Wirex sbarca negli Stati Uniti
Wirex sbarca negli Stati Uniti
Criptovalute

Wirex sbarca negli Stati Uniti

By Marco Cavicchioli - 7 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La piattaforma londinese di pagamenti crypto Wirex ha lanciato i propri servizi anche negli Stati Uniti d’America. 

Le carte Wirex anche negli Stati Uniti

L’app mobile che ha già oltre 4,5 milioni di utenti in tutto il mondo, ora consentirà anche agli statunitensi di acquistare, conservare, scambiare e spendere valute digitali.

Dopo la collaborazione con Zero Hash, Checkout.com, Visa e Sutton Bank, è infatti iniziata la distribuzione della sua carta di debito in tutta l’America.

Attualmente il servizio è già disponibile per tutti gli Stati tranne New York, dove arriverà entro la fine dell’anno. Inoltre sono allo studio piani per il lancio di funzionalità e prodotti aggiuntivi per i clienti USA.

Supporta ben 37 diverse criptovalute, e dispone di una carta di debito Visa contactless che consente di spendere criptovalute in negozi fisici in oltre 61 milioni di località in tutto il mondo. Non ha né commissioni annuali né commissioni sul cambio, e le transazioni sono pressoché istantanee.

La collaborazione con Checkout.com consente anche di ricaricare istantaneamente senza commissioni collegando una carta di debito.

I fondi delle carte prepagate Wirex sono detenuti in una banca di livello federale (Sutton Bank dell’Ohio), con fino a 250.000$ di assicurazione ad utente.

Wirex Stati Uniti
Wirex alla conquista degli USA

Wirex negli USA

Nel 2014 Wirex lanciò la prima carta di debito alimentabile in criptovalute, ed ora finalmente sbarca anche in America.

L’amministratore delegato di Wirex USA, Harold Montgomery, ha dichiarato:

“Siamo entusiasti di poter consentire ai consumatori americani, sia gli appassionati di criptovalute che i fan alle prime armi del fintech, di sperimentare i vantaggi di un’economia digitale. Gli utenti statunitensi hanno chiesto un’alternativa alle tradizionali forme di pagamento, che sono antiquate, lente e non trasparenti, ed è qui che interviene Wirex. Siamo noti per il rispetto degli standard normativi e di licenza, ove richiesto, e per l’applicazione delle migliori pratiche del settore, laddove i regolamenti non esistono ancora. I clienti americani possono aspettarsi lo stesso livello di conformità”.

Il CEO di Zero Hash e della piattaforma di scambio crypto che alimenta i servizi di Wirex, Edward Woodford, ha aggiunto:

“Questo è un momento eccellente per entrare nel mercato statunitense e Wirex è pronto per il successo poiché le criptovalute guadagnano slancio come opzione di pagamento. Studi recenti lo confermano con quasi il 60% dei consumatori statunitensi che desidera pagare con criptovalute per effettuare acquisti quotidiani. La nostra profonda esperienza nelle normative statunitensi e il nostro approccio API-first ci rendono costantemente il partner prescelto per le fintech come Wirex per espandersi negli Stati Uniti”.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.