Turchia, Erdogan vuole un forum sul metaverso
Turchia, Erdogan vuole un forum sul metaverso
NFT

Turchia, Erdogan vuole un forum sul metaverso

By Vincenzo Cacioppoli - 28 Gen 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

“È un argomento delicato, dovrebbe essere fatto uno studio buono e meticoloso”, con questa scarna dichiarazione Erdogan ha spiegato la sua decisione di ordinare al suo partito di organizzare un forum per studiare accuratamente le implicazioni e i possibili utilizzi del metaverso in Turchia.

La Turchia studia il Metaverso

Durante il comitato esecutivo dell’AKP, che è il principale partito turco, con 316 membri del Parlamento, e ne controlla la maggioranza sin dal 2002, Erdogan avrebbe appunto parlato della necessità di studiare il metaverso e il mondo delle criptovalute ad esso collegato.

Sull’account Twitter del partito turco è comparso il 17 gennaio scorso un post sul tema metaverso.

Ömer Çelik, il portavoce del partito ed ex ministro, ha dato l’annuncio alla stampa affermando che: 

“Un forum si terrà nel prossimo futuro sotto la presidenza del nostro presidente. Le dimensioni tecnologiche, filosofiche, politiche ed economiche di questi concetti (criptovaluta e metaverso) saranno discusse in modo completo”.

Turchia Metaverso
La Turchia studierà il Metaverso

Cambio di rotta sulle criptovalute?

Chissà se questo potrebbe significare un cambio di paradigma da parte del presidente turco sul mondo delle criptovalute. 

A settembre Erdogan ad una specifica domanda su una possibile apertura del paese verso le criptovalute rispose in maniera ferma e decisa affermando che: 

Al contrario, abbiamo una guerra separata, una lotta separata contro di loro. Pertanto, non gli daremo mai supporto. Perché andremo avanti con la nostra valuta che ha una sua identità.”

La relazione tra Turchia e criptovalute

Eppure secondo alcune statistiche la Turchia sarebbe uno dei paesi in cui l’uso delle criptovalute sarebbe più diffuso al mondo, con percentuali vicine al 20% della popolazione in possesso di criptovalute.

Sicuramente su questo dato incide anche la grande inflazione che sta attraversando in questi ultimi anni il paese, con la pesantissima svalutazione della lira turca soprattutto  negli ultimi due anni. 

Bitcoin e le criptovalute hanno sempre più diffusione in paesi, come Venezuela, Argentina e appunto Turchia, dove i tassi di svalutazione delle monete nazionali sono ormai a tassi elevatissimi.

Intanto procede a ritmi abbastanza serrati il progetto portato avanti dalla banca centrale turca per una nuova valuta digitale di stato. A settembre la Banca Centrale della Repubblica di Turchia (CBRT) ha concluso accordi con le società di difesa e tecnologia Aselsan, Havelsan e il Consiglio per la ricerca scientifica e tecnologica della Turchia, per cooperare proprio per la ricerca e lo sviluppo di una valuta digitale di stato.

I primi test sulla nuova valuta digitale di stato, secondo quanto affermato dalla banca centrale turca, dovrebbero concludersi entro la prima metà di quest’anno.

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.