Il prezzo del Bitcoin potrebbe scendere a $12.000
Il prezzo del Bitcoin potrebbe scendere a $12.000
Bitcoin

Il prezzo del Bitcoin potrebbe scendere a $12.000

By Guest post - 12 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Di fronte alle preoccupazioni relative alla solidità del modello di previsione del prezzo di Bitcoin stock-to-flow e ai timori di un potenziale evento di “capitolazione dei miner”, è tornato il dibattito su Bitcoin Twitter circa il raggiungimento del fondo. 

L’incertezza nell’aria sembra certamente ragionevole. Dopo tutto, nelle ultime settimane Binance ha temporaneamente sospeso i prelievi di Bitcoin “a causa di una transazione bloccata che ha causato un backlog”. In un primo momento, il fondatore e CEO di Binance Changpeng Zhao ha affermato in un tweet che il problema sarebbe stato risolto entro 30 minuti. Tuttavia, ha successivamente modificato la sua tempistica, dicendo: “Probabilmente ci vorrà un po’ più di tempo per risolvere il problema da quanto stimato inizialmente”. Intorno alle 11:30 ET, ora di Wall Street, i prelievi di Bitcoin hanno ripreso a funzionare. Nel frattempo, molti membri della community Bitcoin sono rimasti con il fiato sospeso. 

Ha segnato la continuazione di un periodo turbolento per Bitcoin, che è sceso da circa 32.000 dollari a 23.000 dollari in una sola settimana. È possibile che il prezzo di Bitcoin scenda fino a 12.000 dollari, il che rappresenterebbe un movimento misurato rispetto ai prezzi del 2019. 

btc1

Un movimento misurato è un concetto di swing trading in cui un trader presume che la prossima tappa di un grafico equivarrà approssimativamente alla tappa precedente. Per misurare una mossa misurata, si prende la distanza dal massimo precedente al minimo precedente e poi si estrapola la stessa distanza sul grafico attuale. Sul grafico attuale di Bitcoin, il risultato è di 12.000 dollari, il che equivale a una correzione dell’80-85%. Si tratta di un inverno standard per il Bitcoin. 

Alcuni trader ricominceranno a comprare intorno ai 20.000 dollari, che per un certo periodo potrebbero fungere da supporto. Non aspettatevi però che le istituzioni intervengano per sostenere il mercato. A causa dei problemi strutturali dei mercati delle criptovalute (e dell’economia in generale), non entreranno prima di 10.000-15.000 BTC, che è il punto in cui sono entrati durante la pandemia. Alla fine Bitcoin è sceso a 3.000 dollari. Il mondo finanziario è in modalità di avversione al rischio. Gli investitori non hanno il capitale e/o la tolleranza al rischio per intervenire. 

btc2

Se gli investitori stanno riducendo il rischio scaricando azioni come Tesla e altri titoli, non entreranno nel Bitcoin, che francamente si è comportato come un titolo azionario nel bel mezzo dell’implacabile quantitative easing e dei bassi tassi d’interesse, ma potrebbe in ultima analisi fungere da protezione dall’inflazione e da riserva del valore se dovessero accadere le seguenti cose: le persone capiscono le implicazioni di un bene finito basato sul dispendio di energia e la connettività a Internet continua ad andare nella direzione degli ultimi 25-30 anni. In questo mercato, le istituzioni non acquisteranno qualcosa che è sceso del 20%. Gli hedge fund aspetteranno il crollo per entrare. Il mercato di Bitcoin dovrà innanzitutto sganciarsi.

btc

Bitcoin ha trovato una nuova base a circa 20.000 dollari, dove il prezzo potrebbe consolidarsi, rimbalzando tra i 20.000 e i 25.000 dollari per alcune settimane. Eventualmente, il prezzo potrebbe scendere rapidamente a 12.000 dollari (o addirittura a 10.000 dollari) e il mercato orso si trascinerebbe. Potremmo avere un andamento laterale per un periodo più lungo, ad esempio tra i sei mesi e i due anni. 

Cosa fa la Fed quando entriamo in recessione? 

Se l’inflazione rimane al 5%-6% (17% secondo ShadowStats), come probabilmente accadrà per tutta l’estate, la Federal Reserve non potrà stampare ad nauseum per alleviare le condizioni del mercato.  Dal momento che la Federal Reserve ha recentemente agito come indicato, ovvero spostando i tassi di interesse a 50 punti base, Bitcoin si aggira ancora intorno alla soglia dei 23.000 dollari. Se avessero spostato i tassi a 75 punti base, cosa inaspettata, il prezzo di Bitcoin sarebbe potuto crollare ulteriormente.

I programmi di stimolo per il COVID del 2020 hanno riempito il pubblico di contanti. Gran parte di quel denaro è andato in azioni e criptovalute, che ora probabilmente attraverseranno un mercato ribassista a lungo termine. La Fed sostiene che non interverrà con il quantitative easing e i tassi di interesse a zero. Le cose potrebbero cambiare, anche se l’inflazione mina la capacità d’azione della Fed. Inoltre, non sembra esserci la volontà politica per una legislazione mirata alla spesa. È un campanello d’allarme per tutti. 

Felix Mohr

Felix Mohr è un professionista fintech certificato dall’Università di Hong Kong, nonché cofondatore di MohrWolfe, una società di servizi di PR e comunicazione in ambito Bitcoin. 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.