Cardano SPO: Hodler Coalition [HODLR]
Cardano SPO: Hodler Coalition [HODLR]
Interviste

Cardano SPO: Hodler Coalition [HODLR]

By Patryk Karter - 23 Apr 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

L’ospite di questa settimana nella rubrica Cardano SPO è uno stake pool a gestione familiare, che opera con il 100% di energia rinnovabile e si concentra sulla realizzazione del potenziale della blockchain verde Cardano: Hodler Coalition [HODLR].

L’ospite della scorsa settimana era uno stake pool gestito da un gruppo di professionisti IT specializzati nella tecnologia e focalizzati sulla performance.

Questa iniziativa è un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda Cardano e ogni settimana o due inviteremo uno Stake Pool Operator (SPO) a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento direttamente dall’interno della Cardano community.

Considerando che molti dei nostri lettori sono nuovi nello spazio crypto, avremo un mix di domande semplici e tecniche.

Cardano SPO, intervista con Hodler Coalition [HODLR]

hodler coalition
Cardano SPO [HODLR] opera al 100% con energia rinnovabile

Ciao, grazie per il vostro tempo. Diteci qualcosa sul vostro team, dove siete basati e quali sono i vostri background?

Il mio nome è Abe e con mia sorella e mio fratello, Lauren e Ben, gestiamo insieme Hodler Coalition. Siamo basati negli Stati Uniti (rispettivamente in Ohio, Texas e Michigan). Veniamo da umili origini e ognuno di noi ha lavorato duramente per arrivare dove siamo oggi

Siamo passati dal preparare panini Subway all’ingegneria del software, dal preparare drink al guidare un team di progettazione, e dal friggere alette di pollo al gestire un’azienda sanitaria. Siamo sempre riusciti a trovare il successo attraverso la grinta e la determinazione, e abbiamo portato queste caratteristiche con noi in Cardano! 

Qual è il percorso che vi ha portato a Cardano e a diventare Stake Pool Operator (SPO)?

Ben è la mente tecnica del nostro trio e ha approcciato Lauren e me a metà del 2021 per lavorare insieme su un progetto crypto. 12 anni fa un amico di Ben lo ha introdotto a BTC e all’epoca era solo una curiosità passeggera. 

Nel 2020 Ben aveva appena finito la sua laurea in ingegneria informatica ed era ansioso di trovare campi all’avanguardia in cui lavorare. Aveva ricercato opzioni come l’IA, la guida autonoma, l’informatica quantistica, e ha scoperto che la tecnologia blockchain era il candidato più probabile per essere sia impattante che dirompente. Ha identificato Cardano come una piattaforma tecnologicamente interessante che, si dà il caso, ha anche uno spirito :). 

Durante il 2021 abbiamo dedicato il nostro tempo ad acquisire conoscenze sulla piattaforma, i requisiti e le responsabilità di essere un SPO, esplorando la comunità e cercando di capire dove avremmo potuto contribuire. 

Ora, vediamo che la blockchain, e Cardano in particolare, non è solo un sistema finanziario o una nuova versione del mercato azionario, piuttosto è un miglioramento mancante e critico alla maggior parte delle tecnologie che usiamo oggi. Riteniamo inoltre che Cardano sia lo spazio blockchain più accogliente, inclusivo e ottimista e vogliamo essere parte del suo futuro. 

Il nostro obiettivo è quello di sfruttare i nostri talenti per il successo della piattaforma. Abbiamo scoperto che la prima opportunità di partecipare è stata quella di essere un SPO. Ma questa è solo la nostra base e il potenziale è illimitato, come per Cardano.

Entriamo nel tecnico, potete dare una panoramica dei vari parametri della rete di SPO di Cardano? Quali cambiamenti vorreste vedere e perché?

I parametri della rete che sono più rilevanti sia per gli SPO che per i deleganti sono: 

(k): che ha lo scopo di influenzare il numero di pool nella rete (k = pool desiderato) limitando la dimensione di ogni dato pool. Per esempio, un aumento di k diminuirebbe la dimensione massima, o meglio conosciuta come saturazione, di qualsiasi pool (attualmente ~69 M ADA). In questo momento k=500 e abbiamo 3205 pool! 

Fixed Fee: è attualmente a 340 ADA minimi per ogni epoca di produzione di blocchi per ogni pool, questa è una tassa minima obbligatoria prelevata dalle ricompense prima della distribuzione, e questo è il motivo principale per cui i piccoli SPO (meno di 1 M ADA) stanno lottando per competere. Inoltre quando questa tassa era fissata a 340 ADA il valore di ADA/fiat era molto più basso. Ora che è aumentata così tanto ha creato un incentivo perverso per gli SPO a fare qualcosa conosciuto come “pool-splitting” dove aprono più pool, anche se nessuno di loro è vicino alla saturazione, solo per accaparrarsi le lucrative ricompense ogni epoca che dovrebbero andare ai deleganti.

C’è stata una proposta di cambiare (k) a 750 e la ricompensa d’epoca a 30 ADA. Noi riteniamo che la modifica ideale dei parametri sarebbe impostare la quota fissa a 0$, impostare una percentuale minima di quota variabile (3-5%) e k=1000. Chiaramente, sosteniamo anche gli aggiustamenti proposti da IOG, ma riteniamo che non siano sufficienti a risolvere i problemi della struttura delle tariffe nel lungo termine. 

La quota fissa è diventata disallineata rispetto al valore di ADA/fiat e questo continuerà a causare problemi con le fluttuazioni del mercato. Inoltre semplificherebbe la struttura della tassa del pool per i deleganti ad un numero. 

Riteniamo che qualsiasi iniziativa che preservi la decentralizzazione, aumenti le prestazioni e migliori il coefficiente Nakamoto sia un bene per la piattaforma.

In questa rubrica abbiamo intervistato vari “mission-driven” stake pool. Qual è la vostra missione e come può aiutare la gente?

La nostra missione è quella di ridurre l’impronta di carbonio dell’infrastruttura digitale distribuita del futuro, creando un mondo più sicuro, equo e sostenibile. Pensiamo che il potere di trasformazione della tecnologia blockchain di Cardano possa essere sfruttato per aiutare ad affrontare la crisi climatica. 

Per realizzare questo, implementeremo casi d’uso che hanno un impatto positivo sull’ecosistema Cardano, incentiveremo e daremo priorità alla neutralità del carbonio all’interno dello spazio, e contribuiremo una parte delle nostre commissioni direttamente a progetti ed enti di beneficenza che si concentrano sul clima. 

Ci siamo impegnati a donare il 20% delle nostre commissioni a un ente di beneficenza legato al clima. In questo momento stiamo lavorando con Carbon Neutral Cardano come membro per un progetto nel Madagascar, ulteriori dettagli arriveranno. Nel lungo termine vorremmo continuare a identificare partner esterni che possiamo inserire in Cardano e perseguire progetti congiunti con impatto sul clima

Un ottimo contributo. Qualche osservazione finale? Dove possono trovarvi le persone?

Visitateci su Twitter e sul nostro bellissimo sito web. Abbiamo anche una proposta per il Fund 8 per la realizzazione di Lucem, un portafoglio alimentato da fonti rinnovabili, e qualsiasi supporto o input è molto apprezzato, potete trovarlo su IdeaScale cercando “19600” (il numero della nostra idea) o usando questo link

Infine, vorremmo ringraziare i deleganti che abbiamo ed esprimere la nostra sincera gratitudine per il loro sostegno.

Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista degli SPO sono propri e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o IOG.

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.