Cardano SPO: Token Stake Pool [TOKEN]
Cardano SPO: Token Stake Pool [TOKEN]
Interviste

Cardano SPO: Token Stake Pool [TOKEN]

By Patryk Karter - 31 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

L’ospite di questa settimana nella rubrica Cardano SPO è uno stake pool gestito da una persona che opera nel settore delle criptovalute dal 2011 e che preferisce rimanere anonima: Token Stake Pool [TOKEN].

L’ospite della scorsa settimana era uno stake pool gestito da un team coinvolto nell’ecosistema Cardano dal 2017.

Questa iniziativa è un punto di riferimento per tutto ciò che riguarda Cardano e ogni settimana o due inviteremo uno Stake Pool Operator (SPO) a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento direttamente dall’interno della Cardano community.

Considerando che molti dei nostri lettori sono nuovi nello spazio crypto, avremo un mix di domande semplici e tecniche.

Rubrica Cardano SPO, intervista con Token Stake Pool [TOKEN]

token pool
Cardano SPO [TOKEN] è presente nel mondo delle criptovalute dal 2011

Ciao, grazie per il tuo tempo. Raccontaci qualcosa di te, dove risiedi e qual è il tuo background?

Ciao Patryk, grazie per avermi invitato. Sono nato in Messico e fin da piccolo ho trascorso la maggior parte del mio tempo in acqua. Dopo anni di allenamento, ho vinto eventi nazionali e rappresentato il mio Paese in incontri internazionali di nuoto e mi sono allenato per le Olimpiadi con il capo allenatore della squadra nazionale statunitense. 

Prima di raggiungere il mio obiettivo, mi sono reso conto che lo studio era più importante, così mi sono concentrato sul diploma di scuola superiore con lode, dove sono stato selezionato per sostenere gli esami e i colloqui di Cambridge Advanced English. 

In seguito, mi sono iscritto a un corso di laurea in informatica, ma presto ho deciso di passare a Ingegneria Elettronica per lavorare con la programmazione di microcontrollori low-level, Linux embedded e progettare microprocessori in FPGA utilizzando il linguaggio di descrizione hardware (VHDL). Successivamente, ho conseguito un master in informatica presso un importante centro di ricerca sull’AI/ML.

Qual è il percorso che ti ha portato a Cardano e a diventare uno Stake Pool Operator (SPO)?

Come studente di elettronica, avevo bisogno di componenti molto specifici, la maggior parte dei quali non era disponibile in Messico. Così ho iniziato a importare circuiti integrati e schede di sviluppo, vendendoli ai compagni di corso e ai membri della facoltà. Il mio interesse per l’elettronica mi ha portato a leggere di Bitcoin su Slashdot, poco prima che raggiungesse la parità con il dollaro USA all’inizio del 2011.

Il primo exchange regolamentato in Messico è stato istituito solo nel 2014, quindi prima di allora i Bitcoin venivano solitamente acquistati tramite intermediari o bonifici internazionali a Mt. Gox, Bitstamp o BTC-e. Fortunatamente, nel 2012, Localbitcoins.com ha fornito una piattaforma peer-to-peer dove ho potuto acquistare il mio primo Bitcoin per 80 USD (1595 MXN) tramite deposito bancario e poi ho continuato a fare trading P2P. Poco dopo, ho iniziato a fare mining su ogni CPU su cui potevo mettere le mani, costruendo alla fine un PiMiner a bassa potenza con Satoshi Block Erupters, chiavette USB basate su ASIC (330 MH/s) di Adafruit (Lady Ada).

token pool
Apparecchiatura ed email che testimoniano il percorso di [TOKEN] nello spazio delle criptovalute
Dopo l’università ho frequentato il corso CS/Python dell’MIT e Teoria degli Automi di Stanford per prepararmi al master, dove ho studiato soprattutto algoritmi di apprendimento automatico, computer vision, modelli grafici probabilistici e deep reinforcement learning. In quel periodo ho vinto un paio di medaglie in gare di programmazione per robot aerei e terrestri e ho partecipato a un grande progetto sull’energia eolica che coinvolgeva gli istituti nazionali del vento in Messico e negli Stati Uniti. La mia ricerca è stata finanziata dal Consiglio Nazionale delle Scienze e dall’Istituto Nazionale di Statistica e Geografia.

Poco prima dell’inizio della pandemia, ho iniziato a lavorare in remoto al mio dottorato in CS, addestrando agenti robotici utilizzando il “deep reinforcement learning” in simulatori foto-realistici e fisicamente accurati con Unreal Engine e Unity. Poi ho pubblicato i miei contributi in articoli di conferenze e riviste e ho abbandonato il mio programma di dottorato, principalmente a causa di questioni etiche relative all’intelligenza artificiale e al futuro delle scienze nel mio Paese.

