Pacsun: primo fashion retail ad accettare 11 crypto con BitPay
Pacsun: primo fashion retail ad accettare 11 crypto con BitPay
Criptovalute

Pacsun: primo fashion retail ad accettare 11 crypto con BitPay

By Stefania Stimolo - 7 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Il fashion retail americano Pacsun ha annunciato che accetta pagamenti con 11 criptovalute, grazie a una collaborazione con BitPay. 

Il motivo della scelta di adottare le crypto sarebbe quella di voler stare vicino ai suoi consumatori appartenenti alla generazione Z. 

Pacsun, il fashion retail vicino alla Generazione Z

Anche Pacsun, il fashion retail californiano, sembra abbia scelto BitPay per accettare bitcoin e le altre crypto, diventando il primo marchio di moda al mondo ad offrire tale servizio. 

“PacSun sarà il primo grande marchio nel settore della moda e della vendita al dettaglio ad accettare bitcoin e altre crypto usando BitPay. Crypto è una forma di pagamento popolare per coloro che sono cresciuti nell’era digitale”.

Secondo quanto riportato, la motivazione che avrebbe spinto il brand di abbigliamento giovanile ad adottare le crypto, sarebbe proprio il suo target di consumatori, la generazione z, cresciuta nell’era digitale. 

Michael (Mike) Relich, Co-CEO di Pacsun ha affermato:

“Il pubblico della Gen Z, il nostro consumatore principale, è molto orientato alla tecnologia, e dedichiamo molti dei nostri sforzi ai social media e all’e-commerce per allinearci ai loro stili di vita e risuonare con loro ad un livello più personale. Vedendo il loro crescente desiderio verso le criptovalute, era chiaro che dovevamo adeguarci e offrire BitPay come un’altra opzione di pagamento, per instillare ulteriormente la loro fiducia in noi come uno dei loro rivenditori che ascolta veramente”.

Pacsun
Pacsun accetta Bitcoin

Fashion retail e i pagamenti in crypto

Grazie alla collaborazione con BitPay, Pacsun partirà supportando già ben 11 crypto, come Bitcoin (BTC), Bitcoin Cash (BCH), Ethereum (ETH), Wrapped Bitcoin (WBTC), Dogecoin (DOGE), Litecoin (LTC), e 5 USD-pegged stablecoins (GUSD, USDC, USDP, DAI, e BUSD)

Anche Stephen Pair, co-fondatore e CEO di BitPay ha lasciato un suo commento: 

“Siamo molto entusiasti che Pacsun abbia deciso di adottare BitPay e aggiungere la criptovaluta come forma di pagamento. E’ uno dei primi grandi rivenditori di abbigliamento ad accettare criptovalute, e un marchio di moda digitale leader della Gen Z. Pacsun condivide il nostro obiettivo di permettere a tutti di vivere la vita in cripto rendendoli un’aggiunta naturale alla nostra crescente lista di marchi top che adottano criptovalute”

Non solo, l’app per i pagamenti crypto BitPay supporta anche wallet crypto e exchange come Coinbase, Exodus Wallet, Metamask, Blockchain Wallet, Electrum, Trust, Ledger, BRD, Gemini, Kraken e Binance. 

BitPay e l’adozione mainstream delle crypto

Pacsun non è il primo marchio importante americano a scegliere proprio BitPay per accettare pagamenti in crypto. Anzi, BitPay è così ricercata che sembra essere diventato un canale per l’adozione mainstream delle crypto. 

Proprio ieri, anche il gigante americano del cinema AMC ha annunciato che sfrutterà la sua collaborazione con BitPay per accettare pagamenti in Dogecoin (DOGE), la crypto meme “preferita” del CEO di Tesla e SpaceX, Elon Musk. 

Il CEO di AMC, Adam Aron, avrebbe confermato il volere dei follower su Twitter dopo che con un sondaggio sul social dei crypto-lovers, avrebbe scoperto con grande stupore l’immenso interesse e partecipazione attiva della community di Dogecoin. 

DOGE è stata quindi coinvolta tra le crypto adottate da AMC per l’ingresso dei propri cinema, attraverso le carte regalo o “gift card” offerte sulla piattaforma di BitPay. 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.