Ubisoft: gli NFT non compresi dai giocatori
Ubisoft: gli NFT non compresi dai giocatori
Gaming

Ubisoft: gli NFT non compresi dai giocatori

By Martina Canzani - 1 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Nicolas Pouard, dirigente di Ubisoft, una delle principali società di videogiochi, ha recentemente parlato della fredde reazioni che gli utenti hanno avuto davanti all’introduzione degli NFT nel mondo del gaming tradizionale.

NFT nel gaming, un passo alla volta

Sembrerebbe che i fedeli fan del mondo del gaming abbiamo storto un po’ il naso davanti all’idea che i token non fungibili possano, in un futuro molto vicino, ricoprire un ruolo sempre più importante all’interno dei loro amati videogiochi.

In un’intervista con Finder, Nicolas Pouard si è però dimostrato molto ottimista a riguardo. Il dirigente sostiene infatti che questa piccola barriera creata dagli utenti sia, a suo parere, assolutamente temporanea. D’altronde, pensandoci bene, i cambiamenti richiedono sempre un piccolo momento di transizione e riassestamento.

Pouard è estremamente convinto della sua posizione, il dirigente sostiene infatti che il problema stia semplicemente nel fatto che i giocatori non hanno ancora effettivamente afferrato e interiorizzato le infinite potenzialità legate agli NFT.

Secondo Ubisoft, non appena gli utenti capiranno che vi è la possibilità di avere piena ownership sui propri game assets e potenziali guadagni derivanti dal mercato secondario, l’attuale atteggiamento di ostilità lascerà spazio solo ad entusiasmo ed eccitazione. 

Ubisoft NFT
Ubisoft continuerà ad implementare gli NFT nel gaming

Ubisoft ottimista

Le dichiarazioni fatte da Pouard rivelano che nonostante l’azienda sia estremamente consapevole dell’opinione che ha attualmente una parte della gamers community, la decisione sia stata quella di proseguire con i propri progetti. Ubisoft sta portando avanti lo sviluppo e la costruzione di gaming experiences che permettano agli NFT di ricoprire, all’interno del gioco stesso, importanti ruoli.

D’altronde Ubisoft è stata una delle prime società di gioco a informarsi e sperimentare le funzionalità della blockchain e dei token non fungibili. Ma non è tutto, è stata infatti anche la prima azienda, del mondo del gaming, a costruire un proprio market place – Quartz. 

La corporation americana non è però l’unica compagnia del settore che persevera e crede fortemente in questi nuovi strumenti.

Yosuke Matsuda, presidente di Square Enix, ha infatti rilasciato diverse dichiarazioni in cui ha sottolineato l’importanza degli NFT e delle economie play-to-earn per la nuova generazioni di giochi; lasciando così indirettamente trasparire la sua volontà di investire capitale e risorse in progetti che abbracceranno questa nuova dimensione.

Martina Canzani

Laureata in Legge all'Università degli Studi di Milano. Concluso il percorso accademico ha iniziato ad interessarsi al mondo della blockchain, trovando in quest'ultimo un potente strumento di riscatto. La passione si è poi trasformata in lavoro, ora infatti investe in progetti early-stage di finanza decentralizzata e DAO e scrive articoli raccontando tutte le news riguardanti il mondo crypto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.