La tecnologia che può rivoluzionare l’economia del Sud-Est asiatico
La tecnologia che può rivoluzionare l’economia del Sud-Est asiatico
Criptovalute

La tecnologia che può rivoluzionare l’economia del Sud-Est asiatico

By Guest post - 3 Set 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Le autorità di regolamentazione del Sud-est asiatico sono diventate sempre più aggressive nei confronti di asset digitali come il Bitcoin e altre criptovalute. Il 9 agosto, il ministro delle Finanze thailandese Arkhom Termpittayapaisith ha annunciato l’intenzione di introdurre regole più severe per le piattaforme e gli scambi di asset digitali. Questo segue le misure adottate da Singapore per espandere le proprie norme, segnando un potenziale cambiamento del suo ambiente commerciale, in precedenza favorevole. In un certo senso, questi provvedimenti rientrano nella tendenza globale a un maggiore controllo da parte dei governi sui mercati degli asset digitali dopo il loro improvviso e continuo crollo. Tuttavia, nel Sud-Est asiatico in particolare, le autorità di regolamentazione dovrebbero procedere con cautela. Un’eccessiva regolamentazione rischia di soffocare un settore promettente le cui innovazioni potrebbero sbloccare la prosperità per milioni di persone rendendo più facili le rimesse. 

Le rimesse sono importanti a livello globale, ma ancora di più nelle aree in cui prosperano le popolazioni non bancarizzate, come il Sud-est asiatico, dove secondo le ultime stime oltre il 70% della popolazione non ha un conto bancario. Nel 2021, i flussi di rimesse sono stati pari a 597 miliardi di dollari. Secondo la Banca Mondiale, i flussi di rimesse sono maggiori di tutti gli altri afflussi di capitale messi insieme per tutti i Paesi della regione. Anche durante l’apice della pandemia COVID-19, i flussi di rimesse sono aumentati del 5,2%. Ci sono milioni di famiglie nel Sud-Est asiatico che sarebbero semplicemente indigenti senza i flussi di capitale inviati dai familiari all’estero. Le rimesse pagano cibo e medicine, ma anche case e istruzione. Qualsiasi piano di sviluppo a lungo termine per la regione deve includere le rimesse come fattore vitale. 

L’importanza delle rimesse

Nonostante la loro importanza, i flussi di rimesse sono ancora limitati da due ostacoli principali: il costo e la velocità. Secondo la Banca Mondiale, una rimessa di 200 dollari può comportare commissioni medie comprese tra il 5% e il 9,3%. Questo costo è semplicemente troppo elevato e sottrae denaro direttamente dalle tasche di alcune delle popolazioni più bisognose del mondo. Anche i lunghi tempi di attesa per ricevere le rimesse danneggiano direttamente coloro che possono permetterselo di meno. Una transazione standard di rimessa richiede fino a cinque giorni: nel caso di una fattura medica improvvisa, ad esempio, questo ritardo può fare la differenza tra una famiglia che si indebita o che riesce a pagare le cure mediche di un proprio caro. 

Le spese e la lentezza delle rimesse sono in gran parte causate dalla regolamentazione e dalla struttura dell’industria finanziaria globale. I controlli internazionali sui capitali e le norme antiriciclaggio, sommati ai molteplici intermediari, hanno lo scopo reale di proteggere dalla criminalità organizzata e dal commercio illecito, ma rendono milioni di persone più povere. 

