Previsione Bitcoin 2022: arriverà a 90.000 dollari
Previsione Bitcoin 2022: arriverà a 90.000 dollari
Bitcoin

Previsione Bitcoin 2022: arriverà a 90.000 dollari

By Marco Cavicchioli - 27 Gen 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Finder.com ha intervistato 33 specialisti fintech, tra cui il fondatore di CoinFlip Daniel Polotsky, il docente senior dell’Università di Canberra John Hawkins e Vanessa Harris, Phief Product Officer di Permission. Grazie anche a queste interviste ha realizzato e pubblicato il suo Bitcoin Price Predictions Report, secondo cui il prezzo di BTC potrebbe superare la soglia dei 90.000 dollari nel corso 2022, e chiudere l’anno attorno a 76.360$.

La previsione su Bitcoin nel 2022

Sul breve termine invece prevalgono le previsioni neutre o ribassiste, in particolare per quanto riguarda la prossima settimana. 

La cosa interessante è che rispetto a sei mesi fa le previsioni sul lungo periodo ora sono molto meno ottimistiche. 

Prendendo come punto di riferimento il 2025, a luglio del 2021 lo stesso panel aveva previsto per la fine del 2025 un prezzo medio di 265.000$, già ridotto a 206.351$ ad ottobre. Ora questa previsione è scesa a 192.800$. 

Invece, per la precisione, il picco massimo previsto mediamente dal panel per il 2022 è di 93.717$. 

Il motivo della maggiore prudenza sembrerebbe essere legato ai potenziali aumenti dei tassi di interesse annunciati dalla Fed per il 2022, che hanno portato il panel ad essere maggiormente prudente rispetto ai mesi scorsi.

Bitcoin previsioni
Le scelte della Fed peseranno sul prezzo di BTC

L’influenza della Fed

D’altronde proprio ieri la Fed ha annunciato che presto potrebbe essere costretta ad aumentare i tassi, e la reazione del prezzo di Bitcoin è stata quasi immediata. 

Il direttore esecutivo dell’hedge fund crypto ARK36, Mikkel Morch, ha studiato questa correlazione, e dice:

“Gli asset digitali, incluso Bitcoin, tendono a essere più correlati alle azioni durante i periodi di stress, quando la maggior parte dei mercati di investimento fugge dal rischio. Non sorprende, quindi, che i mercati delle criptovalute si siano mossi quasi in tandem con il mercato azionario dopo la conferenza stampa del presidente della Fed Jerome Powell all’indomani della riunione del FOMC di questo mese.” 

Morch fa notare che la prima reazione dei mercati alle parole di Powell in realtà era stata positiva, perché si aspettavano una posizione più aggressiva da parte della Fed. Ma al Powell accomodante di inizio conferenza è subentrato poi un Powell più cupo ed apparentemente preoccupato, tanto da risvegliare il sentiment ribassista degli ultimi giorni. 

Inoltre fa notare che, sebbene la situazione non giustifichi ancora veri e propri sconvolgimenti del mercato azionario, Powell ha ammesso che la Fed è disposta a lasciar scendere ancora i mercati pur di mantenere il suo impegno nella lotta all’inflazione. 

Per questi motivi il sentiment sul breve periodo non è affatto rialzista, nonostante invece lo sia sul medio e sul lungo termine.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.