OpenSea: nuovi bug e un furto di dati per la piattaforma NFT
OpenSea: nuovi bug e un furto di dati per la piattaforma NFT
NFT

OpenSea: nuovi bug e un furto di dati per la piattaforma NFT

By Amelia Tomasicchio - 30 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Come spiegato ieri in un post su Twitter pubblicato dalla stessa OpenSea, la famosa piattaforma per collezioni NFT è stata vittima di un nuovo furto di dati. Questo attacco parte  in particolare dalle mail degli utenti.

In realtà, questo non sarebbe direttamente capitato ad OpenSea ma al loro gestore di email, Customer.io, di cui un impiegato avrebbe scaricato gli indirizzi email per venderli a terze parti. Il fatto è stato riportato alle forze dell’ordine, ma OpenSea spiega che se si ha utilizzato la piattaforma prima di ieri, 30 giugno, con grande probabilità si è stati compromessi.

Infatti, nel blog post si spiega:

“Se in passato hai condiviso la tua email con OpenSea, dovresti presumere di essere stato colpito”

Il risultato potrebbe portare a email di phishing, quindi il consiglio è di controllare e ricontrollare le mail ricevute, non scaricare alcun che dalle email e stare attenti che provengano da OpenSea.io, e non da altre estensioni. In ogni caso non si devono fornire password o seed del proprio wallet.

Sotto il post pubblicato su Twitter da OpenSea, alcuni utenti hanno dichiarato di aver perso i propri NFT, ma non si sa se questo sia vero o sia avvenuto come conseguenza di email phishing dovute a questo ultimo furto di indirizzi.

Altri bug in casa OpenSea

Interessante anche il caso del collezionista Foja, che sempre ieri su Twitter ha taggato OpenSea in un post in cui si mostrava che l’NFT della sua Bored Apes fosse stata delistata per “non aver rispettato i termini del servizio”.

Il problema in questo caso è subito stato risolto dal supporto di OpenSea.

L’insider trading è un reato anche negli NFT

Già ad inizio giugno altri problemi coinvolsero OpenSea, quando un impiegato, Nathaniel Chastain, venne accusato di insider trading di asset digitali.

L’ex product manager venne arrestato dall’FBI e accusato di frode telematica e riciclaggio di denaro in connessione all’attività di insider trading di NFT.

Chastain avrebbe comprato una dozzina di NFT appartenenti ad una collezione che stava per essere inserita nella homepage di OpenSea. Nathaniel avrebbe quindi sfruttato informazioni confidenziali per trarre profitto grazie alla successiva vendita a circa 5 volte il prezzo pagato. 

Come product manager di OpenSea il suo ruolo era proprio quello di scegliere i Non-Fungible Token da inserire nella homepage del sito. 

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.