Attenzione a Bitcoin Bank e Intesa Sanpaolo
Attenzione a Bitcoin Bank e Intesa Sanpaolo
Sicurezza

Attenzione a Bitcoin Bank e Intesa Sanpaolo

By Marco Cavicchioli - 26 Ott 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Circola una pericolosa fake news a cui bisogna fare attenzione perché di fatto promuove un tentativo di truffa: si tratta della notizia di Bitcoin Bank e Intesa Sanpaolo. 

Bitcoin Bank e un ipotetico software di trading automatico che promette facili guadagni. 

Intesa Sanpaolo, invece, è il maggior gruppo bancario italiano per numero di sportelli e quota di mercato, con un fatturato di oltre 20 miliardi di euro. La società è quotata alla Borsa di Milano, e le sue azioni rientrano nell’indice Euro Stoxx 50 e nell’Euro Stoxx 50 Banks. 

Sul sito web ufficiale di Intesa Sanpaolo non c’è alcuna traccia di un qualche servizio chiamato “Bitcoin Bank”, anche perchè ad oggi questa banca non offre alcun servizio crypto. 

Nonostante ciò, circola lo stesso la notizia falsa che Bitcoin Bank sia un servizio offerto da Banca Intesa Sanpaolo. 

Inoltre esiste addirittura un sito web chiamato BuyBitcoinBank che parla di Intesa Sanpaolo, e sebbene dica esplicitamente che la banca non offre direttamente servizi e trading di criptovalute, ad un’analisi superficiale potrebbe sembrare che colleghi Bitcoin Bank a Intesa Sanpaolo. 

Bitcoin Bank e la relazione con Intesa Sanpaolo

Bitcoin Bank è il solito banale tentativo di truffa che cerca di irretire gli ingenui utilizzando in modo totalmente fuorviante il nome di Bitcoin. 

Purtroppo ci sono diversi siti web che possono sembrare apparentemente legittimi e che promuovono a loro volta questa truffa molto probabilmente perchè guadagnano una percentuale sui fondi che vengono rubati in questo modo. 

Bitcoin Bank è facilmente riconoscibile come truffa, perché il suo sito web è praticamente identico a molte altre truffe simili. Anzi, solitamente si tratta della stessa truffa a cui vengono dati, però, molti nomi diversi, tutti inventati. Per questo motivo il sito web è sostanzialmente sempre lo stesso, solamente con qualche parola cambiata. 

Ad esempio Bitcoin Bank può diventare Bitcoin Code, Bitcoin Up, Bitcoin 360 AI, Bitcode Method, eccetera. 

La truffa di Bitcoin Bank si collega a Intesa Sanpaolo

Si riconosce immediatamente che si tratta di una truffa perché promette agli ingenui visitatori di diventare ricchi velocemente, facilmente, senza sforzo, senza rischi, ed “investendo” una piccola cifra (250€). 

Visto che non esiste, e non può ragionevolmente esistere, nessun sistema che consenta a chiunque di diventare ricchi velocemente, facilmente, senza sforzo, senza rischi, ed “investendo” solo 250€, si capisce immediatamente che si tratta solamente di menzogne. 

La menzogna più evidente, però, è quella che collega Bitcoin Bank ad Intesa Sanpaolo, dato che chiunque può andare a verificare sul sito web ufficiale di Intesa Sanpaolo che non vi sia traccia alcuna di Bitcoin Bank. 

Ma questi truffatori non si limitano a millantare collegamenti tra la loro truffa e Bitcoin o Intesa Sanpaolo, perché sul loro sito web mostrano un video con diversi personaggi famosi, tra cui Bill Gates e Richard Branson. Tutti questi collegamenti sono completamente falsi, ovvero contraffatti dai truffatori solo per cercare di dare maggiore forza alla loro campagna di convincimento degli ingenui. 

In genere quando qualcuno che chiede del denaro, come in questo caso, lo fa utilizzando menzogne come motivazioni per convincere gli ingenui, dietro c’è sempre un tentativo di truffa. Anzi, quando vengono raccontate delle menzogne per convincere la gente ad inviare del denaro quasi sempre tutto quello che viene detto dai truffatori sono menzogne. 

Pertanto è lecito dubitare di qualsiasi altra informazione riportata sul sito web di Bitcoin Bank, tanto che è possibile addirittura immaginare che il loro “software di trading automatico” in realtà nemmeno esista. Esiste solo un sito web pieno di numeri inventati, creato ad arte per convincere gli ingenui a regalare del denaro a questi truffatori. 

