Tornado Cash: arrestato uno sviluppatore ad Amsterdam
Tornado Cash: arrestato uno sviluppatore ad Amsterdam
Criptovalute

Tornado Cash: arrestato uno sviluppatore ad Amsterdam

By Stefania Stimolo - 12 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Pare che le autorità olandesi abbiano arrestato lo sviluppatore di Tornado Cash ad Amsterdam. Oggi, il 29enne sarà portato davanti al giudice istruttore.

Tornado Cash: le autorità olandesi arrestano il sospetto sviluppatore della piattaforma

arrestato sviluppatore tornado cash
Arrestato in Olanda il presunto sviluppatore del noto servizio crypto mixer

Secondo quanto riportato, il Fiscal Information and Investigation Service (FIOD) dei Paesi Bassi ha arrestato un uomo ad Amsterdam sospettato di essere lo sviluppatore di Tornado Cash, il crypto-mixer accusato di riciclaggio di denaro e inserito nella black list degli USA. 

L’Olanda, attraverso il Financial Advanced Cyber Team (FACT) del FIOD, è da giugno 2022 che ha avviato un’indagine penale contro Tornado Cash, accusato di riciclaggio di denaro e per nascondere flussi di denaro criminali su larga scala, compresi i furti online di criptovalute (i cosiddetti crypto hack e truffe).

Nello specifico, il FACT crede che Tornado Cash sia stato utilizzato per riciclare i fondi rubati attraverso hacking da parte di un gruppo ritenuto associato alla Corea del Nord. 

Tornado Cash ha iniziato la sua attività nel 2019 e, secondo FACT, da allora ha raggiunto un fatturato di almeno sette miliardi di dollari. Le indagini hanno dimostrato che almeno un miliardo di dollari di criptovalute di origine criminale è passato attraverso il mixer. Si sospetta che le persone dietro questa organizzazione abbiano tratto profitti su larga scala da queste transazioni.

Oggi, il sospettato di 29 anni sarà portato davanti al giudice istruttore, ma il FIOD non esclude che ci saranno presto arresti multipli. 

Le sanzioni dell’OFAC degli USA imposte al crypto mixer per riciclaggio 

A far scoppiare la “bomba” su Tornado Cash è stato per primo il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, attraverso l’Office of Foreign Assets Control (OFAC) che, a inizio settimana, aveva affermato che il crypto mixer è stato utilizzato per riciclare oltre $7 miliardi in crypto, dal 2019. 

E, infatti, proprio per questo motivo, Tornado Cash si trova al momento della black list del Dipartimento del Tesoro USA, con l’OFAC che ha dichiarato di sanzionare anche a livello penale quegli indirizzi Ethereum che interagiscono con gli indirizzi di wallet inseriti nella black list. 

Da quel momento, un utente anonimo ha deciso di truffare alcune celebrità, inviando loro piccole quantità di ETH da un indirizzo di Tornado Cash. 

Come un vero e proprio troll, la truffa ha coinvolto il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, Jimmy Fallon, Puma, un indirizzo dedicato alle donazioni all’Ucraina, ma anche al celebre artista NFT di Beeple e il comico Dave Chappelle

Chiuso anche il server Discord di Tornado Cash

Notizia dell’ultima ora, anche il server Discord del servizio più utilizzato da attori malevoli è stato cancellato. 

Dopo la chiusura della piattaforma, l’inserimento nella black list da parte del Dipartimento del Tesoro statunitense e la truffa dell’utente anonimo, si è deciso di chiudere anche il relativo server Discord. 

Non c’è ancora una ragione specifica, ma di certo non aveva più motivo di esistere. Se fosse rimasto attivo, la community avrebbe continuato ad interagire su questo tipo di operazioni, rendendo vano lo sforzo delle autorità.

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.