Bitfury vuole entrare in borsa in Europa entro un anno
Bitfury vuole entrare in borsa in Europa entro un anno
Criptovalute

Bitfury vuole entrare in borsa in Europa entro un anno

By Stefania Stimolo - 12 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Bitfury, il colosso degli hardware per il crypto mining, vuole entrare in borsa in Europa entro un anno. Per la sua preparazione è intervenuta Deloitte, così da valutare l’azienda per l’emissione di azioni in un mercato regolamentato. 

Bitfury e la sua quotazione nei mercati europei

Secondo quanto riportato, il produttore di hardware per il crypto mining sembra si stia confrontando con una delle quattro più grandi società di contabilità, Deloitte, per valutare la sua preparazione al processo di quotazione in borsa. 

Bitfury ha avuto una valutazione di 1 miliardo di dollari dopo il suo ultimo round di finanziamento, ed è sostenuta da aziende del calibro di Galaxy Digital di Mike Novogratz. 

Non ci sono pubblicazioni ufficiali, ma sembra che il progetto per la sua quotazione nei mercati europei (dove Bitfury ha la sede) potrebbe essere già realtà entro i prossimi 12 mesi. 

Come sottolineano in molti nel settore, se Bitfury dovesse avere tutte le carte in regola per entrare in borsa, questo costituirebbe una delle più grandi quotazioni di una società di hardware di bitcoin e crypto mining. 

“Il minatore di Bitcoin BitFury si prepara ad andare in borsa per una valutazione di miliardi – la più grande quotazione di Bitcoin in Europa!”

Le società crypto che diventano quotate in borsa

Se Bitfury riuscisse nella sua missione, non sarebbe di certo la prima società coinvolta nel settore crypto a diventare quotata in borsa a livello mondiale.  

Coinbase, uno dei principali exchange crypto con sede negli Stati Uniti, è entrato in borsa, esattamente il 14 aprile di quest’anno. Senza dover ricorrere alla IPO, Coinbase è diventata la prima società crypto statunitense ad entrare in borsa attraverso un direct listing, e cioè senza emissione di nuove azioni ma con l’apertura al pubblico di quelle già esistenti. 

Non statunitense, ma sì quotata al Nasdaq, c’è anche la società cinese Canaan Inc., produttrice di ASIC per il mining di bitcoin. Canaan Inc (CAN) è quotata in borsa dal 2019 e, in questo caso, la società aveva emesso una IPO sul mercato americano, raccogliendo ben 90 milioni di dollari. 

Bitfury: tra hardware per il crypto mining e blockchain

L’ecosistema di Bitfury non riguarda solo il crypto mining. Lanciato nel 2011, il progetto ha poi sviluppato nel tempo anche sue tecnologie come la Blockchain di Exonum Enterprise e Crystal. 

Lanciato nel 2019, Exonum Enterprise è la prima blockchain creata da zero per aiutare le aziende e governi a progettare e lanciare progetti in piena trasparenza, sfruttando la blockchain di bitcoin. 

Nata come una Blockchain-as-a-Service (BaaS) del gigante del mining, la Exonum Enterprise è ancorata alla blockchain di bitcoin. 

Crystal, invece, è uno strumento software basato sul web che aiuta le istituzioni finanziarie e le forze dell’ordine a gestire le indagini sulla blockchain.

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.