Elon Musk è ottimista su inflazione e recessione
Elon Musk è ottimista su inflazione e recessione
News dal Mondo

Elon Musk è ottimista su inflazione e recessione

By George Michael Belardinelli - 9 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il CEO di Tesla, Elon Musk, alla consueta riunione degli azionisti di giovedì scorso ha spiegato come preveda che il CPI abbia già raggiunto il suo picco e che una recessione, che durerà dai 12 ai 18 mesi, sarà più blanda rispetto le previsioni.

Come ogni anno giovedì si è tenuta l’assemblea dei soci di Tesla presieduta dal CEO in persona, che non ha mancato di fare il proprio discorso. Una volta presentata la trimestrale e delineato i progetti futuri ha parlato dell’attuale situazione economica degli Stati Uniti in particolare. 

Le prospettive sui livelli di inflazione ed imminente recessione, secondo Elon Musk

Il quadro, secondo l’imprenditore, è da ritenersi più roseo delle attese. L’inflazione dovrebbe aver raggiunto già il suo picco e quella che avremo di fronte sarà una recessione meno dura del previsto che avrà una durata compresa tra i 12 e i 18 mesi, per poi lasciare spazio ad un nuovo periodo di crescita economica.

Ai microfoni dell’assemblea, il CEO ha dichiarato:

“Otteniamo una buona visione di dove stanno andando i prezzi delle cose nel tempo. L’inflazione diminuirà rapidamente”.

Giovedì, il deus ex machina di Tesla e SpaceX, Elon Musk, ha spiegato la propria view sull’economia, l’inflazione e la recessione degli USA durante la riunione annuale degli azionisti di Tesla del 2022:

“Riceviamo un bel po’ di informazioni su dove stanno andando i prezzi delle cose nel tempo perché quando produci milioni di auto, devi acquistare merci con molti mesi di anticipo rispetto a quando sono necessari… Perché è una lunga catena di approvvigionamento con un’enorme quantità di inerzia, quindi abbiamo una sorta di idea di dove si stanno dirigendo i prezzi nel tempo. La cosa interessante che stiamo osservando ora è che la maggior parte dei prezzi delle nostre materie prime, la maggior parte delle cose che entrano in una Tesla – non tutte, ma più della metà – stanno scendendo in sei mesi, sei mesi da adesso.”

Il CPI volge al ribasso, o almeno questa è la tendenza riscontrata. Anche il GDP è migliore delle attese e la stessa Fed si sta muovendo con meno pesantezza sui tassi. Questo quadro rafforza l’idea che il picco di inflazione è stato superato.

fed tassi inflazione
La Fed continua a combattere i rialzi del CPI

Cosa aspettarsi nel medio-lungo termine

Tuttavia, il CEO ha messo in guardia dal prevedere il futuro e predilige comunque un atteggiamento più saggio:

“Fare previsioni macroeconomiche è una ricetta per il disastro, ma la mia ipotesi è che abbiamo superato il picco di inflazione e che avremo una recessione. Penso che sarà una recessione relativamente lieve, ma sto solo indovinando qui”.

L’ipotesi di una recessione leggera, ma persistente nel tempo è di certo migliore di quelle paventato finora dagli analisti, o meglio dalla maggior parte di essi, ma la situazione, tiene a spiegare, sia ben diversa da quella del 2008, almeno in America:

“Non abbiamo allocazioni errate di capitale negli Stati Uniti come abbiamo avuto in passato, come fino al 2008 dove stavamo costruendo unità abitative primarie a un tasso doppio rispetto alla formazione delle famiglie, il che ovviamente non ha senso. Molte aziende sono state sovraccaricate. La leva finanziaria o il debito che le aziende hanno in questo momento è relativamente basso, quindi direi probabilmente, sai, una recessione lieve e moderata, forse 18 mesi circa, e penso che l’inflazione diminuirà rapidamente. Questa è la mia ipotesi”. 

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.