KPMG compra Bitcoin Ed Ethereum
KPMG compra Bitcoin Ed Ethereum
Criptovalute

KPMG compra Bitcoin Ed Ethereum

By Vincenzo Cacioppoli - 9 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

KPMG, una delle 4 big four della consulenza mondiale, ha annunciato che una sua filiale canadese ha acquistato un quantitativo, non meglio specificato, di Bitcoin ed Ethereum da aggiungere ai propri asset in portafoglio. 

KPMG ha acquistato Bitcoin ed Ethereum

Sul profilo twitter della filiale canadese di KPMG, è apparso un post, lunedì scorso, che conferma l’operazione.

Benjie Thomas, Canadian Managing Partner, Advisory Services di KPMG, ha così commentato la notizia:

“Le criptovalute sono una classe di attività in fase di maturazione. Investitori come hedge fund e family office di grandi assicuratori e fondi pensione stanno guadagnando sempre più esposizione alle criptovalute e ai servizi finanziari tradizionali come poiché banche, consulenti finanziari e intermediari stanno esplorando l’offerta di prodotti e servizi che coinvolgono criptovalute. Questo investimento riflette la nostra convinzione che l’adozione istituzionale delle criptovalute e della tecnologia blockchain continuerà a crescere e diventerà una parte regolare del mix di asset”.

L’acquisto sarebbe avvenuto utilizzando il servizio Gemini Trust Company.

Il fatto che questo acquisto sia avvenuto in Canada potrebbe essere legato al fatto che il paese avrebbe un quadro regolatorio più favorevole, rispetto per esempio agli Stati Uniti verso gli asset digitali. 

KPMG bitcoin ethereum
KPMG non è nuova al settore delle criptovalute

KPMG nel settore delle criptovalute

Ma questo investimento non è certo la prima “incursione” della società di consulenza nel mondo delle criptovalute. KPMG da tempo ha formato una sezione dedicata alle criptovalute e ai servizi blockchain in genere. 

Il suo ufficio negli Stati Uniti è responsabile della revisione della società di software MicroStrategy Incorporated, che detiene la più grande partecipazione di criptovalute al mondo. 

Di recente il partner di KPMG Canada, Kareem Sadek, ha affermato che la società prevede di rafforzare la sua posizione nella finanza decentralizzata (DeFi), nei token non fungibili (NFT) e nei metaversi.

“Abbiamo investito in una solida pratica di criptovalute e continueremo a migliorare e sviluppare le nostre capacità attraverso la finanza decentralizzata (DeFi), i token non fungibili (NFT) e il metaverso, solo per citarne alcuni. Ci aspettiamo di vedere molta crescita in queste aree negli anni a venire” 

Queste le parole di  Sadek, che da pochi mesi guida la divisione Crypto Assets e Blockchain Services di KPMG.

La reazione della community crypto

La notizia chiaramente ha aperto molte discussioni all’interno della comunità crypto, e i pareri sono discordanti, anche se quasi tutti sembrano essere d’accordo sul fatto che, un investimento in asset digitali da parte di una grande società di consulenza, per sua natura piuttosto conservativa, è comunque sicuramente una grande notizia per Bitcoin e per il mondo crypto. 

Non è escluso che altre società di consulenza possano seguire adesso l’esempio di KPMG.

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.