Intervista con Nunet, un’economia globale di calcolo decentralizzato
Intervista con Nunet, un’economia globale di calcolo decentralizzato
Interviste

Intervista con Nunet, un’economia globale di calcolo decentralizzato

By Patryk Karter - 2 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Nella seguente intervista con il co-fondatore di Nunet, il dottor Kabir Veitas, abbiamo esplorato i temi della decentralizzazione, dell’IA (Intelligenza Artificiale) e dell’ interoperabilità.

Intervista con il dottor Veitas di Nunet

Nunet
Nunet, un’economia globale di calcolo decentralizzato

Sono lieto di averla qui dottor Veitas. Per favore si presenti, qual è il suo background e come è entrato nello spazio blockchain?

Il mio nome è Kabir Veitas, sono CEO e co-fondatore di NuNet

In precedenza, ho ricoperto una posizione di ricercatore di IA presso SingularityNET, prima di questo ero un consulente aziendale strategico, dirigente e manager; ho conseguito un master in gestione internazionale e intelligenza artificiale e un dottorato interdisciplinare in intelligenza artificiale generale / calcolo distribuito. 

Mi sono interessato allo spazio abbastanza presto, dal 2013-15, soprattutto dal punto di vista dell’informatica. All’epoca ero nel mondo accademico e facevo ricerca sull’IA, l’AGI e l’intelligenza collettiva, costruendo sistemi di attori per l’IA sintetica decentralizzata. Incontrai altri co-fondatori con i quali iniziai una ricerca che culminò nella ricerca sull’IA presso SingularityNET e fondai lo spinoff NuNet basato su questo, incubato da SingularityNET a partire dal 2019 fino al lancio alla fine dell’anno scorso.

Cos’è Nunet? E quali problemi si propone di risolvere?

Stiamo costruendo un’economia globale di calcolo decentralizzato. Fondamentalmente, questo significa che miriamo a collegare tutte le risorse informatiche del mondo, indipendentemente da chi le possiede, in un’unica rete in cui computer, telefoni cellulari, auto, robot, console di gioco, e così via, potrebbero interagire ed eseguire codice open source e proprietario. Inoltre, stiamo costruendo un livello di tokenomics che permette a tutte queste parti di essere compensate per il loro contributo di valore aggiunto alle applicazioni in esecuzione sulla rete.

Per eseguire i modelli di IA, attualmente abbiamo bisogno di pagare gli operatori di mercato oligopolistici, i cloud, ecc. C’è un sacco di potenza di calcolo latente sparsa in giro nei dispositivi di calcolo di proprietà di persone / piccole imprese e simili. Queste risorse possono essere ottimizzate per eseguire molti processi di calcolo, calcolo volontario, aggregazione di dati da diversi luoghi fisici e altro. Stiamo costruendo protocolli, API e linguaggi per componenti decentralizzati dei processi di calcolo per consentire proprio questo.

I flussi di valore tra algoritmi, agenti IA, applicazioni, utenti, risorse di calcolo e fonti di dati saranno alimentati dall’utility token nativo e cross-chain NTX. Per ulteriori dettagli, consultate il nostro whitepaper.

Dato il suo background nell’IA, può condividere i suoi pensieri sulla corsa all’IA tra Google, Meta (ex Facebook) e altre big tech? L’IA può essere decentralizzata?

Questo è il grande dilemma che stiamo affrontando. Dall’ascesa di internet negli anni ’90, queste grandi aziende tecnologiche hanno consolidato il loro potere nei regni del commercio online, dei social media e, naturalmente, il monopolio sulle risorse di cloud computing. L’IA è coinvolta in tutti questi settori in una certa misura, e man mano che diventa sempre più sofisticata, lo stesso vale per i modi in cui queste aziende possono assicurarsi di essere indispensabili per la nostra società, bloccando tutti i concorrenti. Naturalmente queste aziende hanno risorse quasi illimitate per ricercare e costruire l’IA così come eseguire pesanti flussi di lavoro di Machine Learning che semplicemente non sono accessibili per gli attori con meno risorse.

Una forte alternativa ai mercati generalmente monopolistici del cloud computing e dell’IA con grandi silos di dati e di calcolo è stato storicamente il movimento del software open-source, che permette di costruire e utilizzare il software in modo decentralizzato attirando migliaia di sviluppatori (ad esempio Linux, Apache Web server). La maggior parte del software che viene sviluppato ora ha almeno qualche elemento open source, il che si è rivelato il modo migliore per interoperare tra gli sviluppatori. SingularityNET + NuNet portano un’altra dimensione a questo movimento open source – insieme stiamo costruendo un livello di interoperabilità che permette alle comunità di costruire software in modo decentralizzato, eseguirlo su una rete decentralizzata, di proprietà di tutti e non controllata da nessuno e distribuire il valore creato nella rete ad ogni costituente esattamente come per il loro contributo.

