Emanuele Dascanio, Lamborghini e l’iperrealismo applicato al mondo degli NFT
Emanuele Dascanio, Lamborghini e l’iperrealismo applicato al mondo degli NFT
Interviste

Emanuele Dascanio, Lamborghini e l’iperrealismo applicato al mondo degli NFT

By Amelia Tomasicchio - 25 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Il mondo dei non fungible token è considerato “Il nuovo Rinascimento” e desidera esplorare le infinite possibilità artistiche che offre.

Emanuele Dascanio è un artista con 20 anni di carriera in ambito iperrealista (le sue opere sono in collezioni private in tutto il globo) che è entrato in modo dirompente nel mondo degli NFT annunciando la sua prima collezione digitale nella campagna “100 Creators” lanciata da Binance.

Emanuele è un artista che ricerca tantissimo e pone una grande attenzione ai dettagli esaltando la bellezza dove di solito non la si nota, considerando il mondo NFT “Il nuovo Rinascimentoe desidera esplorare le infinite possibilità artistiche che offre.

Di recente ha voluto celebrare la vita di Lamborghini unendo perfettamente il suo stile iperrealista al digitale. Questo drop verrà pubblicato domani, 25 settembre, su Elysium Bridge.

Qui l’intervista realizzata ieri su The Nemesis con Emanuele:

L’impero nato dalle ceneri

L’opera di Emanuele si ispira alla grandiosa storia di Ferruccio Lamborghini.

Un figlio di contadini trasformatosi in leggenda, che tornato dalla guerra forgia dalle ceneri la sua prima realtà imprenditoriale iniziando a produrre trattori, per poi arrivare a creare un impero nel settore delle automobili sportive.

L’ideazione dell’opera è nata proprio da questa energia, questa voglia di rivalsa che era sempre presente nello spirito di quest’uomo eccezionale.

Lamborghini Dascanio
Lamborghini

La rabbia e l’energia di Ferruccio trasformate in un’opera digitale 

Dascanio ha voluto comunicare nella sua opera la rabbia e l’umiliazione subiti da Ferruccio durante il suo incontro con Enzo Ferrari:

“Cosa vuol saperne di auto lei che guida trattori?”.

Questa la frase che ha fatto scattare la scintilla a Lamborghini, portandolo così a creare la prima linea di automobili sportive sotto il segno del toro, e arrivando nel 1966 a presentare al mondo la madre delle Supercar, la Miura. 

Emanuele è riuscito a prendere quel momento che ha sancito la nascita di un Brand leggendario e trasformarlo in un’opera unica e immortale, dal valore inestimabile.

Quest’opera rappresenta la trasformazione della rabbia di Ferruccio in pura energia.

Emanuele ha preso quello che sa fare meglio, il disegno, riproducendo il volto di Ferruccio in ogni minimo dettaglio e integrandolo perfettamente alla parte digitale.

Utilizzando la tecnica di Rendering e del 3D Model ha mutato l’immagine dell’uomo in Toro, trasformandola infine nella madre delle SuperCar, la Miura.

Rabbia. Forza. Energia.

Nella visione di Dascanio queste 3 parole riassumono al meglio il tipo di uomo che era Ferruccio e descrivono perfettamente il momento della nascita del Brand Leggendario.

Rabbia, evocata dall’incontro con Ferrari…

Forza di reagire e trasformare quell’evento in un’opportunità e fondare dopo solo un anno l’azienda che cambierà la storia delle auto sportive…

Ed infine energia, rappresentata nell’opera dalla madre delle Supercar, La Miura.

Possedere l’opera di Dascanio significa avere tra le mani la rappresentazione artistica digitale dell’evento che ha dato vita alla leggenda ed entrare quindi a far parte della storia.

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e Business Developer di Huobi per il mercato italiano.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.