Ho deciso di rimanere a casa e lavorare a tempo pieno su Cardano mentre il mondo crollava. Il mio percorso di preparazione su Cardano è iniziato più di un anno fa, seguendo il corso sulla blockchain dell’MIT tenuto dall’attuale direttore della SEC Gary Gensler (che citerò ampiamente) e una formazione a distanza sulla blockchain con Cardano, imparando la crittografia fino alle “zero-knowledge proofs”. Solo dopo aver ricevuto il mio certificato mi sono sentito abbastanza sicuro da avviare il mio stake pool. A Capodanno 2021/2022 ho iniziato a distribuire nodi nel cloud e ho registrato TOKEN.

Come persona che opera nel settore delle criptovalute dal 2011, puoi descrivere l’evoluzione a cui hai assistito? E con questo in mente, dove vedi il settore nei prossimi anni/decenni?

Non è un caso che la prima criptovaluta di successo sia stata proposta da Satoshi Nakamoto nel 2009, subito dopo il crollo dell’economia dovuto a una collusione insostenibile tra banche d’investimento, protocolli di prestito e agenzie di rating. Chi sorveglia i guardiani?

Facendo attenzione, la data di nascita di Satoshi su Bitcointalk è il 5 aprile 1975. In quel giorno, nel 1933, FDR pose fine al gold standard. E nel 1975 il presidente Ford invertì l’ordine. Questa è finora la spiegazione più plausibile. 

Avete notato che la parola “blockchain” non è presente nel documento di Nakamoto? La pubblicazione originale era più incentrata sul denaro digitale simile al contante, sulla rimozione della fiducia e sulla soluzione del problema della doppia spesa. Il blocco genesi è stato estratto il 3 gennaio 2009 e Satoshi ha smesso di estrarre dopo 1 milione di Bitcoin, sostenendo che era la community a dover comandare, rimuovendo se stesso e la sua identità, costretto anche dalla pressione politica della campagna di donazione di Assange.

Anche se Bitcoin era in qualche modo decentralizzato, quasi l’intero volume di scambi dal 2010 al 2014 è stato centralizzato in Mt. Gox, originariamente una piattaforma di trading card, che è stata acquistata e trasformata in un exchange da Mark Karpelès. Misteriosamente, divenne insolvente e dichiarò bancarotta. Ho evitato l’intera faccenda ma ho comunque ricevuto e-mail dal Giappone per la procedura di riabilitazione e recentemente ho ricevuto un NFT per essere stato tra i primi 25% del primo milione di utenti.

token pool
Email e NFT ricevute a seguito della disfatta di Mt. Gox

“Not your keys, not your crypto” (Non le tue chiavi, non le tue crypto). Può sembrare banale, ma essere custodi del proprio denaro è uno dei principi fondamentali. Vi piacerebbe che i vostri beni venissero congelati perché avete parlato troppo? O magari per una misura disperata del vostro Paese per controllare l’inflazione.

Le criptovalute hanno sempre avuto a che fare con le prove, come provare il proprio lavoro o la propria partecipazione al protocollo, la proof-of-stake (per gli asset nativi), la proof-of-activity (PoW/PoS), la proof-of-burn (validazione tramite burning), la proof-of-capacity (archiviazione hardware),…, la proof-of-coverage (reti IoT).

La convalida della proof-of-work nel mining di Bitcoin dipende dall’hashrate e viene valutata rispetto all’efficienza energetica. Poiché solo un miner può mintare un blocco, tutti gli altri calcoli vengono sprecati. Questo fatto è venuto presto alla luce e ha sollevato preoccupazioni sul consumo energetico delle criptovalute. Sorprendentemente, ha avuto un effetto positivo sui miner, la maggior parte dei quali è passata alle energie rinnovabili. Tuttavia, questo processo può essere ottimizzato solo fino a un certo livello e l’hardware è molto specializzato, diventando rapidamente obsoleto e quindi piuttosto rischioso da commerciare.

Il protocollo proof-of-stake riduce il consumo di energia di almeno due ordini di grandezza e non richiede dispositivi specifici come gli ASIC, bensì computer di medio livello, server o istanze, oltre a una quota di partecipazione, creando pool non custodiali che attenuano il rischio, con asset che possono essere liquidati immediatamente, invece di rivendere l’hardware.

Oltre alle prove e ai protocolli, le criptovalute saranno sempre legate all’efficienza energetica, alla legge di Moore e alla fornitura di chip. Pertanto, chiunque controlli le nostre fonti di energia, come i governi, sarà in grado di controllare Bitcoin (e per ora Ethereum) e qualsiasi asset strettamente legato all’energia. A quel punto, dovremmo aspettarci che Cardano perda la correlazione.

