Fabio Rotella: il famoso architetto italiano si prepara ad entrare nel mondo NFT
Fabio Rotella: il famoso architetto italiano si prepara ad entrare nel mondo NFT
Interviste

Fabio Rotella: il famoso architetto italiano si prepara ad entrare nel mondo NFT

By Amelia Tomasicchio - 26 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Fabio Rotella sta entrando nel mondo NFT e dei metaversi e per questo The Cryptonomist ha deciso di intervistarlo.

Chi è Fabio Rotella

Fabio Rotella, architetto eclettico, nato nel 1963, discepolo di Alessandro Mendini, uno dei più importanti architetti e teorici del design Italiani, con cui ha seguito progetti internazionali di architettura, e design; Fabio nipote dell’ artista Mimmo Rotella, rappresentante della Pop Art italiana nel mondo. 

Dopo la sua esperienza nell’Atelier Mendini dal ‘90 al ‘96, fonda a Milano lo Studio Rotella, seguiranno le sedi di Beijing nel 2013 e Malta nel 2019. I suoi progetti spaziano da Master Plan per importanti città Cinesi ad architetture pubbliche e private, progetti di industrial design, direttore creativo di importanti aziende e curatore di eventi culturali.

Fabio Rotella si considera uno sperimentatore, sempre alla ricerca di stimoli progettuali, “esprimere la creatività è un mio bisogno e fa parte della mia vita per raggiungere la felicità”. 

Pronto a sperimentare attraverso le Arti Applicate, Rotella si occupa di progetti in modo trasversale, architettura, interior design, industrial design, ma anche grafica, arte, fotografia, musica. 

“Mi considero una sorta di Siddharta, un viaggiatore nel mondo delle esperienze creative  dove vengono applicate le diverse forme d’arte. Sono sempre stato interessato all’idea di creare interferenze tra le Arti Creative, tra persone attive nelle diverse discipline, stimolare, creare cortocircuiti. Nell’ultimo ventennio il mondo è totalmente cambiato, le tecnologie e la digitalizzazione hanno accelerato i tempi di sviluppo delle nuove tendenze artistiche, le arti stesse si sono sviluppate in funzione dei nuovi mezzi di comunicazione, si è evoluto un palcoscenico  accessibile a tutti, libero da vincoli ma con nuove regole.”

Qual è il tuo rapporto con la creatività? 

È una vera ossessione verso tutto quello che è creatività. Certo, far parte di una famiglia di creativi avrà indubbiamente influito; mia nonna negli anni ‘20 aveva un atelier di moda, mio padre era un architetto, mio zio un artista e un altro musicista. 

Da sempre sono stato carpito dalle arti creative, da qui nasce il mio percorso un po’ schizofrenico, che mi ha permesso di realizzare tanti progetti in diversi settori. 

Qual è il tuo modo di affrontare un nuovo progetto? 

L’approccio ai progetti avviene attraverso una visione poetica e un metodo che interseca le diverse culture riferite all’arte, design, fashion, per giungere a espressioni progettuali originali e contemporanee. Questo fa parte di un metodo progettuale acquisito negli anni mettendo insieme esperienza, amore per il progetto, ricerca continua di espressioni creative contemporanee.

Cosa pensi delle nuove tecnologie?

Da sempre sono interessato alle nuove tecnologie e all’applicazione di tecniche di rappresentazione e di comunicazione, seguo e ricerco lo sviluppo di tecnologie che possono portare a nuovi metodi di espressione e di progettazione. 

Qual è il tuo rapporto con l’arte?

Amo l’Arte, sono sempre stato circondato da essa e forse è diventata anche una “mania”.

Certo con una presenza così importante come quella di mio zio Mimmo non è stato facile riuscire ad esprimersi personalmente, ma comunque è una ricerca che ho sempre portato avanti come passione. Ho realizzato pitture ma soprattutto fotografie, che ho poi modificato e lavorato in modo artistico con nuove tecniche digitali.

Com’è arrivato l’approdo alla crypto arte? 

L’arte è un’espressione naturale dell’essere umano, un bisogno ancestrale di rappresentare e narrare noi la nostra vita e la natura. L’Arte è l’espressione dei tempi, racconta, con un pensiero avanguardistico, le tematiche contemporanee.

Proprio in questo particolare momento storico, stiamo vivendo un’accelerazione della crescita e dell’utilizzo di nuove forme di tecnologie, il mondo digitale sta cambiando il modo di vivere e di approcciarsi alla vita moderna. 

Le crypto rappresentano un nuovo modo di far transitare un valore digitale tra le persone, questo avviene collettivamente in rete, pertanto, non c’è una gestione di tipo “centralizzato”; penso che questo sarà il futuro. Forse dobbiamo liberarci da un Sistema che ci irretisce e ci impone le sue regole economiche, l’Arte da sempre rappresenta il cambiamento.

Le tecnologie digitali sono applicate alla vita quotidiana, la medicina, l’industria, nuovi modi di comunicare, nuove opportunità espressive.

A mio parere l’Arte digitale, e quella legata alle criptovalute, rappresenta l’espressione moderna del pensiero avanguardistico artistico contemporaneo.

Cosa stai preparando?

L’idea è quella di creare un luogo virtuale, sarà un Metaverso dal nome Rotella Circus, una metafora del luogo Circo, in cui diversi artisti e animali, si esibiranno in più discipline, utilizzando una comunicazione positiva e sognante, che farà riflettere su temi riferiti all’esistenza e alla nuova modernità. 

Ci stiamo avvicinando al Terzo Millennio, la cosiddetta “Society 5.0”, dove le connessioni della nuova società saranno trasversi e continue.

Gli obiettivi futuri saranno quelli di indirizzare l’innovazione verso la risoluzione dei grandi problemi, che affliggono le società contemporanee.

Konny sarà il primo personaggio NFT presentato nel Rotella Circus, si tratta di un coniglio iconico che si mostrerà nelle sue varie metamorfosi. Konny ci farà viaggiare in una dimensione onirica dove convivono gli animali, umani e semiumani che, in un susseguirsi di performance e azioni artistiche, esprimeranno pensieri legati alla modernità, ai misteri dell’universo, all’amore per il pianeta terra e altro.

Link utili

https://www.rotellacircus.io/

https://www.instagram.com/rotellacircus/ 

https://twitter.com/RotellaCircus

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.