Tutte le “testimonianze” di guadagni riportate sul sito sono false, esattamente come il collegamento con Bitcoin, Intesa Sanpaolo, Bill Gates o Richard Branson. 

Anche tutte le “certificazioni” millantate sul sito sono false, comprese le citazioni di note testate giornalistiche su cui il software sarebbe stato recensito. 

Persino i “premi” che il software avrebbe ricevuto sono solo millanteria. 

L’unica cosa vera è il sistema per inviare loro del denaro. 

Oltretutto il loro sistema prevede che agli ingenui che versano inizialmente 250€ venga poi chiesto, ovviamente, di versare altro denaro. Lo fanno sia mostrando falsi guadagni in modo da cercare di convincere i malcapitati che il loro sistema funzioni (ma sono solo dati fasulli).Lo fanno anche però chiamando i malcapitati insistentemente per cercare di convincerli a parole a versare altro denaro. 

Sono purtroppo note diverse storie di persone che in questo modo hanno perso anche decine di migliaia di euro. 

Intesa Sanpaolo

In tutto ciò la banca Intesa Sanpaolo non c’entra assolutamente nulla, così come non c’entra Bitcoin. È solo uno dei vari brand sfruttati illecitamente dai truffatori per promuovere la loro truffa. 

Oltretutto, come già evidenziato, non solo Intesa Sanpaolo non offre alcun servizio chiamato Bitcoin Bank, ma ad oggi non risulta proprio offrire alcun servizio crypto. 

A dire il vero in giro per il mondo, invece, esistono già diversi gruppi bancari storici che offrono servizi crypto. 

Intesa Sanpaolo è un gruppo nato solamente nel 2007 dalla fusione tra Banca Intesa e Sanpaolo IMI, ma a sua volta il gruppo Sanpaolo IMI nacque nel 1998 con la fusione dello storico istituto di credito San Paolo di Torino, con IMI, ovvero l’Istituto Mobiliare Italiano del Ministero del tesoro. 

L’Istituto Bancario San Paolo di Torino è nato addirittura nel 1563, ovvero esiste da quasi mezzo millennio. IMI, invece, esiste dal 1931. 

Se da un lato non stupisce che banche con antiche tradizioni non siano particolarmente avvezze ad addentrarsi nel rischioso mondo dell’innovazione finanziaria, va però ricordato che in giro per il mondo vi sono anche banche di antica tradizione già attive nel mondo crypto. 

L’Italia, però, è un Paese in cui l’innovazione finanziaria fa molta difficoltà ad attecchire, e questo spiega perché sono ancora pochissime le banche italiane ad offrire servizi crypto. 

Eppure sembra invece che potrebbero giovarsi non poco dell’innovazione finanziaria, come dimostra ad esempio il confronto tra le performance in borsa di gruppi bancari più e meno moderni. 

Il titolo ISP di Intesa Sanpaolo alla borsa di Milano nel corso degli ultimi decenni non ha performato bene. 

Nel 1998, quando nacquero sia Banca Intesa che Sanpaolo IMI, le azioni di Banca Intesa valevano poco più di 3,2€. Oggi le azioni del gruppo Intesa Sanpaolo valgono meno di 1,9€. Quindi senza contare l’impatto dell’inflazione, il titolo ha perso il 40% in 24 anni. 

Ancora peggio ha fatto il secondo gruppo bancario del Paese, Unicredit. Il titolo UCG alla borsa di Milano ha perso più del 90% nel medesimo periodo, passando da più di 131€ a meno di 12€. 

Invece, ad esempio, il titolo FinecoBank, una delle banche italiane più attente all’innovazione, da quando ha esordito alla borsa di Milano nel 2014 ha guadagnato il 240%, anche se non è passato attraverso la grande crisi finanziaria del 2008. 

Se prendiamo come riferimento solo gli ultimi otto anni, FinecoBank in borsa ha fatto +240%, mentre nel medesimo periodo Intesa Sanpaolo ha fatto +51% e Unicredit -62%. 

È, quindi, piuttosto evidente che i mercati stiano premiando maggiormente le nuove banche innovative, piuttosto che le banche tradizionali poco avvezze all’innovazione finanziaria. 

Per questo motivo è plausibile immaginare che prima o poi anche Intesa Sanpaolo sarà in qualche modo costretta ad iniziare ad offrire servizi crypto ai propri clienti, come fa già ad esempio la stessa Fineco o altre banche innovative. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.