Cresce il mercato dell’Intelligenza Artificiale in Italia
Cresce il mercato dell’Intelligenza Artificiale in Italia
Fintech

Cresce il mercato dell’Intelligenza Artificiale in Italia

By Eleonora Spagnolo - 7 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il mercato dell’Intelligenza Artificiale cresce anche in Italia con un lusinghiero +27% rispetto all’anno precedente. Il settore vale ora 380 milioni di euro. A dirlo è una ricerca dell’Osservatorio Artificial Intelligence della School of Management del Politecnico di Milano

Intelligenza artificiale, un mercato in espansione anche in Italia

Secondo l’analisi, sempre più imprese si avvicinano a questo settore che in due anni ha raddoppiato il suo valore.

Tuttavia emerge una forte disparità nell’adozione di questa dirompente tecnologia: solo il 6% delle PMI si avvale di strumenti legati all’Intelligenza Artificiale, mentre tra le grandi aziende, sei su dieci hanno già avviato progetti di AI.

Alessandro Piva, Direttore dell’Osservatorio Artificial Intelligence ha affermato:

“L’Artificial Intelligence è oggi fortemente maturata e ha tutto il potenziale per diventare un fattore centrale nella trasformazione digitale di imprese, PA e della società nel suo complesso. L’ultimo anno ha sancito un ulteriore sviluppo per l’ecosistema italiano e il mercato ha ripreso a crescere consistentemente, dopo che nel 2020 era stato condizionato dalla pandemia. Si evidenzia uno sviluppo per tutte le tipologie di progetti, ma con un’accelerazione in particolare nelle applicazioni nella Computer Vision (+41%), nei Chatbot e Virtual Assistant (+34%) e nell’Intelligent Data Processing (+32%)”.

Rispetto ai consumatori, l’intelligenza artificiale è conosciuta dal 96% degli intervistati, e l’80% ha espresso un giudizio positivo su di essa anche se teme le questioni legate a privacy, lavoro ed etica.

Su questo potrebbe intervenire a breve una regolamentazione ad hoc.

A tal proposito, Giovanni Miragliotta, Direttore dell’Osservatorio Artificial Intelligence ha aggiunto:

“Nell’ultimo anno, sono stati compiuti importanti passi avanti nella regolamentazione dell’AI. La Commissione europea ha presentato la proposta di regolamento, che rappresenta oggi una pietra fondamentale nella costruzione di una fiducia nelle tecnologie. E l’Italia ha lanciato il nuovo Programma Strategico, che grazie al lavoro congiunto di tre Ministeri ha prodotto 24 raccomandazioni di azione, con un approccio collaborativo e inclusivo, che affronta in modo esplicito alcuni mali cronici dell’innovazione nel nostro Paese”.

Intelligenza Artificiale mercato
+27% per il settore dell’AI in Italia

AI, il mercato italiano

La maggioranza relativa dei progetti di intelligenza artificiale in Italia riguarda l’elaborazione dei dati. Nello specifico, il mercato è così suddiviso:

  • 35% Intelligent Data Processing, cioè il processo di analisi dei dati;
  • 17,5% Natural Language Processing, l’interpretazione del linguaggio naturale;
  • 16% Recommendation System, algoritmi che suggeriscono contenuti ai clienti;
  • 11% Computer Vision, per analizzare i contenuti visivi di un immagine;
  • 10% Chatbot e Virtual Assistant, gli assistenti virtuali,
  • 10% Intelligent Robotic Process Automation, l’automatizzazione di alcuni fasi dei processi.

Evoluzione dell’Intelligenza artificiale

Nota l’analisi che in questo momento storico segnato dalle lunghe attese per i chip hardware a causa della crisi dei semi conduttori, l’intelligenza artificiale sembra invece non conoscere cali di interesse. Questo potrebbe portare ad un suo utilizzo sempre maggiore nella data analysis. In epoca di cambiamento climatico inoltre, l’AI farà la sua parte evolvendo verso un sistema sempre più sostenibile.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.