Bitcoin P2P ha superato PayPal per volumi di transazioni
Bitcoin P2P ha superato PayPal per volumi di transazioni
Bitcoin

Bitcoin P2P ha superato PayPal per volumi di transazioni

By Stefania Stimolo - 29 Nov 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Bitcoin ha superato PayPal per volumi di transazioni a trimestre nel 2021. La rete decentralizzata del peer-to-peer ha elaborato un totale di $489 miliardi, contro i $302 miliardi elaborati invece da Paypal. 

Bitcoin ha superato PayPal per volumi

Secondo i dati di Blockdata, la rete P2P di Bitcoin ha elaborato il 62% in più di valore in dollari rispetto a PayPal quest’anno. Nello specifico, la rete Bitcoin ha elaborato una media stimata di 489 miliardi di dollari a trimestre nel 2021.

Al contrario, PayPal ha elaborato una media di 302 miliardi di dollari a trimestre nel 2021

Non solo, per vedere il quadro generale con le maggiori rete di pagamento globali utilizzate, la rete Mastercard ha elaborato 1,8 trilioni di dollari a trimestre, o 260% in più, e la rete Visa ha elaborato una media di 3,2 trilioni di dollari a trimestre, o 540% in più.

Come ormai noto, al contrario delle altre reti di finanziarie, mantenute da una società da una manciata di sedi, Bitcoin è invece una rete decentralizzata, mantenuta da singoli nodi, gestiti da persone e aziende in tutto il mondo che vogliono convalidare le loro transazioni e rafforzare la rete. 

A tal proposito, il report lascia un commento su BTC come segue:

“È impressionante come Bitcoin, come una rete decentralizzata di 12 anni, sia il 27% della strada in termini di una metrica (volume elaborato) rispetto a Mastercard, una società fondata nel 1966. Soprattutto se si tiene conto che si tratta di un movimento decentralizzato.”

Paypal Bitcoin volumi
PayPal ha elaborato una media di 302 miliardi di dollari a trimestre nel 2021.

Bitcoin potrebbe superare anche Mastercard e Visa

Una volta che la rete Bitcoin ha superato PayPal, la domanda nasce spontanea: è possibile che riesca anche superare i colossi del momento di Mastercard e Visa? A quanto pare, sembra proprio di sì, anche se ci vorrà il giusto tempo. 

Nello specifico, il report spiega che ci sono tre fattori che potrebbero far crescere la rete Bitcoin ai livelli di Mastercard e Visa:

  • Il numero di transazioni aumenta.
  • L’importo medio di bitcoin inviato per transazione aumenta.
  • Il prezzo del bitcoin aumenta.

La prima opzione è difficile a causa delle limitazioni tecniche del sistema. La seconda e la terza opzione in combinazione sono le più semplici.

Il report puntualizza anche come il peer-to-peer di Bitcoin sia utilizzato in maniera diversa rispetto a PayPal, Mastercard e Visa.  

A tal proposito, afferma :

“Naturalmente la rete Bitcoin elabora molto più che semplici pagamenti, la gente la usa per trasferire fondi da e verso i servizi, o anche tra i propri portafogli. Il punto non è quello di dire che Bitcoin può sorpassare Mastercard e Visa come binari di pagamento, ma di guardare come sta trasferendo un volume pari a quello di alcuni nomi famosi della finanza. Bitcoin è anche una rete fondamentalmente diversa da Mastercard e Visa. È più una “tecnologia di risparmio” che una “tecnologia di spesa (più di quello che hai)”. Naturalmente, si rivolgono a casi d’uso e pubblico diversi.”

L’aumento di interesse dagli investitori istituzionali

Mentre il prezzo di BTC lotta per rimanere sopra la soglia dei 57,000$, dopo che nell’ultima settimana ha oscillato tra i 53,000$ e i 59,000$, gli investitori istituzionali continuano ad esprimere il loro interesse verso la regina delle crypto. 

E infatti, questo nuovo incremento di interesse si deve probabilmente a nuovi prodotti finanziari emessi sui mercati tradizionali per consentire di prendere posizione sul prezzo di Bitcoin, anche senza possederlo. 

Lo strumento più utilizzato è Grayscale Bitcoin Trust (GBTC), che sta per essere convertito in un ETF sulla borsa di New York. Non solo, anche il Proshares Bitcoin Strategy ETF (BITO) è il primo ETF Bitcoin mai approvato sul mercato statunitense. 

Il grande successo di questi due strumenti e altri ancora, porta a comprendere come gli investitori istituzionali stiano sempre più avendo una partecipazione attiva e coinvolta in BTC. 

 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.