Powell avverte sui rischi dell’inflazione per l’economia USA
Powell avverte sui rischi dell’inflazione per l’economia USA
News dal Mondo

Powell avverte sui rischi dell’inflazione per l’economia USA

By Vincenzo Cacioppoli - 1 Dic 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Secondo il Presidente della Fed, Jerome Powell, sull’economia a stelle e strisce incombe il rischio inflazione, che potrebbe compromettere seriamente la ripresa.

L’inflazione secondo Powell

“I prezzi più alti osservati oggi sono generalmente legati alla pandemia, ma alcuni aumenti dei prezzi si stanno anche osservando in modo più ampio e il rischio di un’inflazione più elevata è aumentato”,

ha detto martedì in un intervento alla CNBC Powell.

“In generale, i prezzi più alti che stiamo vedendo sono legati agli squilibri tra domanda e offerta che possono essere ricondotti direttamente alla pandemia e alla riapertura dell’economia”, 

ha poi ribadito Powell durante un’audizione presso la Commissione bancaria del Senato.

“Ma è anche vero che gli aumenti dei prezzi si sono diffusi in modo molto più ampio… e penso che sia aumentato il rischio di una maggiore inflazione”.

Il dibattito sull’inflazione in USA

Secondo alcuni esperti queste affermazioni sarebbero quantomeno inopportune, perché in questi giorni si starebbe assistendo ad un calo  generalizzato di tutte le materie prime, come fa notare in un tweet David Rosenberg, capo economista e strategie di Rosenberg Research & Associates.

In effetti sui rischi inflazionistici si sta svolgendo un ampio dibattito sulla sua reale durata.

Secondo il Presidente della Bce, Christine Lagarde, il rialzo dei prezzi sarebbe temporaneo e non dovrebbe destare eccessiva preoccupazione.

inflazione USA
L’inflazione negli Stati Uniti è preoccupante

 

La variante Omicron

Ma secondo Powell, che a settembre era sembrato molto meno preoccupato del rialzo dei prezzi, ora la nuova variante del virus Omicron potrebbe cambiare la carte in tavola.

“Il recente aumento dei casi di COVID-19 e l’emergere della variante Omicron pongono rischi al ribasso per l’occupazione e l’attività economica e una maggiore incertezza per l’inflazione”

ha affermato Powell sempre durante l’audizione al Senato di martedì.

“Una maggiore preoccupazione per il virus potrebbe ridurre la disponibilità delle persone a lavorare di persona, il che rallenterebbe i progressi nel mercato del lavoro e intensificherebbe le interruzioni della catena di approvvigionamento”, 

ha aggiunto Powell.

Alla domanda specifica se pensa che l’inflazione possa ancora essere descritta come transitoria, Powell ha detto chiaramente di non credere più ad una simile ipotesi:

“Probabilmente è un buon momento per ritirare questa parola e spiegare più chiaramente cosa intendiamo”.

Ha affermato di ritenere che l’inflazione elevata persisterà almeno fino alla metà del prossimo anno, ed è di conseguenza “probabile” che la banca centrale americana discuta di accelerare il programma di tapering del suo programma di acquisto di asset.

I mercati sembrano aver reagito male a queste parole, pensando ad un imminente stretta del programma di acquisto di titoli da parte della Fed. 

Secondo alcuni analisti queste parole di Powell sarebbero anche dettate dal fatto che la sua nomina a Presidente deve essere ratificata dal Senato USA, dove una parte del partito di Biden non avrebbe visto di buon occhio la sua riconferma a capo della Fed da parte di Biden.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.