Chiunque potrà contribuire al progresso della tecnologia senza che questa sia di proprietà o controllata da nessuno. Questa è una differenza cruciale dai programmi di IA costruiti dalle big tech, in quanto noi costruiremo l’IA decentralizzata, mentre le big tech costruiranno l’IA che è controllata in modo centrale

Per estensione, le criptovalute fanno la stessa cosa con il denaro, essendo basate su un framework open-source, che ha il potenziale di rompere il controllo istituzionale del commercio online. NuNet porta lo stesso tipo di soluzione decentralizzata al cloud computing, dando un accesso più economico alla potenza di calcolo da tutti e per tutti, oltre a permettere a chiunque abbia un dispositivo di essere un fornitore e raccogliere i benefici economici precedentemente concessi solo alle grandi aziende. 

È sempre più evidente che l’interoperabilità sia fondamentale, come si inserisce Nunet in questo contesto? Quali piattaforme blockchain sono adatte alle vostre esigenze?

Senza interoperabilità non si può avere una vera decentralizzazione. Un’interoperabilità efficiente tra i componenti decentralizzati è fondamentale per una decentralizzazione di successo. L’importanza concettuale dell’interoperabilità e la capacità di ogni componente della piattaforma di negoziare e scegliere altri componenti è stata trattata nella risposta alla domanda precedente. In termini tecnici, NuNet è un framework di microservizi hardware-software, che permette di eseguire algoritmi decentralizzati (servizi di IA come microservizi costruiti da diversi sviluppatori e accessibili da diverse applicazioni) sull’hardware decentralizzato (cioè computer indipendenti e cluster di proprietà e gestiti da diversi individui o aziende). Ma soprattutto, NuNet fornisce protocolli e API per tutti questi componenti per cercare corrispondenze, negoziare la comunicazione, stabilire assemblaggi temporanei per fare lavoro di calcolo, calcolare il valore aggiunto da ogni componente ai risultati finali e regolare le transazioni tokenomiche tra loro per distribuire quel valore.

In termini di blockchain, NuNet in sé non è una blockchain, ed è blockchain-agnostic nel senso che esegue i flussi di lavoro di calcolo fuori dalla catena, ma utilizza blockchain per stabilire l’interoperabilità tra i servizi di IA e le macchine. Può quindi inviare e ricevere dati da e verso qualsiasi blockchain per accettare pagamenti o pagare i fornitori, utilizzando essenzialmente le blockchain come livello di regolamento. 

Come accennato in precedenza, l’utility token di NuNet, NTX, è cross-chain, esistente attualmente sulla rete Ethereum, e presto anche su Cardano, con altre possibili integrazioni in futuro. Questo permetterà agli utenti di pagare per la potenza di calcolo sulla blockchain di loro scelta, a seconda di quale preferiscono o quale blockchain attualmente ha le tariffe più basse e meno problemi di scalabilità. Lo stesso vale per i fornitori di calcolo, dati e applicazioni; saranno in grado di richiedere pagamenti NTX per i loro servizi sulla blockchain di loro scelta. Inoltre – e siamo entusiasti di questo – NuNet permetterà di scegliere una blockchain in modo dinamico, a seconda delle esigenze specifiche di un flusso di lavoro (velocità, costi, ecc.) e persino di sfruttare diverse blockchain all’interno dello stesso flusso di lavoro computazionale.

Nel complesso, NuNet mira a diventare un quadro per radicare lo spazio crypto / blockchain nell’universo fisico che permetterà alle persone di acquistare servizi economici reali (calcolo, archiviazione, dati, ecc) utilizzando crypto!

A proposito di Cardano, Nunet ha una proposta di Project Catalyst per il Fund 7, può dirci di più su questo?

La proposta di NuNet per il Fund 7 è un progetto di cui la comunità di Cardano ha estremo bisogno. Attualmente, quasi il 57% degli Stake Pool Operator (SPO) eseguono i loro nodi di produzione dei blocchi su servizi di cloud computing controllati da grandi aziende tecnologiche. Questo pone un rischio potenziale per la rete nel caso in cui questi servizi centralizzati falliscano o rimuovano forzatamente gli stake pool dalle loro piattaforme.

Se approvato per il finanziamento, NuNet svilupperà l’infrastruttura per gli SPO per iniziare ad eseguire nodi di produzione di blocchi su NuNet. I test si svolgeranno prima sull’hardware fornito dai generosi membri della nostra community che hanno fatto parte dell’alpha privata. Lo sviluppo continuerà nel corso dei prossimi mesi in vista del lancio della nostra alpha pubblica, con il supporto degli stake pool di Cardano come caratteristica principale.

Grazie per il suo tempo, ha qualcosa da aggiungere? Dove si possono trovare altre informazioni su Nunet?

Grazie! Sono entusiasta di condividere la nostra visione e i nostri piani in profondità. Potete saperne di più attraverso i seguenti link e unirvi a noi.

 

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.