Il famoso architetto Fabio Rotella entra nel mondo degli NFT
Il famoso architetto Fabio Rotella entra nel mondo degli NFT
NFT

Il famoso architetto Fabio Rotella entra nel mondo degli NFT

By Martina Canzani - 16 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Fabio Rotella, artista a 360 gradi, non poteva non lanciarsi anche nell’affascinante mondo degli NFT. 

Il progetto NFT di Fabio Rotella

Così, qualche mese fa, ha iniziato a prendere forma il primo progetto su blockchain firmato Studio Rotella

Il protagonista di questa collezione è un simpatico coniglietto di nome Konny. Il primo NFT è stato venduto proprio qualche giorno fa su Foundation al fondo Poseidon NFT Fund per 1 ETH.

L’architetto ha deciso di dedicare il suo primo token non fungibile al popolo ucraino che in questo momento sta affrontando il dolore e lo strazio che solo una guerra sa portare con sé.

Non solo design, colori e animazione si sono ispirati al popolo di origine slava, ma anche i proventi derivanti dalla vendita verranno devoluti ad un’associazione che si occupa di dare il proprio contributo in questa situazione d’emergenza. 

konny ucraina nft
L’NFT Konny di Fabio Rotella dedicato allo scontro in Ucraina

Chi è Fabio Rotella?

Fabio Rotella, famoso architetto italiano di origini calabresi, nasce nel 1963 da una famiglia di creativi.

La nonna possedeva un atelier già negli anni ’20, lo zio Mimmo Rotella fu invece uno dei più importanti interpreti della Pop Art nel mondo ed il papà viene ricordato come un architetto eccezionale.

Fabio quindi, nato e cresciuto in una famiglia d’artisti, inizia a coltivare il suo estro creativo fin da giovanissimo.

Laureatosi in architettura a Roma, consegue poi nel 1989 il Master in Industrial e Management Design presso la Domus Academy. Conosce poi Alessandro Medini, importantissimo architetto e artista italiano, con cui collabora dal 1990 al 1995.

Nel 1996 Fabio decide di fondare il suo studio, o meglio, la sua Factory.

Lo Studio Rotella

In quell’anno nasce quindi lo Studio Rotella, uno spazio di incontro e di lavoro per menti creative provenienti da tutto il mondo.

Studio Rotella si occupa, infatti, di architettura, design e consulenze d’immagine per importanti aziende. È uno studio internazionale di progettazione, con sedi a Milano e Beijing in Cina.

I lavori dello Studio comprendono progetti architettonici e concettuali in Italia e all’estero, che spaziano dalla riqualificazione di aree urbane alle riconversioni industriali. 

Nel 2011 l’Architetto Rotella riceve dal Ministero Italiano per i Beni e le Attività Culturali l’incarico per la progettazione del primo Museo Italiano permanente all’estero – “Spazio Italia”.

Il progetto prese forma all’interno del National Museum of China in Piazza Tiananmen a Pechino. 

Nel 2013 lo studio inaugura poi a Pechino, all’interno del distretto 751, “Italian Living Experience”, una project area dedicata alla creatività delle eccellenze italiane.

Fabio Rotella è un architetto di grande successo. Negli anni si è dimostrato un artista estremamente attento anche all’ambiente e al destino delle future generazioni.

Infatti, Fabio ha sempre preferito affrontare ogni nuova sfida lavorativa ed artistica nel rispetto dell’uomo e della salvaguardia del nostro pianeta.

L’architetto in una vecchia intervista aveva così dichiarato:

“Il nostro obiettivo, quando pensiamo a un progetto, è quello di creare qualcosa che migliori la vita di chi userà il nostro prodotto, che sia un’architettura o un oggetto. Noi creativi abbiamo la responsabilità sulle generazioni future. Quello che creiamo è il mondo di domani. Rispettare l’uomo e il nostro pianeta fa parte della nostra mission”.

I proventi del primo NFT andranno all’associazione “I bambini dell’est”

Il primo NFT creato dell’importante studio di Fabio Rotella, come detto, è stato acquistato su Foundation, dal noto fondo Poseidon NFT fund.

L’architetto italiano ha deciso di devolvere l’intero ricavato derivante dalla vendita ad un’associazione che aiuta il popolo ucraino in difficoltà.

Più precisamente l’organizzazione prescelta è l’associazione “I bambini dell’est”.

Quest’ultima si occupa da anni di accogliere bambini provenienti da Chernobyl ma, vista l’attuale situazione d’emergenza, ha deciso di organizzare anche una raccolta fondi per sostenere il popolo ucraino.

L’associazione è infatti in contatto con altre organizzazioni che lavorano ai confini con l’Ucraina e che possono garantire una prima accoglienza ai profughi.

Martina Canzani

Laureata in Legge all'Università degli Studi di Milano. Concluso il percorso accademico ha iniziato ad interessarsi al mondo della blockchain, trovando in quest'ultimo un potente strumento di riscatto. La passione si è poi trasformata in lavoro, ora infatti investe in progetti early-stage di finanza decentralizzata e DAO e scrive articoli raccontando tutte le news riguardanti il mondo crypto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.