Potrebbero emergere mercati crittografici dell’energia accoppiati alla rete, come le microgrid di comunità locali che scambiano elettricità con asset digitali. Analogamente al mercato azionario e agli exchange di criptovalute, esistono broker energetici robotizzati e automatizzati che possono vendere l’energia in eccesso prodotta dai pannelli solari o da una turbina eolica (o una quota della vostra partecipazione a una fattoria) e riacquistarla in base al vostro profilo di consumatori.

Oltre a gestire lo stake pool, stai lavorando ad altri progetti? Raccontaci di più

Sto scrivendo questo documento mentre eseguo la migrazione di Token Stake Pool dal cloud, che è centralizzato e dovrebbe essere evitato, a una configurazione bare metal. TOKEN ha investito in un produttore di blocchi “arm-based” che gira su un Mac Mini M1 con Asahi Linux. Con la migrazione dello stake pool, TOKEN è stato accettato come membro dell’Armada Alliance, creando il primo pool basato su architettura ARM in Messico. Inoltre, Token Stake Pool è alimentato dal sole, utilizzando una serie di pannelli solari per l’intera operazione. Per rispettare la normativa, questi sono collegati alla rete, anche se si ispira allo stake pool off-the-grid (OTG) di WCat, il quale è stato un elemento chiave in questo aggiornamento.

Vorrei parlare di una collaborazione molto speciale iniziata con una sfida a Tetris on-chain con il mio amico E0 (@0xD9E0), un ingegnere microelettronico molto esperto e sviluppatore di Cardano. Fin dall’inizio è stato disponibile a discutere di manipolazione delle immagini e rappresentazioni compatte, essendo estremamente esperto di metadati e distribuzione dei token. Inoltre, possiede alcuni dei primi token di Cardano.

Sono lieto di annunciare che abbiamo lavorato per mesi a una collezione NFT animata in pixel art sulla catena per lo stake pool. Questi prossimi NFT fungeranno da utility token, che aumenteranno le ricompense di +16.0000 $TOKEN per NFT per ogni epoca, oltre alla ricompensa di +50.000 $TOKEN per lo staking con Token Stake Pool. Inoltre, una parte dell’offerta inattiva viene assegnata al distributore automatico di single SPO gestito da SEAL.

Le mie collezioni NFT preferite sono le collaborazioni di E0 (@0xD9E0) con le artiste russe Anya Fetkulina (@a_fetkulina) e Tatiana Sirius (@AramyWeird). I loro contributi risalgono alla primissima ondata di artisti, mintando fragole, dipinti su tela ad olio e una galleria interattiva 3D su Cardano.

token pool
Alcuni NFT che risiedono sulla blockchain di Cardano

“Un blocco di Bitcoin aggiunge 100 byte in un ‘coinbase’. Ci sono persone che esprimono l’ingegno creativo attraverso l’arte, messaggi segreti nei metadati”.

Gary Gensler (2018), professore all’MIT e direttore della Securities and Exchange Commission (SEC).

Ottimo. Qualche parola finale? Dove è possibile contattarti?

Non dimenticate mai il vero significato e le conseguenze della centralizzazione, proteggete la vostra libertà, resistete all’oppressione e al sequestro dei beni da parte del governo, le nostre istituzioni non ci rappresentano, lottate sempre per l’emancipazione economica e la ridistribuzione della ricchezza.

Migliaia di anni fa, le persone meno fortunate in Cina coniarono i loro “gettoni fortunati” con un quadrato al centro, alla disperata ricerca di un’economia guidata dalla comunità, come lo siamo ancora tutti noi.

Per maggiori informazioni visitate il mio sito web, potete sempre raggiungermi su Twitter o sul canale Discord.

Token Stake Pool è listato su Adapools, Cexplorer.io e Pool.pm.

La distribuzione di $TOKEN avviene su DripDropz, verificata su CardanoAssets e MuesliSwap.

L’analisi dell’asset $TOKEN presso Cexplorer.io.

La collezione on-chain dello stake pool presso $tokenstakepool.

È possibile sostenere TOKEN facendo staking al pool, e l’Armada Alliance attraverso l’implementazione di nodi a bassa potenza basati su ARM e RISC-V.

Interessi: trader robotici, broker energetici, finanza decentralizzata, bridge multi-catena, smart contract, multi-sig, hardware wallet, commercio elettronico.

Progetti preferiti: AnetaBTC, VyFi, Milkomeda, Minswap e Hosky token.

Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista degli SPO sono propri e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o IOG.

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.