L’avvocato di Avalanche accusato di illeciti
L’avvocato di Avalanche accusato di illeciti
Criptovalute

L’avvocato di Avalanche accusato di illeciti

By George Michael Belardinelli - 31 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

In alcuni video che girano nel web, Kyle Roche, avvocato dell’azienda dietro allo sviluppo del progetto blockchain Avalanche, si è vantato di essere amico del CEO della società e di fare cause ad hoc verso i suoi concorrenti diretti. 

Il fondatore di Avalanche, Emin Gün Sirer, conosce realmente Roche, ma si dice totalmente estraneo alla vicenda, specificando non sia nel suo modus operandi utilizzare questi mezzi.

Il prezzo di Avalanche 

Avalanche (AVAX) questo weekend ha perso terreno più di tutti, lasciando sul campo il 15%.

Roche crede di essere stato incastrato e, a seguito di una serie di velate accuse, ha rivelato:

“Ha chiesto un incontro con me con la falsa pretesa di investire in capitale di rischio in una startup tecnologica, ma i suoi veri motivi ora sono chiari: ingannarmi e intrappolarmi”. 

La teoria dell’avvocato è di essere stato messo in trappola da un potenziale investitore, ovvero la persona che ha registrato i video. Secondo Sirer, infatti, Roche si sarebbe pavoneggiato un po’ troppo nel tentativo di conquistare il nuovo potenziale cliente, ma che appunto si tratterebbe solo di questo.

avalanche avax crypto
La reazione del prezzo di Avalanche (AVAX)

Il rapporto tra Avalanche e il token ICP

Questa vicenda non è l’unica questione spinosa. Infatti, è venuto fuori che ICP, il token di governance della blockchain di Internet Computer, sia stato deliberatamente manomesso e che i responsabili siano da cercare nella società di ricerca Arkham Intelligence e nel New York Times, che in questo caso si macchierebbe di collusione con il fine di danneggiare la reputazione di Internet Computer.

Le due vicende, quella di Avalanche e ICP si legherebbero a doppio filo secondo Roche, che spiega:

“Questi video sono stati registrati senza il mio consenso durante incontri privati ​​con Christen Ager-Hanssen che ora so che lavora per Dominic Williams, il creatore di ICP Token, e l’imputato in una frode di titoli di alto profilo contenzioso che il mio studio ha intentato contro di lui”.

Nei video, Roche viene ripreso mentre spiega di possedere l’1% di AVAX e di vivere con il COO di Ava Labs, Kevin Sekniqi, a Miami.

“Poiché faccio causa a metà delle aziende in questo spazio, so dove sta andando il mercato. Ho visto l’interno di ogni singola azienda del settore delle criptovalute.”

Più avanti in uno dei video emersi, Roche spiega come parte della sua strategia sia di portare alla luce le problematiche delle altre società, così da far concentrare l’autorità su Avalanche.

Alla domanda se Ava Labs avesse citato in giudizio un concorrente, Roche ha spiegato di no, ma di come ci fosse un piano per citare in giudizio Solana, ad esempio.

Ava Labs sulla difensiva

Secondo il giornale Crypto Leaks, dove per la prima volta sono stati pubblicati i video incriminanti, il mandante delle azioni poco professionali dell’avvocato è Ava Labs stessa:

“Fino a prova contraria, dobbiamo presumere che Ava Labs potrebbe persino aver indirizzato Roche Freedman su quali informazioni riservate dovrebbero raccogliere dall’industria”.

Sirer dal canto suo ha dichiarato:

“Roche ha rappresentato Ava Labs solo in veste difensiva in un paio di comuni controversie sui contratti aziendali e me stesso in un caso per diffamazione. Il suo studio è uno dei più di una dozzina di studi legali che impieghiamo. Lasciatemi essere assolutamente chiaro: non ci impegniamo o supportiamo alcuna tattica subdola suggerita nell’articolo o nei videoclip. Crediamo in ciò che stiamo costruendo e non abbiamo bisogno di patti segreti o intrighi dietro le quinte”.

Insomma, un vero e proprio scandalo nel mondo crypto, che coinvolgerebbe più società e tentativi anche di insider trading. Ad ogni modo, tutto è ancora da vedere. Queste informazioni non sono state confermate e non si è ancora tenuto alcun processo, quindi le vicende potrebbero ancora cambiare e ribaltarsi.

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.