Bitcoin: il prezzo scende, ma Lightning Network sale
Bitcoin: il prezzo scende, ma Lightning Network sale
Bitcoin

Bitcoin: il prezzo scende, ma Lightning Network sale

By Marco Cavicchioli - 6 Dic 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Nelle ultime settimane il prezzo di Bitcoin è sceso in modo significativo. 

Dopo aver toccato il suo massimo storico di sempre, il 10 novembre, a quota 69.000$, è iniziata una discesa che lo ha portato prima sotto i 64.000$, poi sotto i 60.000$, poi sotto i 55.000$ ed infine anche sotto quota 50.000$ a partire da sabato 4 dicembre. 

In questo momento BTC perde il 30% dal suo massimo storico, ed il 16% rispetto ad una settimana fa, sebbene sia ancora del 151% superiore rispetto a dodici mesi fa. 

Quello che però stride molto a confronto di questa discesa è la diffusione di Lightning Network. 

Ad esempio i nodi LN nell’ultimo mese sono passati da 17.800 a 18.900, mentre i canali sono passati da 80.000 ad 82.700. 

Certo, 82.700 canali LN in tutto il mondo sono ancora  molto pochi, ma ad inizio anno erano meno della metà. Quindi in meno di un anno sono più che raddoppiati, e nei soli ultimi 30 giorni sono aumentati di più del 3%. 

Anche la capacità complessiva del network è in ascesa, passata nell’ultimo mese da poco meno di 3.200 a poco meno di 3.300 BTC, sebbene negli ultimi cinque giorni sia in calo. 

Ad inizio 2021 la capacità era di soli 1.000 BTC, quindi in meno di un anno è più che triplicata. 

Bisogna tener presente che l’utilizzo di Lightning Network serve solo ed esclusivamente ad inviare BTC in tempi rapidi ed a costi ridottissimi, per ora, quindi la sua diffusione ad oggi si deve solo ed esclusivamente all’utilizzo di Bitcoin come mezzo di pagamento. 

Anche confrontando tra di loro le performance complessive del 2021 da un lato del prezzo di BTC, dall’altro della diffusione di LN, sembra che i risultati ottenuti da quest’ultimo quest’anno siano persino maggiori rispetto a quelli del prezzo. 

Secondo il CTO di Bitfinex, Palo Ardoino, il problema potrebbe essere legato alla paura che ha attanagliato il settore dei token digitali a livello speculativo. 

Infatti ha dichiarato: 

“Mentre la natura speculativa dell’ecosistema rimane in primo piano nella testa di molti partecipanti, sono stati fatti enormi passi in avanti nelle infrastrutture sottostanti e nei processi di pagamento. Lightning Network rappresenta probabilmente la DeFi nella sua forma più vera. A differenza di molte delle catene non-Bitcoin, che spesso hanno una componente speculativa basata sull’apprezzamento del token del protocollo, Lightning Network è interamente dedicata ai pagamenti ed alla creazione di servizi. La crescita tranquilla ma costante della rete quest’anno potrebbe non aver fatto fatto così tanto parlare di sè, ma dimostra la crescente forza dell’ecosistema, ed è in gran parte immune dall’impatto dei prezzi vorticosi”.

LN infatti non ha un suo token, perchè non è altro che il protocollo con cui si possono spostare BTC senza dover registrare le transazioni sulla blockchain. È un puro strumento di utilizzo di Bitcoin, completamente slegato dalla speculazione sui mercati finanziari. 

Insomma, il protocollo Bitcoin continua ad avanzare poderosamente, a prescindere da quanto i mercati siano disposti a prezzare BTC.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.