Regno Unito: nuova regolamentazione crypto in arrivo
Regno Unito: nuova regolamentazione crypto in arrivo
Regolamentazione

Regno Unito: nuova regolamentazione crypto in arrivo

By Marco Cavicchioli - 28 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Si ipotizza che il Regno Unito possa annunciare già nel corso delle prossime settimane un nuovo quadro legislativo per il mondo delle crypto. 

Per una maggiore stabilità finanziaria: la regolamentazione crypto nel Regno Unito

A favore di questa ipotesi è una rivelazione di Coinspeaker basata su alcune fonti anonime interne del Ministero delle Finanze. Viene infatti affermato che:

“Il Regno Unito annuncerà un nuovo schema per la regolamentazione delle criptovalute nelle prossime settimane, in quanto sempre più paesi stanno incorporando le crypto nella finanza tradizionale”

Stando a quanto riportato, il governo britannico starebbe lavorando ad una nuova regolamentazione pensata appositamente per il mercato crypto del Paese, in particolare concentrandosi sulle stablecoin. 

In realtà si sa ancora poco di questa iniziativa, tanto che molti aspetti non sono ancora chiari, ma le fonti anonime di Coinspeaker affermano che probabilmente la nuova regolamentazione favorirà l’industria delle criptovalute. 

Va tuttavia evidenziato come fonti interne del Ministero delle finanze difficilmente sono a conoscenza delle reali aspettative degli investitori e degli operatori del settore. 

Ciò che si ipotizza è che il Ministero sia disposto a riconoscere a tutti gli effetti il mercato delle criptovalute, discutendone inoltre con alcune aziende crypto, tra cui il noto exchange statunitense Gemini, emittente tra l’altro della stablecoin Gemini Dollar (GUSD).

L’obiettivo dell’iniziativa pare essere quello di dare a questo mercato maggior chiarezza legale. 

Anche la BoE (Bank of England) è d’accordo a creare un quadro normativo specifico per il mercato crypto per garantire tra le altre cose la stabilità finanziaria. 

btc_pound
Il Regno Unito cerca stabilità tra il mondo crypto e il sistema finanziario tradizionale

Trade-off tra decentralizzazione e regolamentazione 

Qualche giorno fa il vice-governatore per la Prudential Regulation della BoE, Sam Woods, ha inviato una lettera ai CEO delle società crypto in cui afferma che il trattamento delle criptovalute sul lungo termine differirà da quello attuale. 

Woods ammette che la tecnologia delle criptovalute sia interessante e possa portare vantaggi tecnici significativi, ma afferma anche che bisognerebbe mitigare i rischi soprattutto per il sistema finanziario attuale. 

Ormai in diverse parti del mondo si sta ragionando su come inquadrare il mercato crypto con normative che mitighino i rischi, ma lo stesso mercato crypto spesso è sfuggente, soprattutto grazie alle piattaforme decentralizzate. 

La decentralizzazione è allo stesso tempo probabilmente il maggior punto di forza di queste nuove tecnologie, ma anche la caratteristica che rende estremamente difficile regolamentarle. 

Va tuttavia ricordato che molti utenti si affidano ad intermediari centralizzati sui quali invece non risulta particolarmente difficile intervenire a livello normativo. 

È probabile che vi saranno due mercati differenti, uno centralizzato e regolamentato ed uno decentralizzato e deregolamentato, o meglio regolato solo da proprie regole interne o da sistemi basati sulle DAO.  

Chi cercherà maggiori protezioni si affiderà al primo, mentre invece chi cercherà minori limitazioni si affiderà al secondo. È infatti piuttosto difficile immaginare che le autorità possano riuscire a regolamentare le piattaforme decentralizzate, qualora lo fossero veramente.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.