La SARB intende regolamentare le crypto come asset finanziari
La SARB intende regolamentare le crypto come asset finanziari
Regolamentazione

La SARB intende regolamentare le crypto come asset finanziari

By Guest post - 15 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La South African Reserve Bank (SARB) prevede di iniziare a regolamentare le crypto nel 2023. Lo scopo della SARB è quello di accettare le criptovalute come asset finanziari, non come valuta. Secondo la nuova legislazione proposta, gli asset digitali saranno coperti dalla FICA, ha dichiarato il vice governatore della SARB Kuben Naidoo durante un seminario online.

La crescita delle economie dei Paesi che regolamentano le criptovalute, le utilizzano attivamente e ne seguono lo sviluppo ha spinto la South African Reserve Bank a voler regolamentare le criptovalute. La banca centrale ha preso questa decisione sulle criptovalute perché ha adottato lo stesso approccio di Singapore, Australia e Regno Unito. Questi Paesi sono osservati da vicino e i loro passi sono seguiti. Secondo Naidoo, ci vogliono tra i 12 e i 18 mesi perché la legislazione venga completata e promulgata. Quindi, la data da attendere è tra luglio 2023 e gennaio 2024.

I piani della SARB: i passi per creare una legislazione sulle criptovalute

regolamentazione asset crypto bitcoin
La SARB vuole trattare le crypto come fossero normali asset finanziari

La regolamentazione delle criptovalute è un processo lungo. Innanzitutto, il Ministro delle Finanze deve modificare il Programma 1 della legge FICA. Nella nuova versione della legge, le criptovalute dovrebbero essere classificate come attività finanziarie. Dopo questa categorizzazione, l’Autorità di condotta del settore finanziario dovrebbe sviluppare un nuovo quadro normativo per l’autorizzazione degli exchange.

Secondo Naidoo, ci sono due aspetti essenziali da non trascurare nella creazione delle leggi: l’introduzione della KYC e le avvertenze sui rischi del trading di criptovalute. Inoltre, questi segnali verranno trasmessi come avvertenze sanitarie. Il KYC, d’altra parte, è necessario per prevenire fenomeni come il riciclaggio di denaro, l’evasione fiscale e l’uso del terrorismo. Il trading di criptovalute e altri asset blockchain diventerà più sicuro quando gli exchange raccoglieranno i dati KYC dei loro utenti e li comunicheranno al governo.

La SARB pensa di poter proteggere meglio i circa 7,6 milioni di possessori di criptovalute nel Sudafrica regolamentando l’industria delle criptovalute. La SARB, che nel 2014 ha negato le criptovalute come beni digitali e ha preso provvedimenti per vietarne l’uso, ha ammesso che quanto fatto in passato era sbagliato. Le criptovalute si stanno diffondendo rapidamente in Sudafrica, analogamente ai broker di opzioni binarie presenti nel Paese in passato, e se si interviene rapidamente, l’uso delle criptovalute diventerà ufficiale. La tecnologia blockchain sta penetrando in un numero sempre maggiore di settori, quindi è importante che il quadro normativo sia ben concepito.

Gli investitori saranno protetti

Le nuove leggi saranno emanate principalmente per sostenere l’innovazione e proteggere gli investitori. Si stima che circa il 12,5% della popolazione sudafricana possieda criptovalute. Per le persone di età compresa tra i 18 e i 60 anni, la percentuale è del 22%. Ciò significa più di 7,6 milioni di utenti di criptovalute, come abbiamo appena detto. Il 65% degli investitori in criptovalute nel Paese vede le criptovalute e la DeFi come il futuro della finanza.

Il 72% degli appassionati di criptovalute si affida ai post sui social media per ottenere informazioni sulla DeFi. I post condivisi sulle piattaforme dei social media sono una risorsa importante per i sudafricani. La regolamentazione riguarderà sia gli individui e le società che forniscono servizi di intermediazione, sia gli individui che forniscono consulenza sugli investimenti in criptovalute. La conformità alle linee guida globali stabilite dalla Financial Action Task Force sarà obbligatoria sia per le aziende che per gli individui. Chiunque fornisca consigli di investimento sulle criptovalute sui social media sarà legalmente responsabile dei propri consigli.

La revisione del bilancio del Tesoro nazionale del Sudafrica, pubblicata nel febbraio 2022, ha ufficialmente avviato il processo di riconoscimento delle criptovalute come prodotti finanziari. Una volta completata la regolamentazione degli exchange, sarà più facile segnalare le operazioni in criptovaluta. Secondo Naidoo, membro del comitato di politica monetaria della SARB, con questo quadro si potrà ottenere un ecosistema di criptovalute molto più sicuro.

Anche la CBDC è in programma

Kuben Naidoo ha parlato anche della possibilità che il Sudafrica lanci una valuta digitale della banca centrale. Naidoo ha detto che il Paese e la banca centrale stanno discutendo sulla necessità o meno di una CBDC, e ha anche detto che sono state condotte due applicazioni sperimentali. La banca centrale sta lavorando sulla CBDC apprendendo dall’esperienza. Affermando che la valuta digitale creata nell’ambiente di prova non potrebbe essere molto produttiva, Naidoo ha dichiarato che mancano alcuni anni al lancio della CBDC.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.