Accuse di insider trading a tre ex dipendenti di Coinbase
Accuse di insider trading a tre ex dipendenti di Coinbase
Criptovalute

Accuse di insider trading a tre ex dipendenti di Coinbase

By Vincenzo Cacioppoli - 22 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il caso di tre ex manager di Coinbase accusati dalla SEC di insider trading. 

La SEC scopre altri casi di insider trading nel tema di Coinbase

insider trading crypto
Si accumulano i casi di insider trading all’interno del team Coinbase

A fine luglio la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha presentato formali accuse di insider trading contro un ex manager di Coinbase e altri due dipendenti dell’exchange americano di criptovalute. 

Le accuse si riferiscono all’acquisto di un quantitativo di token prima che uscisse la notizia che Coinbase le avrebbe poi quotate, cosa che solitamente provoca un grande rialzo degli asset in questione. 

Questa della SEC sarebbe la prima azione esecutiva con accuse di questo tipo rivolta contro una società di criptovalute, e potrebbe essere l’ennesimo segnale che il settore andrebbe al più presto regolamentato, proprio come lo sono i prodotti di finanza tradizionale.

L’accusa presentata in un tribunale dei Seattle rafforzerebbe, se confermata, la teoria portata avanti dal Presidente Gary Gensler, che considera le criptovalute come titoli e security. Proprio per questo motivo la SEC da due anni sarebbe in causa con alcune società, tra cui Ripple, che sarebbe accusata di aver venduto titoli senza autorizzazione. Ma in questo caso la causa sembrerebbe volgere a favore della società crypto.

Gurbir S. Grewal, direttore della Division of Enforcement della SEC, ha affermato a proposito delle accuse formulate contro gli ex dipendenti di coinbase: 

“Non ci occupiamo delle etichette, ma piuttosto delle realtà economiche di un’offerta. In questo caso, quelle realtà affermano che un certo numero di criptovalute in questione erano titoli e, come affermato, gli imputati si sono impegnati nel tipico insider trading prima della loro quotazione su Coinbase.”

Svelati i tre manager coinvolti nelle accuse

Ishan Wahi, product manager dell’exchange di criptovalute, e suo fratello, Nikhil Wahi, sono stati arrestati giovedì a Seattle. Mentre un terzo imputato, Sameer Ramani, sarebbe ancora latitante.

Nikhil Wahi, 26 anni, e Ramani, 33 anni, secondo le accuse rivolte loro dalla SEC, avrebbero utilizzato portafogli blockchain anonimi di Ethereum per acquisire token digitali, prima degli annunci di Coinbase e poi le hanno vendute per un profitto di almeno 1,5 milioni di dollari (1,25 milioni di sterline), hanno affermato i pubblici ministeri.

Damian Williams, procuratore distrettuale di New York, che si occupa del caso insieme a Michael J. Driscoll, ha affermato in merito alle accuse ai dipendenti dell’exchange che:

“Le accuse di oggi sono un ulteriore promemoria del fatto che Web3 non è una zona senza legge. Proprio il mese scorso, ho annunciato il primo caso di insider trading in assoluto che coinvolge NFT e oggi annuncio il primo caso di insider trading in assoluto che coinvolge i mercati delle criptovalute. Il nostro messaggio con queste accuse è chiaro: la frode è frode, che avvenga sulla blockchain o a Wall Street”.

Howard Fischer, un partner dello studio legale di New York Moses & Singer, che cura la difesa di Coinbase ed altre società crittografiche, ha affermato che le persone sono state accusate di frode telematica e non di insider trading:

“Non è un caso di insider trading perché non esiste un insider trading per una non-sicurezza come un asset crittografico, quindi i pubblici ministeri hanno dovuto utilizzare la frode telematica”.

Sul tema è intervenuto anche il CEO e fondatore di Coinbase, Brian Armstrong:

“Coinbase prende molto sul serio le accuse di uso improprio delle informazioni aziendali, come dimostrato dalla nostra rapida indagine su questo argomento. Ancora una volta, abbiamo tolleranza zero per questo tipo di cattiva condotta e non esiteremo ad agire contro qualsiasi dipendente quando troviamo un comportamento illecito”.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.