“Donne e Industria Blockchain”, il report sulle criptovalute al femminile
“Donne e Industria Blockchain”, il report sulle criptovalute al femminile
Blockchain

“Donne e Industria Blockchain”, il report sulle criptovalute al femminile

By Amelia Tomasicchio - 20 Dic 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

COMUNICATO STAMPA 

È online, da oggi, l’analisi “Donne e Industria Blockchain. Indagine sulle carriere professionali e l’occupazione  femminile in Italia e in Europa.”, nata dal partenariato tra l’Osservatorio Blockchain (IBNO) dell’Università degli Studi  di Napoli Federico II e la community internazionale Blockchain Ladies.

Le origini del report

Hanno partecipato alla redazione del report (disponibile sul sito dell’Osservatorio) i membri italiani della  community, professioniste impegnate sul campo in diversi ruoli e posizioni e menzionate qui di seguito:

  • Caterina Ferrara (founder della community),
  •  Raffaella Aghemo,
  • Cristina Baldi,
  • Laura Cappello,
  • Adriana  Carotenuto,
  • Enza Cirone,
  • Francesca Failoni,
  • Amelia Tomasicchio.

La proposta di svolgere un’indagine statistica, censire le professioniste di questo settore ed elaborare  riflessioni puntuali sul tema della discriminazione di genere è stata sottoposta con fermezza dalla Community  e accettata senza esitazione da IBNO.

IBNO, nato della collaborazione tra il Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni (DEMI)  dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Italia4Blockchain e Cryptodiamond s.r.l, pertanto, rappresenta  ad oggi il primo osservatorio che ha abbracciato la questione di genere nel settore Blockchain come tematica  di studio e ricerca, accogliendo senza riserve il forte messaggio di inclusione che Blockchain Ladies dal 2017  concretizza attraverso le sue attività.

Online il report sul coinvolgimento delle donne nell’industria crypto e blockchain

Il censimento delle donne nell’industria blockchain

Il documento fornisce un rapporto commentato in relazione: alle risposte fornite su base volontaria alla  survey somministrata in via digitale nei mesi passati; al censimento delle professioniste della Blockchain  eseguito attraverso il social network professionale LinkedIn; riflessioni puntuali emerse circa gli elementi  cruciali e peculiari del gender gap, per i quali si dispone di informazioni consolidate.

Sono, infatti, approfonditi alcuni argomenti di attualità, e descritti in particolare alcuni aspetti rilevanti  l’empowerment femminile in questo settore: dalla relazione tra donne e giornalismo a tema “crypto” a come  la Blockchain sta influenzando la carriera di avvocato; dalle politiche che incentivano donne e ragazze

nell’accesso ai ruoli professionali dell’ICT fino al pay gap; dal ruolo della Blockchain come stimolo per la  prossima generazione di donne imprenditrici fino al fintech, mining, gli NFTs e soprattutto l’importanza della  Blockchain nei luoghi di lavoro come strumento per prevenire e contrastare gli abusi.

Stabilire dei programmi per incentivare le donne a perseguire carriere in questo ambito, è fondamentale, per  questo lo studio ha avuto l’obiettivo di analizzare al meglio la problematica per poter raffinare sempre di più  le strategie attuabili. Il report offre una carrellata su alcuni dei più delicati fattori che caratterizzano il gender  gap allo scopo di offrire soluzioni sempre più mirate e ridurre gli effetti negativi del fenomeno.

Un fenomeno che è soprattutto socioeconomico e che richiede interventi efficaci, appropriati e sottoposti a  controlli di qualità per un miglioramento continuo ed un rigoroso confronto tra benefici e possibili effetti del  superamento della questione di genere in ambito tecnologico.

A breve, sarà online anche la versione in lingua inglese del report e nel mese di Gennaio 2022 è previsto  l’evento pubblico di presentazione dei risultati dell’indagine alla presenza degli attori istituzionali coinvolti e  dei co-autori.

 

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e Business Developer di MEXC per il mercato italiano.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.