La Bundesbank prevede un’inflazione al 10% in Germania
La Bundesbank prevede un’inflazione al 10% in Germania
News dal Mondo

La Bundesbank prevede un’inflazione al 10% in Germania

By George Michael Belardinelli - 24 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La Banca Centrale tedesca prevede un autunno difficile per la Germania. Secondo un rapporto, il Paese potrebbe raggiungere un’inflazione al 10% entro metà dicembre.

L’inflazione in Germania potrebbe arrivare al 10%

Nel bollettino mensile di agosto dove la Banca Centrale fa un check dello stato di salute dell’economia teutonica. si evince un dato preoccupante che scuote tanto l’economia del Paese quanto quella dell’Europa avendo assunto da anni il ruolo di locomotiva del gruppo dei 27.

I risparmi dei cittadini si stanno sempre più erodendo mentre i prezzi salgono a prescindere dal settore. Su tutti quelli del settore energetico, delle materie prime e dei beni di prima necessità.

Nel rapporto si evince:

“Il calo della produzione economica nei mesi invernali è diventato molto più probabile, l’alto grado di incertezza sulle forniture di gas questo inverno e il forte aumento dei prezzi potrebbero pesare pesantemente su famiglie e aziende.

Un calo della crescita economica è diventato più probabile. Lo sviluppo economico è influenzato dagli sviluppi poco convenienti sul mercato del gas”.

In un’intervista all’autorevole testata tedesca Spiegel, il neo-Presidente della Banca Centrale ha confermato le preoccupazioni di cui sopra avvertendo che la Germania dovrà necessariamente adottare delle contromisure.

A fare eco e completare il quadro economico è una ricerca dell’IFO Institute che amplia la visuale al triennio 2020-2022 osservando come il risparmio delle famiglie tedesche sia passato da più di 70 miliardi da giugno 2021 a zero al momento della scrittura.

L’oscillazione evidenziata nella ricerca è impressionante in ambo i lati, sia per il risparmio accumulato in un anno e mezzo, che per il tempo in cui è stato bruciato.

previsioni inflazione germania
In Germania si prevede un’inflazione del 10% entro la fine dell’anno

La pandemia erode le tasche dei risparmiatori

Dal 2020 a metà 2021 la Germania come il resto del mondo ha vissuto la stagione dei lockdown e la classe media tedesca su tutte è riuscita ad accumulare un risparmio enorme, frutto anche dei sussidi dello Stato e del lavoro spesso svolto senza poter spendere.

Nel tempo intercorso da giugno 2021 ad oggi, in poco più di un anno i cittadini hanno bruciato tutta la ricchezza accumulata, e questo soprattutto a causa dell’inflazione enorme che sta colpendo il mondo e l’Europa più dell’America.

Questo rapporto della Bundesbank non fa che aumentare le preoccupazioni e indurrà lo Stato a tirare la cinghia.

Timo Wollmershauser, Head of Forecast dell’IFO, ha dichiarato ai microfoni:

“I risparmi extra che molte famiglie hanno accumulato durante la pandemia di coronavirus sono ora svaniti. Allo stesso tempo, i prezzi al consumo continueranno a salire bruscamente. Questo purtroppo significa che i consumi privati non riusciranno a trainare l’economia tedesca per il resto dell’anno”.

Ad onor del vero, il capo dell’IFO prosegue e spiega come ci sia stata una grande propensione al risparmio negli ultimi anni, ma questa purtroppo non basta più:

“Se prendiamo come base la propensione media al risparmio nei cinque anni precedenti lo scoppio della crisi del coronavirus, allora ben 70 euro miliardi in più sono stati parcheggiati su conti bancari rispetto al solito durante questo periodo”.

I risparmi sono stati completamente bruciati dall’inflazione e il trend non accenna ad arrestarsi, confermato dai dati anche per il prossimo trimestre.

Wollmershauser conclude spiegando che:

“È probabile che l’inflazione elevata sia stata un fattore chiave di questo “risparmio” da parte delle famiglie”.

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.