Tornado Cash: punito perché creato per scopi criminali
Tornado Cash: punito perché creato per scopi criminali
News dal Mondo

Tornado Cash: punito perché creato per scopi criminali

By Marco Cavicchioli - 18 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

L’agenzia olandese che ha arrestato lo sviluppatore di Tornado Cash, Alexey Pertsev, afferma di fatto di averlo punito per aver creato uno strumento per commettere atti criminali. 

Tornado Cash: il motivo dell’arresto di Pertsev

Lo ha rivelato il DeFi Education Fund grazie ad una discussione avvenuta online proprio con il FOID

Rispondendo ad una specifica domanda, il FOID ha affermato: 

“Lo sviluppo di uno strumento non è vietato, ma se uno strumento è stato creato al solo scopo di commettere atti criminali, ad esempio per nascondere flussi criminali di denaro, la messa online o la messa a disposizione di uno strumento così sviluppato può essere punibile”. 

Questo fa supporre, in modo abbastanza evidente, che Pertsev sia stato arrestato proprio per aver sviluppato Tornado Cash, e che la motivazione dietro questo arresto sia che Tornado Cash sia stato sviluppato proprio per aggirare le leggi anti-riciclaggio, ovvero per commettere crimini in tal senso. 

La cosa più preoccupante è che l’affermazione della FOID non si riferisce solo allo specifico caso di Tornado Cash, ma vale per qualsiasi software sia stato creato per violare le leggi. 

Invece nello specifico Pertsev è accusato di aver favorito il riciclaggio di denaro, come era già stato dichiarato fin dall’inizio, proprio per aver creato uno strumento (Tornado Cash) per farlo. 

A questo punto si può presupporre che in alcune giurisdizioni, come ad esempio quella dei Paesi Bassi, tutti gli sviluppatori che hanno sviluppato software creati appositamente per aggirare delle leggi siano a rischio. 

Non è un caso che molti sviluppatori crypto vogliono rimanere anonimi, come lo stesso mitico fondatore di Bitcoin Satoshi Nakamoto, e dopo quello che è accaduto a Pertsev la volontà di rimanere anonimi sembra essere in aumento. 

Quando si tratta di protocolli decentralizzati l’anonimato in realtà è più facile da ottenere, mentre se si tratta di protocolli o reti a bassa decentralizzazione, o centralizzati, è molto più difficile rimanere anonimi. 

Inoltre per uno sviluppatore di software potrebbe non essere sempre facile riuscire a comprendere quali eventuali leggi i suoi prodotti violano, o ne favoriscano la violazione, soprattutto perché le leggi cambiano da Paese a Paese. 

L’arresto di Pertsev rischia pertanto di essere un vero e proprio evento spartiacque nel mondo crypto, dopo il quale gli sviluppatori non anonimi di software crypto si sentiranno sempre più minacciati da quelle autorità governative che li ritengono responsabili degli atti criminali compiuti utilizzando i loro prodotti. 

Resta da capire dove sia il confine tra un software che viene lanciato proprio per aiutare le persone a violare le leggi, ed uno che invece venga usato solo saltuariamente per farlo. 

 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.