In risposta a ciò, i lavoratori e le loro famiglie si sono rivolti sempre più spesso alla tecnologia blockchain. Ad esempio, nelle Filippine, dove le rimesse in contanti rappresentano più del 9% del PIL totale, i portafogli di criptovalute stanno diventando lo strumento preferito per questi trasferimenti. In Vietnam e nelle Filippine, rispettivamente il 21% e il 20% della popolazione dichiara di utilizzare o aver utilizzato le criptovalute. Questo fa parte di un boom globale nell’uso delle criptovalute per le rimesse, il cui utilizzo è cresciuto del 900% a livello mondiale lo scorso anno. 

rimesse blockchain
L’importanza della blockchain nelle rimesse

Le criptovalute come strumento per le rimesse

Sebbene le criptovalute di per sé non siano una soluzione perfetta per le rimesse – sono volatili e complesse – sono solo uno degli usi della tecnologia blockchain sottostante. La blockchain ha un potenziale quasi rivoluzionario per cambiare il futuro delle rimesse globali, in particolare in Asia. Funziona memorizzando pezzi di informazioni come “blocchi” che vengono aggiunti a una “catena” di transazioni e poi distribuiti in una rete di nodi informatici per la verifica. Per aggiungere altre informazioni alla catena, tutti i nodi devono verificarle. Questo rende la blockchain incredibilmente affidabile. 

Questa affidabilità è importante per il finanziamento delle rimesse. Un problema comune alle famiglie di immigrati nel sud-est asiatico è l’impossibilità di accedere ai finanziamenti. Poiché il principale percettore di reddito si trova all’estero in un sistema di lavoro straniero, la famiglia in patria non dispone della documentazione necessaria per dimostrare ai finanziatori di non essere a rischio di credito. Senza finanziamenti, le famiglie non possono chiedere prestiti per investimenti che cambiano la vita, come l’istruzione o in caso di emergenza. Tuttavia, come hanno riferito sia l’OCSE che la Banca Asiatica di Sviluppo, una blockchain decentralizzata consente ai lavoratori all’estero di registrare il proprio status finanziario e lavorativo in modo semplice e accurato, senza nemmeno bisogno di accedere a un documento d’identità. Grazie alla sicurezza della blockchain, le banche dei Paesi d’origine si fidano di questi dati. Utilizzando questi dati, le loro famiglie in patria possono, per la prima volta, contrarre prestiti per effettuare investimenti che li facciano uscire dalla povertà, potenzialmente con l’aiuto di quelli che sono diventati noti come identificatori decentralizzati. 

La blockchain può anche rendere il sistema di rimesse esistente più veloce ed economico. Attualmente, le intense normative antiriciclaggio Know Your Customer (KYC) sono una delle ragioni principali del costo e della lentezza delle rimesse. 

La spinta della tecnologia blockchain

Tuttavia, la tecnologia basata sulla blockchain potrebbe consentire ai clienti di utilizzare un’impronta digitale da usare come identificatore unico e da memorizzare su una catena digitale che potrebbe essere distribuita in modo sicuro a tutte le istituzioni finanziarie una sola volta, invece di dover effettuare i controlli più volte. Un recente rapporto dell’OCSE illustra come questa tecnologia potrebbe rimodellare radicalmente le rimesse. 

Si tratta di un settore nuovo e nascente: ci sono innovazioni ancora da scoprire e alcuni problemi dovranno essere risolti. Nonostante questo potenziale, molti governi sono troppo riluttanti a correre il rischio di sbloccare la potenza di questa tecnologia. Cina, Myanmar, Bangladesh e Cambogia hanno vietato ufficialmente o di fatto l’uso delle criptovalute, influenzando inavvertitamente in modo negativo il ruolo che la blockchain può svolgere nel rivoluzionare le loro economie. Anche se finora non tutti i Paesi del Sud-Est asiatico hanno seguito il loro esempio, l’Economist prevede che le limitazioni continueranno a crescere in tutta la regione nei prossimi cinque anni. 

Naturalmente, una certa dose di regolamentazione è attesa e auspicabile. Tuttavia, l’attuale posizione di molti dei nostri governi si spinge troppo oltre. Considerando tutte le società di criptovalute – e, soprattutto, gli sviluppatori di blockchain – con un sospetto assoluto, rischiamo di uccidere l’intero settore con la cautela. Sebbene al momento non sia perfetto, un certo grado di imperfezione e di assunzione di rischi è necessario per l’innovazione. E se un’innovazione viene realizzata, potrebbe incrementare le rimesse e la prosperità dell’intera regione. 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.