Coinbase potrebbe listare la criptovaluta del fork di Ethereum
Coinbase potrebbe listare la criptovaluta del fork di Ethereum
Ethereum

Coinbase potrebbe listare la criptovaluta del fork di Ethereum

By Marco Cavicchioli - 29 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Coinbase ha annunciato ufficialmente che valuterà l’eventuale criptovaluta nata con il fork PoW di Ethereum per essere listata sul proprio exchange. 

Coinbase considera la nuova crypto che nascerà dall’eventuale fork di Ethereum

Ad oggi non si sa ancora nè se il fork PoW di Ethereum ci sarà, nè se la criptovaluta che dovrebbe nascere da questo fork sopravviverà. 

Quello che si sa è che dal 15 settembre è previsto il passaggio di Ethereum a PoS (Proof-of-Stake), cosa che porterà inevitabilmente prima o poi alla dismissione dell’attuale blockchain basata su PoW (Proof-of-Work). 

Tuttavia, alcuni gestori di nodi ed alcuni miner sembrano essere favorevoli a provare a tenere in vita la vecchia blockchain basata su PoW, o a forkare il protocollo Ethereum in modo da evitare il passaggio a PoS. 

In tali casi, nascerebbe di fatto una nuova blockchain, con una nuova criptovaluta, dato uno sdoppiamento della catena attuale. Per ora, l’eventuale nuova criptovaluta è chiamata ETHPOW, ma non è ancora chiaro se nascerà per davvero, e soprattutto se riuscirà a sopravvivere oppure no. 

Infatti, Ethereum stesso è un protocollo nato con un fork da un precedente protocollo ora noto come Ethereum Classic (ETC), e basato su PoW. ETC non passerà a PoS, quindi i nodi ed i miner di Ethereum che non vogliono passare a PoS potrebbero semplicemente spostarsi su Ethereum Classic. In altre parole, sembra non esserci un reale bisogno di forkare Ethereum per mantenere in vita la sua blockchain PoW, visto che una blockchain PoW compatibile con Ethereum c’è già. 

mining ethereum eth pow
Se dovesse essere creata con successo, Coinbase potrebbe supportare la nuova ETHPOW

La divisione di una community

Fino ad oggi, tutti gli exchange avevano dichiarato di supportare il Merge, ovvero il passaggio di Ethereum a PoS, mentre Coinbase è il primo grande exchange ad affermare che potrebbe listare la nuova criptovaluta che potrebbe nascere dall’eventuale fork. In precedenza si era espresso in modo simile anche Bitfinex, ma senza dichiarare esplicitamente che stavano valutando la possibilità di aggiungere l’eventuale nuova criptovaluta. 

Nel frattempo, la nota mining pool AntPool, gestita da Bitmain, ha dichiarato ufficialmente che non manterrà gli ETH degli utenti sulla catena PoS dopo il Merge. Ovvero, una volta effettuato il passaggio a PoS, visto che il mining di ETH cesserà, si limiterà a restituire agli utenti i loro ETH accumulati su AntPool. Continueranno, però, a minare ETC. 

Negli ultimi giorni, inoltre, sono stati superati i 2,6 milioni di ETH bruciati grazie all’aggiornamento London dell’anno scorso. In totale, nel medesimo periodo sono stati creati 5,1 milioni di nuovi ETH, quindi al netto dei burn la supply di Ethereum è aumentata di 2,5 milioni di ETH nell’ultimo anno.

Ora ci sono in circolazione 120 milioni di ETH, mentre un anno fa erano 117 milioni. In un anno, quindi, la supply di Ethereum è aumentata del 2,5% circa. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.