MoneyGram in partnership con Stellar: dimenticata Ripple
MoneyGram in partnership con Stellar: dimenticata Ripple
Blockchain

MoneyGram in partnership con Stellar: dimenticata Ripple

By Eleonora Spagnolo - 7 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

MoneyGram ha avviato una partnership con Stellar per facilitare i pagamenti via blockchain e garantendo transizioni praticamente istantanee in USDC.

Un accordo a vantaggio di Circle

È stata Stellar ad annunciare l’accordo con MoneyGram, il colosso dei pagamenti P2P.

Questa partnership nasce per consentire agli utenti di utilizzare USDC, la stablecoin di Circle. I consumatori potranno convertire USDC in contanti in modo istantaneo, e viceversa. Utilizzando la blockchain di Stellar MoneyGram sarà in grado di garantire trasferimento di denaro in tempo reale, sfruttando proprio USDC. 

Le due aziende si aspettano che questo loro accordo porti ad una crescita di entrambe, in particolare, è previsto che acceleri la diffusione degli asset digitali. A questo dovranno contribuire anche le partnership di Stellar e quanti sceglieranno di utilizzare la sua blockchain. 

L’accordo sarà operativo già nell’anno in corso in alcuni mercati. È destinato ad espandere i suoi orizzonti nel 2022. 

MoneyGram pioniere dell’innovazione

Alex Holmes, presidente e CEO di MoneyGram, così ha commentato questa partnership: 

“A MoneyGram, una delle nostre principali priorità strategiche è quella di essere pionieri nell’innovazione dei pagamenti transfrontalieri e nell’insediamento con blockchain, e siamo entusiasti di lavorare con la Stellar Development Foundation per portare avanti i nostri sforzi”. 

L’accordo mostra che MoneyGram crede nel potenziale delle valute digitali. Holmes aggiunge in proposito: 

“Mentre le criptovalute e le valute digitali salgono alla ribalta, siamo particolarmente ottimisti sul potenziale delle stablecoin come metodo per semplificare i pagamenti transfrontalieri. Data la nostra esperienza nei pagamenti globali, blockchain e conformità, siamo estremamente ben posizionati per continuare ad essere il leader nella costruzione di ponti per collegare le valute digitali con le valute fiat locali.”

Denelle Dixon, CEO e direttore esecutivo della Stellar Development Foundation ha aggiunto: 

“Questa partnership è un esempio lampante di come la tecnologia blockchain e le stablecoin portino nuove opportunità ai clienti globali e migliorino il sistema finanziario esistente. Grazie alla portata dei servizi di MoneyGram e alla velocità e al basso costo delle transazioni su Stellar, un nuovo segmento di utenti sarà in grado di convertire il proprio contante in e fuori USDC, dando loro accesso a servizi di asset digitali veloci e convenienti che potrebbero essere stati precedentemente fuori portata. Siamo lieti di collaborare con MoneyGram per portare avanti la nostra missione di creare un accesso finanziario più equo”.

Circle dal canto suo coglierà un’enorme opportunità per allargare la diffusione di USDC. Dice a tal proposito Jeremy Allaire, co-fondatore, amministratore delegato e presidente di Circle:

“Il lancio di questa partnership dimostra il potere delle valute digitali come USDC di creare un regolamento veloce, sicuro e senza soluzione di continuità per l’economia digitale. Insieme, siamo all’avanguardia dell’innovazione, dimostrando come possiamo reimmaginare i servizi finanziari che beneficiano e servono meglio gli utenti globali”.

MoneyGram
MoneyGram, nuova partnership.

MoneyGram da Ripple a Stellar

Di sicuro MoneyGram non è nuova a partnership con aziende del mondo blockchain. Il primo accordo infatti fu siglato con Ripple. Era il 2019 e le due aziende che cercavano entrambe di affermarsi nel settore dei pagamenti transfrontalieri hanno avviato un’interessante collaborazione. Similmente a quanto avverrà con USDC, all’epoca della partnership con Ripple l’asset per i pagamenti istantanei era XRP

Probabilmente l’uso di USDC si presta meglio allo scopo. L’utilizzo di una stablecoin garantisce che l’asset scambiato non sia preda della volatilità e questo può incoraggiarne l’utilizzo. 

L’accordo con Ripple prevedeva la durata di due anni e non è stato rinnovato. Ad influire in questa decisione anche il destino incerto del token XRP vista la causa che vede coinvolta Ripple contro la SEC.

Nell’annuncio ufficiale, le aziende dicevano che avrebbero voluto riprendere la loro relazione in futuro, perché entrambe dicevano di credere alle potenzialità degli asset digitali e della blockchain. 

Ma ora MoneyGram ha scelto la rivale numero 1 di Ripple, Stellar. Al numero 22 come capitalizzazione di mercato, la notizia della partnership con MoneyGram ha fatto bene al token XLM che oggi guadagna il 14% e su porta a 0,36 dollari. 

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.