiega anche con la grande visibilità che molti progetti costruiti sulla sua rete hanno riscosso fra gli investitori. Nel mese di agosto questi progetti hanno raccolto circa 3 miliardi di dollari dagli investitori, facendo letteralmente schizzare alle stelle il token di Solana.

La prudenza è però d’obbligo, ma scegliendo i giusti progetti si potrebbero ottenere ancora interessanti guadagni, se è vero che la DeFi continua a rimanere una delle più interessanti applicazioni innovative per la finanza.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.